WTA Roma: Sara Errani nella storia, domani affronterà Serena Williams

WTA Roma: Sara Errani nella storia, domani affronterà Serena Williams

Sara Errani entra nella storia del tennis italiano raggiungendo la finale del torneo WTA di Roma. Domani Sarita si troverà davanti l’ostacolo più difficile: Serena Williams. Riuscirà Sara a compiere un’altra impresa?

Commenta per primo!

L’impresa è compiuta. Sara Errani è entrata nella storia del tennis italiano, battendo Jelena Jankovic e raggiungendo la finale del torneo WTA di Roma. La tennista italiana non ha lasciato scampo a un’incolpevole e frustrata Jankovic che, apparsa molto nervosa nel corso del primo set, si è poi ripresa nel secondo, regalando al Foro Italico una lotta punto a punto. Sara Errani ne è uscita vincitrice, difendendosi dagli attacchi da fondo della serba, che le prova tutte, scendendo anche a rete, ma nulla oggi poteva fermare i passanti di Sarita. Una Errani perfetta. Una giocatrice che dimostra di essere completa, precisione e potenza da fondo campo, sensibilità e delicatezza nei pressi della rete, dove oggi non ha sbagliato un colpo. Sara ha esaltato il Foro Italico a ritmo di volèe, demi-volèe e stop volley, alternandole con intelligenza. Erano 64 anni che una tennista italiana non raggiungeva la finale a Roma. Nel 1950 fu l’italo-tedesca Annelies Ullstein Bossi a vincere il torneo. Domani ci proverà Sarita a riscrivere un altro capitolo della storia del tennis italiano. Sulla sua strada non poteva capitare avversaria peggiore, infatti Serena Williams ha sconfitto Ana Ivanovic. Nel primo set la tennista serba è riuscita a tenere soltanto il suo primo turno di servizio. Nel secondo Ivanovic parte bene e infligge all’americana 4 giochi consecutivi. Serena recupera un solo break prima di arrendersi. Nel set decisivo l’americana chiude così come aveva cominciato, come se fosse tutto di una semplicità disarmante, con un solo game lasciato all’avversaria.

Sara Errani – Jelena Jankovic: 6-3, 7-5

Serena Williams – Ana Ivanovic: 6-1, 3-6, 6-1

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy