Wta San Pietroburgo: niente da fare per Roberta Vinci. Kiki Mladenovic ritorna alla vittoria

Wta San Pietroburgo: niente da fare per Roberta Vinci. Kiki Mladenovic ritorna alla vittoria

Il programma odierno ha visto in campo le vincitrici delle due edizioni Premier del torneo: Roberta Vinci e Kiki Mladenovic. Niente da fare per Roberta Vinci che ha giocato alla pari con Julia Goerges per gran parte del primo set. Subito il break nell’undicesimo gioco e perso il parziale, Roberta è crollata nel secondo. Kiki Mladenovic batte in due set Dominika Cibulkova e mette così fine a una striscia di 15 sconfitte consecutive.

di Monica Tola

NIENTE DA FARE PER ROBERTA VINCI – La chiave tattica di Roberta Vinci è chiara: muovere Julia Goerges, impedirle di colpire da ferma e destabilizzarla negli scambi rovescio-rovescio con il back profondo e senza peso. Deve servire bene Roberta, per non esporsi ai vincenti diretti della tedesca in risposta. Lo fa benissimo l’azzurra, nonostante le due palle break salvate nel terzo gioco. Game caratterizzato da una autentica magia: un passante stretto di dritto, che ha lasciato impietrita a rete la teutonica. Il break tedesco però arriva nel quinto gioco. Sul 2-2 e servizio, Roberta va immediatamente sotto 0-40. Si avvicina sul 30-40 con due aces e alla terza palla break da salvare sbaglia la cosa più facile: un dritto a colpo sicuro fuori misura. Julia Goerges non prende però il largo: controbreak immediato e 3-3. Turni in battuta rispettati fino al decimo gioco: 5-5. Julia Goerges nel frattempo è stata chiamata avanti più volte e se costretta a muoversi e fronteggiare palle lavorate non c’è storia. La tedesca è decisamente più incisiva quando può impostare sui propri canoni: gli scambi brevi o lo sfondamento non appena Roberta Vinci accorcia. L’azzurra perde in incisività e nell’undicesimo game, alla quarta palla break, la teutonica mette a segno l’allungo decisivo. 6-5 e servizio per la numero 12 del mondo, che non fallisce l’appuntamento in battuta e chiude dopo 52 minuti. 22 a 10 il saldo dei vincenti a favore di Julia Goeges. Il secondo parziale scivola di mano velocemente a Roberta Vinci. Pochi minuti e Julia Goerges è avanti 3-0 con doppio break. La tarantina ha accusato il colpo per il primo set perso dopo aver combattuto e giocato alla pari fino al 5-5. Julia Goerges dilaga con le risposte di dritto verso il rovescio di Roberta. Qualche sofferenza per la Goerges nel quarto gioco, con due palle break salvate. Ma la tedesca ha dalla sua un’arma come il servizio e le accelerazioni da ferma e nulla di fatto per Roberta. 4-0 e un istante dopo arriva anche il 5-0. E’ la resa di Roberta Vinci che ha perso le misure dei colpi. Julia Goerges si appresta a servire per i quarti di finale e stacca il pass. Affronterà Elena Rybakina.

KIKI MLADENOVIC TORNA ALLA VITTORIA – Ottimo primo set per Kiki Mladenovic. Per la transalpina il match contro Dominika Cibulkova ha una grandissima importanza: la numero 10 del mondo è campionessa in carica a San Pietroburgo e una eventuale sconfitta o una uscita precoce dal torneo significherebbe una emorragia di punti con conseguenze catastrofiche per il ranking. La francese non era partita benissimo: subito sotto di un break e 2-0, si è ripresa pareggiando immediatamente i conti. Dominika Cibulkova aveva imposto i propri ritmi, riuscendo a scacciare abbondantemente fuori dalla linea di fondo l’avversaria. La slovacca ha colpito con il dritto e finché Kiki Mladenovic non ha innalzato il livello del gioco, tutto stava procedendo bene per la Cibulkova. La partita ha cambiato volto a metà set: Kiki Mladenovic, che aveva retto emotivamente il break di svantaggio, ha lasciato andare il braccio. Efficacissima in battuta, Kiki ha applicato a occhi chiusi il suo schema preferito: il servizio-chiusura di dritto. Anche in risposta le cose sono andate decisamente meglio. Tanto che, nel nono gioco, quando sul 4-4 Dominika Cibulkova è andata in battuta, la transalpina si è presa il break. 5-4 e servizio. Nonostante due doppi falli, Kiki Mladenovic è riuscita a scrollarsi la tensione di dosso e chiudere il primo set. I game consecutivi firmati dalla francese a partire dal 4-4 del primo set, sono cinque e questo score accompagna la Mladenovic sul 2-0 nel secondo parziale (con break agguantato in apertura). Si invola fino al 3-1, salvando con autorità due palle break. Dominika Cibulkova aumenta a dismisura il numero dei gratuiti, mentre dall’altra parte del campo, Kiki Mladenovic è in piena fiducia e ha le idee chiare sul piano tattico da attuare: non permettere alla slovacca di pressare. La transalpina rischia le soluzioni meno semplici, quali cross strettissimi, e le riesce tutto: anche il secondo break. In punteggio significa 4-1 e servizio. Questo, paradossalmente, è il momento più critico per Kiki Mladenovic, per l’attuale Kiki, perlomeno: fronteggiare i momenti chiave del match. Cede uno dei due break di vantaggio e rischia di restituire anche il secondo che avrebbe consentito alla Cibulkova di agganciare sul 4-4. La francese impiega nove minuti per tenere il turno in battuta: due doppi falli, errori su errori, ma a darle una mano provvidenziali sono i disastri della slovacca. E’ 5-3 Mladenovic. Il momento della verità arriva quando sul 5-4 Kiki serve per il match e porre fine alla maledizione delle 15 sconfitte consecutive. Un dritto in rete di Dominika Cibulkova chiude il dramma sportivo di un’atleta che non vinceva una partita dal 2 agosto 2017.

SINIAKOVA IN DUE SET SU MAKAROVA – Katerina Siniakova ha avuto la meglio in un primo set combattutissimo e nel quale è accaduto di tutto. Prima è stata la tennista ceca a non sfruttare un set point, quando era avanti 6-5 e servizio Makarova. Nel tie break, invece, è stata Ekaterina Makarova ad avere tre set point consecutivi: in vantaggio 6-3 e con due servizi a disposizione, la russa ha gettato via il primo con un doppio fallo. La Siniakova ha poi completato la rimonta e prevalso 9-7, dopo un’ora e 2 minuti di gioco. Fino alle fasi finali il primo parziale non aveva riservato particolari emozioni. All’improvviso entrambe hanno innalzato il livello di gioco e la partita è diventata molto più bella e intensa dal punto di vista agonistico. Partenza sprint di Ekaterina Makarova nel secondo set. Avanti 3-0 e poi 4-1 con break finalizzato nel secondo gioco, la russa ha rovinato tutto. Katerina Siniakova è riuscita a infilare tre giochi consecutivi e pareggiare sul 4-4, poi nell’undicesimo game, ha piazzato il break decisivo che sul 6-5 l’ha spedita dritta in battuta per raggiungere i quarti di finale. Missione compiuta e ad attenderla c’è ora Kiki Mladenovic.

Risultati:

[5] J. Goerges b [Q] R. Vinci 7-5 6-0

[4] K. Mladenovic b D. Cibulkova 6-4 6-4

K. Siniakova b E. Makarova 7-6 (7) 7-5

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy