Wta Stoccarda, subito eliminata la Giorgi

Wta Stoccarda, subito eliminata la Giorgi

La tedesca Annika Beck supera in due set la marchigiana. A Istanbul eliminata al primo turno anche Karin Knapp.

Commenta per primo!

Non era proprio il torneo di Camila Giorgi il Wta di Stoccarda: l’ azzurra esce al primo turno, sconfitta in due set, dalla tedesca Annika Beck, numero 41 del Ranking, sprecando anche il ripescaggio avuto a disposizione.

La Giorgi infatti, dopo aver ceduto al terzo turno delle qualificazioni, era stata inserita nel main draw, come lucky looser, sfruttando i ritiri delle atlete già ammesse (fra le quali anche Sara Errani); un’ occasione d’ oro per Camila, abbinata alla Beck, avversaria assolutamente alla portata dell’ azzurra, che se avesse superato le qualificazioni, si sarebbe trovata opposta a Petra Kvitova.

Ma come ha già dimostrato in innumerevoli occasioni, se è in giornata no, per la Giorgi non c’è fortuna che tenga, e il gioco più vario della tedesca alla fine prevale sull’ aggressività dell’ azzurra, che resta in partita fino al 3-3 del primo parziale, quando subisce il break che si rivelerà decisivo. La marchigiana tenta di reagire, annulla anche dei set point, ma alla fine incassa il 6-4 che le taglia le gambe; nel secondo set infatti, Camila perde il servizio altre due volte e non riesce più a rientrare in partita.

Non è andata meglio a Louise Chirico, che aveva eliminato la Giorgi dalle qualificazioni: l’ americana si imbatte in una Petra Kvitova in versione monstre, che le rifila un doppio 6-0 in meno di un’ ora di gioco. Da segnalare il dato riguardante i vincenti messi a segno dalla tennista statunitense: 0.

Karin-Knapp-img11254_668-600x398

Non è andata meglio a Karin Knapp al torneo di Istanbul, la tennista altoatesina si arrende in tre set al cospetto della esperta doppista Su Wei Hsieh, che si impone con il punteggio di 6-7 7-5 6-1.

Un match che sembrava già vinto dalla Knapp, che dopo essersi aggiudicata il primo set, si trovava in vantaggio 5-3 anche nel secondo, ma un parziale di quattro game consecutivi mandava il match al terzo set, dove l’ azzurra, rientrata da poco nel circuito, subiva un vero e proprio crollo: 6-1 probabilmente frutto della stanchezza, e match che è scivolato via, dopo 2 ore e 40 minuti, e una buona dose di rammarico.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy