Wta Wuhan: Giorgi sfiora la rimonta, Bertens non si ferma più

Wta Wuhan: Giorgi sfiora la rimonta, Bertens non si ferma più

Eliminata Camila Giorgi, che perde in tre set un match pazzo contro la serba Krunic. Dopo aver perso il primo parziale, Camila si è aggiudicata il secondo, illudendo di poter conquistare anche il terzo, ma uscendo sconfitta dopo due ore di gioco. Bertens vince ancora; bene Barty e Strycova.

di Antonio Sepe

GIORGI SPRECONA- Niente da fare per Camila Giorgi, che dopo l’exploit giapponese della settimana scorsa, non riesce a ripetersi in quel di Wuhan, perdendo un match contro un’avversaria alla portata quale Aleksandra Krunic. Nonostante la sfida sia stata equilibrata tanto che è terminata in tre set e dopo oltre due ore di gioco, possiamo tranquillamente dire che Camila Giorgi avrebbe potuto fare di più, soprattutto in alcuni momenti particolarmente delicati, ma nel complesso è giusto che a vincere sia stata la serba, quest’oggi decisamente più solida, costante ed in controllo. Tra le statistiche del match, spiccano gli undici doppi falli della Giorgi, che non è stata un cecchino, per così dire, al servizio, malgrado nel complesso non sia andata così male. La sua avversaria, però, ha sfruttato l’arma del servizio in maniera diversa e più che efficace, risultando molto prolifica grazie a ben 9 aces messi a segno e molti punti vinti grazie alla prima.

Come accade spesso nei match femminili, il primo set è stato caratterizzato da molti break, ben cinque su dieci giochi totali, ed a spuntarla è stata la Krunic, che ha sprecato un set point sul 5-2 per poi chiudere nel proprio turno di battuta seguente 6-4. Secondo set, invece, molto più lineare e che ha seguito l’andamento dei servizi, non a caso l’unica palla break è stata offerta dalla Giorgi nel settimo game, anche se in realtà è stata proprio la tennista azzurra a rompere questo schema, piazzando il break che le è valso il set sul 5-4 in suo favore.

Dopo aver brillantemente portato a casa il secondo parziale, la Giorgi a questo punto partiva con i favori del pronostico anche nel terzo set, ed il primo turno di servizio liquidato in maniera agevole non faceva che presagire bene. Purtroppo, però, Camila ha avuto un brutto passaggio a vuoto dove ha vinto appena 5 punti in altrettanti giochi, ed ha permesso alla Krunic di portarsi sul 5-1. Proprio nel settimo gioco, la serba ha avuto tre match point consecutivi in suo favore che davano ormai la vittoria come cosa certa, ma la Giorgi è stata protagonista di un’incredibile reazione d’orgoglio, rimettendo in piedi il match e risalendo la china fino al 4-5. Malgrado ciò, la Krunic si è desteggiata molto bene nel decimo gioco e si è aggiudicata il match, guadagnandosi la sfida al secondo turno contro Petra Kvitova.

Camila Giorgi
Camila Giorgi

ALTRI MATCH- Nei restanti incontri, continua a stupire Kiki Bertens che, reduce dalla vittoria a Seoul, quest’oggi si è imposta in tre set ai danni di Belinda Bencic. Molto bene anche Ashleigh Barty, che ha prevalso contro la Konta in una sfida per nulla agevole, mentre a sorpresa sono state sconfitte Maria Sakkari, per mano della wild card Wang, e Su-Wei Hsieh, dalla qualificata Kenin. Facile vittoria per Barbara Strycova, che liquida in due set la Cornet. Sfortunata, invece, Coco Vandeweghe, costretta al ritiro all’inizio del terzo set nella sfida contro Donna Vekic. Infine, approda già al terzo turno Shuai Zhang, che ha la meglio della lucky loser Polona Hercog, entrata in tabellone al posto dell’infortunata Osaka, ed ora attenderà la vincente del che vedrà opposte Kontaveit e Vekic.

Wta Wuhan – Primo turno

A. Krunic b. C. Giorgi 64 46 64

B. Strycova b. A. Cornet 63 62

[16] A. Barty b. J. Konta 75 64

D. Vekic b. C. Vandeweghe 64 36 21 rit

[12] K. Bertens b. B. Bencic 63 46 62

[WC] Q. Wang b. M. Sakkari 75 62

[Q] S. Kenin b. S. Hsieh 61 61

Wta Wuhan – Secondo turno

S. Zhang b. [LL] P. Hercog 62 75

17 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Dino Bastar - 3 settimane fa

    Prenditi un vero allenatore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Massimo Mangiarotti - 3 settimane fa

    Questa che ha un solo merito . Il più bel lato B del WTA , a 50 anni sarà ancora una ” promessa del tennis italiano “. P.s. già che c’è perche npn elimina il gonnellino. Almeno ci lustriamo gli occhi non potendolo fare con il tennis.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Andrea Valeri - 3 settimane fa

    Pensavo diventasse più forte,che maturasse tatticamente e tecnicamente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Rosario Occhipinti - 3 settimane fa

    La Krunic… Occhio, non mi sembra un fuoco di paglia…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Michele De Bonis - 3 settimane fa

      Kvitova l’ha già sistemata

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Rosario Occhipinti - 3 settimane fa

      Parlavo in prospettiva ovviamente…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Manzella Piero Manzella - 3 settimane fa

    Sfiora…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Ettore Rinaudo - 3 settimane fa

    La Giorgi? Ennesima dimostrazione di talento sprecato!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Luca Maggioni - 3 settimane fa

    Ah era una partita di tennis?…no perché dal giocare Giorgi mi era parsa più la gara di chi tira più forte

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Monica Tola - 3 settimane fa

      Considera che la Giorgi arrivava da Tokyo e, probabilmente, a corto di energie. Non si è giocato indoor e quindi è venuta a mancare una delle condizioni ideali per l’italiana. Cosa da non trascurare: la Krunic è una giocatrice che varia tanto, quindi molto fastidiosa per la Giorgi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Maria Diomede - 3 settimane fa

      La Krunic ha castigato tutte le italiane

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Monica Tola - 3 settimane fa

      14 maggio, Foro Italico

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Luca Maggioni - 3 settimane fa

      Monica …che sia la Giorgi a variar poco ed esser semplice per le avversarie

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Monica Tola - 3 settimane fa

      Che la Giorgi non ami variare e non cambi piano in base a chi ha di fronte è più che sicuro

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Luca Maggioni - 3 settimane fa

      Ci sono stati 15 (almeno 4) dove sarebbe stato sufficiente appoggiare di la la palla ..avrebbe potuto farlo anche con il manico tanto era il tempo per farlo e tanto era lontana l avversaria….ed invece .pataslem 2 vincenti 2 errori…ma io dico possibile che un talento del genere con un braccio missile(velocissima l esecuzione dei colpi) in un fisico d atleta così possa essere bruciata per un best ranking 30?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. Monica Tola - 3 settimane fa

      Un classico. La mancanza di mezze misure. Non è l’unica nel circuito che troppo spesso colpisce senza guardare dove è posizionata l’avversaria e basterebbe una frazione di secondo per scegliere la soluzione meno rischiosa. Ecco perché ci sono tante giocatrici che vivono di settimane buone, più che di risultati costanti. La Giorgi è una di quelle. Ti azzecca i 15 giorni nei quali gira tutto bene e rischia di arrivare in fondo a uno Slam. A Wimbledon era stata l’unica, Kerber a parte, a mettere in difficoltà Serena Williams. Per me poteva vincerla quella partita. Ha avuto le occasioni e le ha buttate via ostinandosi a stare troppo avanti in risposta. Non era la migliore Williams, ma non si può pensare di rispondere alla sua prima stando con i piedi un metro dentro al campo. E non ha cambiato strategia, nonostante non funzionasse

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    8. Luca Maggioni - 3 settimane fa

      Analisi perfetta la tua…io ho la mia opinione sul perché e sul per come…ma è la mia è urterebbe la sensibilità degli accaniti sostenitori di Camila…mi dispiace davvero ..mi dispiace che un talento sportivo italiano come lei non sia salvaguardato da un “Mouratoglou di turno”….

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy