Addio, cara Coppa Davis

Addio, cara Coppa Davis

È stata la Croazia ad aggiudicarsi l’ultimo atto della storica Coppa Davis. Dal prossimo anno sarà rivoluzione e tutti i trionfi della storia rimarranno solo ricordi e poco più

di Nicola Vaselli

Un perfetto lob del croato Marin Cilic scavalca l’affranto Lucas Pouille e la Croazia si aggiudica con pieno merito la sua seconda Coppa Davis battendo la Francia fuori casa, a Lille. Con questa edizione si spengono i riflettori e cala il sipario definitivamente sulla manifestazione che ha fatto la storia del tennis. Venne alla luce nel 1900 grazie ad una geniale intuizione dello studente americano Dwight Davis che con spirito squisitamente anglosassone lanciò una sfida ai rivali britannici per dimostrare che il tennis statunitense poteva battersi ad armi pari con quello dei creatori. Gli inglesi naturalmente accettarono… e persero.

Un’avventura lunga 119 anni che ha regalato indimenticabili momenti di sport nel corso di 107 edizioni. Scorrendo l’albo d’oro si apprezza la costante e tumultuosa crescita del tennis nel susseguirsi dei decenni. Dall’acerrimo dualismo Gran Bretagna / Stati Uniti si passa alle vittorie dell’esotica Australasia e in seguito l’egemonia anglofona viene spezzata dall’arrivo sulla scena della Francia dei Quattro Moschettieri (Cochet, Lacoste, Borotra, Brugnon). Dal dopoguerra fino agli anni Settanta domina l’Australia, poi irrompono paesi nuovi perché il tennis diventa uno sport globale: la Svezia, l’Italia, la Cecoslovacchia e la Germania. Negli anni Duemila la squadra di riferimento è l’invincibile armada spagnola e si conclude con le prime volte di nazioni che un tempo nemmeno potevano immaginare di poter alzare il trofeo: la Russia, la Svizzera, la Croazia, la Serbia e l’Argentina.

Tutti gli Immortali del tennis hanno indissolubilmente legato il loro nome alla Coppa Davis: dai fratelli Doherty a Tilden, dagli americani Kramer , Parker, Schroeder e Trabert agli australiani Laver, Rosewall, Hoad e Newcombe. Per arrivare a Borg e Mc Enroe, Lendl e Becker, Sampras e Agassi per concludere con Nadal, Federer, Djokovic e Murray.

Una competizione in cui il tennis da individuale diventa sport a squadre, dove gli egoismi personali vengono messi da parte e si gioca per l’onore e per la gloria. Le regole non scritte nel corso della stagione non valgono più: i rapporti di forza a volte si ribaltano e perfino il numero uno del mondo può trovarsi in seria difficoltà contro un anonimo tennista di retrovia particolarmente ispirato dallo spirito patriottico. Un evento in cui anche i meno affetti da nazionalismo si riscoprono un po’ patrioti e fanno un tifo spesso sano, ma che può anche trascendere nello sciovinismo più becero.

Amari e dolci ricordi legano la Coppa Davis e l’Italia. Dalle prime sfide impossibili dell’anteguerra, alla squadra di Pietrangeli che si fa valere ed è temuta da tutte le altre grandi nazionali. Poi c’è l’epoca d’oro degli anni Settanta con l’unica insalatiera mai conquistata dal nostro paese, in Cile, tra mille polemiche e le magliette rosse di Adriano Panatta e Paolo Bertolucci. Tra le gesta più recenti ci sono frammenti impagabili come l’eroe di Cagliari Paolino Cané che sconfigge Wilander, la trasferta sanguinosa a Maceiò in Brasile e Pescosolido assalito dai crampi, la finale del 1998 a Milano contro la Svezia con Gaudenzi che si rompe sul più bello. Ed infine le umilianti retrocessioni e la lenta risalita nel tennis che conta.

Risultati immagini per paolo canè

Dal 2019 tutto questo non ci sarà più, la manifestazione manterrà lo stesso nome, ma di fatto la sua magia sparirà per sempre, cancellata da una riforma che addolora i genuini amanti del tennis. Si è deciso di voltare pagina perché… “qualcosa andava fatto”, perché “i tempi cambiano”, perché “la formula non funziona più”, perché “i più forti non giocano”. Si è deciso così di mutare la Coppa Davis in un torneo a squadre artificiale, liofilizzato in una singola settimana e da disputarsi a fine stagione, a novembre inoltrato, con la quasi certezza che uno degli obiettivi principali, la partecipazione certa dei migliori, venga clamorosamente fallito.

E come se una elegante lampada che ha fatto bella mostra di sé in salotto dando lustro all’abitazione, venga all’improvviso presa, imballata e gettata nell’angolo più buio del solaio solo perché “è vecchia e fuori moda” magari sostituita da degli insipidi neon che sembrano luci di un corridoio d’ospedale.

Si abolirà il glorioso ed eroicamente estenuante tre su cinque per passare ad un più agevole e meno stancante due su tre. Fossi un po’ più maschilista mi verrebbe da dire “il tennis delle femmine”. I giovani spettatori (dal vivo o davanti lo schermo, non fa differenza) non riescono a mantenere la concentrazione troppo a lungo, quindi meglio accorciare, abbreviare, limitare, troncare tutto. Si umilia il mito per preconfezionare uno spettacolo basato sul mordi e fuggi offrendo piaceri effimeri che svaniscono in breve tempo e non lasciano traccia se non un retrogusto amaro.

Si poteva cercare di rimodellare la Coppa Davis in una competizione biennale o anche quadriennale per ridarle il lustro che merita facendone un punto di riferimento della stagione, un po’ come avviene quando ci sono le Olimpiadi. Si è scelta la strada più comoda e sicura; quella che non dà troppi pensieri perché lo sport moderno non punta certo a far assaporare il momento, ma a consumare l’evento.

Addio cara Coppa Davis, ci mancherai tanto. E’ stato un piacere conoscerti.

15 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Marco Perri - 2 settimane fa

    Articolo bellissimo, chiuso alla grandissima con l’ultima frase 😉

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Nicola Vaselli - 2 settimane fa

      Ma guarda, senza l’ultima frase non mi si sarebbe messo in moto quella cosa curiosa che ho al posto del cervello e quindi mi ha permesso di scrivere tutto il resto. Grazie infinite al mio anonimo ispiratore 😉

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Gabriele Congedo - 2 settimane fa

    Molto bello Nicola Vaselli, mi hai fatto affiorare ricordi di gioventu’…Cane’ che batte Wilander a Cagliari e quella volee in tuffo che quasi fa venire giu’ la struttura…la palude di Maceio’, con un campo costruito sulla spiaggia e un tifo da torcida al Maracana’….e ricordo anche il mitico Pesaro del 91, con l’Italia che batte la Spagna 4-1 e Camporese n.146 del mondo che rimonta e vince contro Moya….il doppio di Dortmund Camporese-Nargiso che batte in 5 set Becker-Stich….mi manchera’ tutto questo :) Complimenti ancora per il bel pezzo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Nicola Vaselli - 2 settimane fa

      Grazie. Ma dal tuo commento ho proprio l’impressione che se lo avessi fatto tu sarebbe venuto anche meglio :) Senti, muoio dalla curiosità: hai letto qualcosa di quello che ti ho mandato ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Zorro - 2 settimane fa

    Ottimo articolo, semplice chiaro e preciso.
    Bravissimo, condivido in pieno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Mary Cazzato - 2 settimane fa

    Caro Nicola come le racconti tu☺️ spero sortisca su chi di dovere lo stesso effetto che ha fatto su di me..(lacrimuccia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Nicola Vaselli - 2 settimane fa

      In questo mondo arido e senza sentimenti saranno in pochi a piangere. Io e te senz’altro :(

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Zorro - 2 settimane fa

      Ma che bella gente frequenta questo sito!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Daniela Narducci - 2 settimane fa

    Bellissimo omaggio alla Davis che fu… Purtroppo rattrista di doverne parlare al passato, ma purtroppo hanno mercificato la Davis, modificandola in questo modo. Concordo molto con la tua chiosa verso la fine, anche perché l’hanno proprio resa un prodotto consumabile. Poi chissenefrega della qualità. Tutto solamente per agevolare le tv… Ma di tennis ci sarà molto poco, dall’anno prossimo. Perchè la Davis la giocheranno in due. Sarebbe stato bello se l’avessero resa una competizione giocabile ogni 2 anni o 4, come hai giustamente scritto, se proprio volevano fare modifiche… Così è snaturata completamente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Nicola Vaselli - 2 settimane fa

      Grazie Daniela, i complimenti fanno sempre piacere. Vedo che siamo in piena sintonia su tutto quindi c’è poco da aggiungere eheheh. Hai messo il giusto accento sui punti salienti del pezzo. La mercificazione della Davis proprio per l’essenza stessa dell’evento e di quello che significa(va) è inaccettabile. Molto più inaccettabile di quella di qualsiasi altro torneo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Daniela Narducci - 2 settimane fa

      Nicola Vaselli Infatti… L’hanno proprio distrutta. Già che era snobbata dai migliori, ora non ci andranno nemmeno se li pagano miliardi di euro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Nicola Vaselli - 2 settimane fa

      Coppa Davis: a novembre, a fine stagione, con margini di guadagno miseri. Coppa dell’Atp (non mi ricordo qual è il nome esatto): a gennaio, a inizio stagione, con remunerazione corposa (a quanto si dice). Chissà i tennisti a quale daranno la preferenza ahahahah. Un altro appassionante capitolo della guerra civile permanente tra Atp e Itf !!!!! Ci sarà da divertirsi eheheh

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Daniela Narducci - 2 settimane fa

      Nicola Vaselli eh sì. Sarò curiosa di vedere questa coppa dell’ATP io… spero sia meno squallida di quello che penso… Anche perché, cavolo, una Davis ce l’avevamo già, perché cambiarla per poi fare un torneo che le somiglia? Trovo poca coerenza in questa scelta che hanno fatto…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Nicola Vaselli - 2 settimane fa

      Daniela Narducci Due competizioni a squadre nel giro di due mesi. Che senso ha !?!?! Sono matti…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Daniela Narducci - 2 settimane fa

      Nicola Vaselli Sì, magari ad inizio anno però li trovano in condizioni ottimali e non mezzi rotti. Vedere Tsonga alla Davis in questi giorni è stato uno mezzo scempio, per dire. Ma trovo comunque troppe stranezze nel fare un torneo a squadre suppletivo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy