Coppa Davis: Fognini c’è! Batte Chardy e regala il punto dell’1-1 all’Italia

Coppa Davis: Fognini c’è! Batte Chardy e regala il punto dell’1-1 all’Italia

Dopo aver perso il primo set, Fabio ingrana la marcia e liquida Chardy in circa tre ore e mezza di gioco, confermandosi l’uomo Davis per eccellenza. Dopo il primo giorno, Italia-Francia si chiude sull’1-1.

di Antonio Sepe

PRIMO SET- Il secondo incontro di Italia-Francia di Coppa Davis si rivela essere molto combattuto e spettacolare di fatto fin da subito, non a caso, nei primi 3 games, il giocatore al servizio è costretto ad annullare un totale di 5 palle break, ma sia Fognini che Chardy ci riescono davvero bene, tenendo la battuta. Il primo dei due a trovare  l’allungo è però il francese, che nel sesto gioco si porta avanti breakkando il suo avversario. Chardy prova a consolidare il vantaggio acquisito per chiudere il parziale il prima possibile, e a suon di ace e vincenti riesce ad annullare due chance del controbreak a Fabio. L’azzurro, ciononostante, non demorde e piazza addirittura a 0 il break proprio quando il tennista d’Oltralpe stava servendo per il set. Giunti al tie-break, oggettivamente l’epilogo più corretto, Fognini si trova sotto praticamente sempre, dal primo punto, e pagando a caro prezzo qualche errore di troppo, concede a Chardy il tie-break per 8 punti a 6

SECONDO SET- L’inizio del secondo parziale non ha fatto altro che confermare il momento piuttosto negativo che Fabio stava attraversando ed il francese non ha fatto altro che volgere totalmente a suo favore una situazione che pendeva dalla sua parte. Per fortuna, Chardy ha vinto solamente i primi due giochi del set, ma soprattutto è arrivata la reazione dell’azzurro, che non solo ha inanellato una serie di 20 punti a 3 che lo ha portato sul 5-2, ma ha anche messo la ciliegina sulla torta, chiudendo 6-2 e portando a 6 la striscia di giochi consecutivi. Con l’incredibile bilancio del 92% di prime in campo e delle ottime statistiche anche in risposta, Fognini non ha lasciato scampo al suo avversario, affondato in 35 minuti di gioco. Fabio Fognini vs Ivan Dodig - Coppa Davis 2013

TERZO SET- Esattamente come nelle due frazioni di gioco precedenti, la parte iniziale è stata quella più equilibrata ed altalenante a livello di punteggio in quanto nei primi 4 giochi sono state concesse ben 8 palle break, 4 per parte, e a dir la verità ci sono stati anche due break consecutivi. Da qui in poi, Fabio ha messo il turbo ed è scappato via, lasciando le briciole al suo avversario: dopo aver strappato il servizio al francese sul 3-2, l’azzurro si è ripetuto nell’ottavo gioco e, complice una seconda di servizio non irresistibile di Chardy, ha chiuso 6-2, mettendo a segno un altro break e capovolgendo la situazione che circa un’ora e mezza prima era totalmente a sfavore. Malgrado il punteggio piuttosto netto, Fognini non è stato così dominante in questo set come lo era stato in quello precedente, ma è riuscito comunque a mantenere un buon equilibrio che si riflette nelle percentuali al servizio ed anche nella notevole riduzione dei gratuiti. 

QUARTO SET- Nel quarto parziale, infine, Fabio ha provato a svolgere le manovre nel minor tempo possibile e, dopo una manciata di minuti, era già avanti 3-0, con una chance per il doppio break. Come ben sappiamo, però, le cose nel tennis possono cambiare molto velocemente e, dopo aver mancato altre due palle break, l’azzurro ha accusato il colpo, subendo la rimonta del suo avversario fino al 3 pari. Nonostante ciò, Fognini ha provato a giocare come nei parziali precedenti e, con un grande sprint finale, è riuscito a chiudere 6-3, ottenendo il break decisivo rimontando dal 40-0 sulla battuta nemica. Dopo il primo giorno di match, a Valletta Cambiaso la situazione rimane ferma sull’1 pari, ma già da domani cambierà con il doppio, dove una delle due sfidanti andrà ad un solo punto dalla vittoria.

Coppa Davis – World Group – Quarti di finale

Fognini (ITA) d Chardy (FRA) 67 (6) 62 62 63

Francia-Italia 1-1

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy