Coppa Davis, il comunicato dell’ITF

Coppa Davis, il comunicato dell’ITF

L’ITF ha comunicato che gli orari non subiranno variazioni rispetto al programma di Coppa Davis. Nuove forze di sicurezza saranno a disposizione della finale.

Il sito web ufficiale della Coppa Davis ha diramato il seguente comunicato con cui conferma le date e gli orari già programmati della finale del torneo tra Belgio e Gran Bretagna a Gand. Infatti, gli ultimi avvenimenti che hanno visto Bruxelles come protagonista hanno messo in dubbio la celebrazione della finale, temendo un nuovo attacco terroristico nei pressi della capitale.

“La Federazione Internazionale di Tennis (ITF) e la Federazione Reale di Tennis Belga, in accordo con i funzionari e i nostri commissari per la valutazione dei rischi e per la sicurezza, stanno seguendo da vicino la situazione in Belgio e, nello specifico, a Gand. Alla data di oggi non ci sono cambi rispetto agli orari d’inizio precedentemente pubblicati per quanto riguarda la finale tra Belgio e Gran Bretagna.

Stiamo prendendo tutte le precauzioni del caso per garantire la sicurezza delle squadre, degli spettatori, dei mass media e di tutto il personale che lavorerà durante la finale.

Come ci si poteva aspettare, una serie di misure di sicurezza aggiuntive sono state prese per le partite di questo fine settimana.”

Tra le avvertenze fatte agli spettatori ci sono un maggior numero di controlli all’entrata da parte degli addetti alla sicurezza, un tempo maggiore necessario per l’afflusso agli spalti e il divieto di introdurre bibite e cibo all’interno dello stadio. Inoltre la finale ha già fatto registrare il tutto esaurito; infatti sul posto, si legge, “non ci saranno biglietti in vendita e sarà proibito l’accesso a chiunque sia sprovvisto di tagliando”

Dunque, anche se con maggior rigore in termini di controllo, la finale si disputerà. Nella giornata di oggi la formazione inglese è atterrata in Belgio, con un giorno di ritardo rispetto a quanto previsto. E’ scattato il count-down alla finale, riusciranno Murray e compagni a riportare l’Insalatiera in terra bretone dopo quasi 80 anni?

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy