Coppa Davis: Seppi cede al tie-break del quinto

Coppa Davis: Seppi cede al tie-break del quinto

L’altoatesino è andato ko soprattutto fisicamente nel gioco decisivo del quinto parziale, permettendo al Giappone di portarsi uno a uno nel punteggio.

Al termine del positivo match di Fognini, sul cemento indoor di Morioka sono scesi in campo Andreas Seppi e Yuichi Sugita, che vista l’assenza per infortunio della punta di diamante Kei Nishikori è il numero uno della spedizione giapponese.

Altro giro, altra maratona. La partita dell’altoatesino ha stremato lui, il proprio avversario e i rispettivi allenatori: Corrado Barazzutti, nel quinto parziale, è sembrato quasi più estenuato (e dopo sette ore e mezza di tennis e tensioni, tra la partita di Fabio e quella di Andreas, ci mancherebbe che non lo fosse) del proprio giocatore.

sugita

Seppi arrivava da un ottimo Australian Open, in cui si era arreso solo agli ottavi ad un superiore Kylie Edmund; Sugita aveva invece abbandonato anzitempo lo Slam australiano perdendo al secondo turno contro Ivo Karlovic. Quella di stamane è stata una partita molto difficile da decifrare, anche perché sicuramente ha in parte inciso, soprattutto nel tie-break del set decisivo, la stanchezza dell’italiano, che faticava a spostarsi con i piedi e, conseguentemente, non riusciva perfettamente nella ricerca della palla. Andreas ha vinto il primo grazie ad un break nel decimo game, ma ha poi perso il secondo ed il terzo parziale subendo quattro break (due e due) che lo hanno mandato sotto nel computo dei set. Soprattutto nella terza frazione, Seppi è risultato poco preciso ed ha commesso alcuni errori non forzati che gli sono oggettivamente costati il set. Nel quarto, sia Sugita che l’azzurro hanno sprecato diverse occasioni di break: è stato bravo poi il “nostro” a strappare il servizio nel decimo game, che ha consentito all’Italia di giocarsi tutto nel quinto e decisivo parziale. Ed i rimpianti dell’altoatesino e della nostra Nazione sono tutti lì, concentrati in particolare nel match point che Andreas ha avuto sul 6-5, nel quale però ha messo in rete un dritto incrociato. Il giapponese si è potuto quindi rifugiare nel tie-break, in cui la freschezza fisica gli ha permesso di prendersi due mini-break mportanti in un gioco decisivo a senso unico. Giappone che, col 7-1 nel tie-break del quinto, ha vinto il secondo match in quel di Morioka e si è portato sull’uno a uno nel punteggio.

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. William Viezzer - 2 settimane fa

    Ma i Caruso e Sonego quando li fanno giocare?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Vincenzo Portale Canazzo - 2 settimane fa

    guardate contro chi stiamo giocando !!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Enrico Sebastiano - 2 settimane fa

    Lo splendido in austraulia e in davis torna pippa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Pietro Vadalà - 2 settimane fa

    Come al solito bisogna ringraziare Fognini

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Angela Serusi - 2 settimane fa

    Non doveva essere Fognini a cedere??.. Sportivi di poca fede

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy