Davis Cup 2016: Hewitt sostiene Tomic e Kyrgios nel match di spareggio contro gli USA a Kooyong

Davis Cup 2016: Hewitt sostiene Tomic e Kyrgios nel match di spareggio contro gli USA a Kooyong

Lleyton Hewitt, nuovo capitano di Davis, ha difeso a spada tratta i due giovani talenti australiani, Tomic e Kyrgios, dalle critiche degli ultimi mesi.

Commenta per primo!

Il nuovo capitano di Davis, Lleyton Hewitt ha difeso lo spesso criticato Bernard Tomic contro coloro che criticano il suo stile laconico, pur rilevando una “linea sottile” tra il singolarista numero 1 e il più emotivo e volatile numero 2, Nick Kyrgios. Hewitt, la cui carriera in Davis è terminata lo scorso settembre, supervisionerà il primo match di spareggio con gli USA a Kooyong, che inizierà venerdì.

Tomic, attuale numero 21, aprirà le danze contro il numero 23 Jack Sock, mentre Kyrgios se la vedrà con il numero 11 del ranking, John Isner, sull’erba di Kooyong. La lentezza nell’entrare nei match di Tomic è stata più volte messa in discussione, in particolare John McEnroe durante la sconfitta contro Andy Roddick agli Us Open del 2012, e come anche quest’anno, recentemente. Dopo il discusso ritiro dai quarti di finale al torneo di Sydney, Tomic ha mostrato qualche ombra dopo il 7/6 6/1 ricevuto da Rajeev Ram a Delray Beach questo mese.

“Bernie ha avuto un paio di piccoli disguidi le ultime settimane che non tutti conoscono” ha dichiarato Hewitt, che ha sviluppato una forte relazione con il “Queenslander” dopo un inizio non proprio felice. Contro Ram ha giocato bene il primo set ma ovviamente poi ha perso la sua strada molto presto nel secondo.” “Ma questo può succedere a tutti, è capitato tante volte a me durante la mia carriera e credo che dipenda come lui porta se stesso in campo, lui non entra col “fuoco” come tanti suoi colleghi e ora si è arrivati al punto che ogni volta che perde, specialmente contro un giocatore di basso ranking, la gente pensa che lui non stia dando il 100%.”

“Ora è semplice per alcune persone salire subito su questo carro, ma Bernie va ancora sul campo e compete al 100% – ogni volta che lo vedo giocare, sempre. Dipende solo da lui e può farlo settimana dopo settimana, e speriamo che sia in grado di fare il salto di qualità dei grandi giocatori che hanno la motivazione alta ogni settimana.” Mentre Tomic ha generato anche qualche infelice titoli fuori dal campo, il problema principale per Kyrgios è di controllare le sue emozioni in campo.

Hewitt ha dichiarato che gettare benzina sul fuoco spesso ha aiutato il 20enne di Canberra a giocare il suo miglior tennis; prima di vincere il suo primo titolo ATP a Marsiglia la scorsa settimana, Kyrgios – come Tomic – ha dimostrato il meglio sui campi più importanti. Ma lo sfogarsi in campo, per esempio, è una cosa buona o no? “Dipende, se lo si utilizza in modo positivo, si lascia un po’ di rabbia e poi si torna attenti sulla partita. L’ho fatto molte volte nella mia carriera e sono stato sempre in grado più o meno di far girare le cose, far uscire la frustrazione e poi andare avanti con la partita. Anche Andy Murray lo fa. È naturale quindi, ma deve essere fatto in modo positivo. Non si può lasciare che le emozioni continuino a influenzare il tuo tennis.”

Chiedendo in termini generali, al 35enne che regnò come numero 1 del mondo più giovane in assoluto, cosa consiglierebbe ai talentuosi ventenni che stanno scalando la cima, Hewitt ha dichiarato che una preparazione disciplinata e dedicata era una chiave fondamentale per la sua capacità di ottenere così tanto e così presto. Ma questi sono tempi diversi, ha anche riconosciuto, e Hewitt ha detto che Tomic e Kyrgios sono stati personaggi controversi le cui individualità dovrebbero essere incoraggiate.

“Per loro c’è ancora voglia di essere se stessi, e la ragione per cui Nick ha avuto tanto successo è la fiducia in se stesso sul campo, e come egli lo calca, c’è da fare qualche piccola messa a punto qua e là. Devono anche maturare non solo come giocatori di tennis, ma come persone. Sono molto sotto i riflettori grazie a come operano i social. Ci sono state cose che sono successe che forse non si sarebbero sapute 20 anni fa, semplicemente perché tutti hanno un telefono o un registratore. Penso che entrambi i ragazzi siano sulla strada giusta, ed io sono solo una risorsa lì da cui possono attingere per soddisfare il loro potenziale.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy