Ivan Ljubicic: “E’ più facile sbagliare quando hai molte possibilità di scelta”

Ivan Ljubicic: “E’ più facile sbagliare quando hai molte possibilità di scelta”

L’ex numero 3 del mondo, in un’intervista a L’Equipe, ha espresso la sua opinione sul perché negli ultimi anni la Francia non è riuscita a conquistare la Coppa Davis. Per Ljubicic la sovrabbondanza può essere un problema spinoso, foriero di fallimenti

Il campione croato ha analizzato pregi e difetti della Francia, rivale della sua Croazia in semifinale di Davis Cup.

La sovrabbondanza dei transalpini – «Ogni anno sono tra i candidati alla vittoria finale. Se si giocassero quattro incontri di singolare, vincerebbero tutte le partite. Per noi che disponiamo di due giocatori di valore assoluto è più difficile. Però, a volte, quest’ultima condizione è vantaggiosa. In tutti i match schieriamo i nostri tennisti più forti. Loro sanno già quello che devono fare. Invece, è più facile sbagliare quando hai molte possibilità di scelta».

Capitolo Yannick Noah – «È una persona piena di energia, grazie a questo riesce a tirare fuori il meglio dai suoi giocatori. Però secondo me, per un capitano di Davis Cup è basilare la lunghezza del progetto: servono almeno cinque anni per raggiungere dei traguardi importanti. Nikki Pilic è il mio punto di riferimento, lui sapeva sempre quando intervenire».

Il giovane Lucas Pouille – «La prima volta che l’ho visto giocare colpiva la palla alla grande. Ma ho sempre detto che c’è una grossa differenza tra un ottimo colpitore e un campione. Serve tempo per capirlo. Lucas ha le idee chiare su chi vuole diventare. Quando si allenava a Dubai era molto concentrato e preso da quello che faceva. L’anno prossimo sarà più complesso per lui, perché dovrà confermarsi».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy