Antidoping, nuove regole in vigore dal prossimo luglio

Antidoping, nuove regole in vigore dal prossimo luglio

Il doping ormai sta colpendo tutti i tennisti più famosi dal vecchio Agassi fino all’attuale Sharapova, passando per i casi Troicki e Cilic. Il
presidente dell’ITF, Dave Haggerty, esige la verità riguardo i controlli antidoping.

Molti sportivi e principalmente anche tennisti per migliorare le loro prestazionie per rimanere in vetta alle classifiche decidono di utilizzare  sostanze dopanti o anche addirittura droghe ricreative. L’ITF però quest’anno vuole cambiare un pò le regole per rendere il tennis uno sport  sempre più pulito e corretto. Il presidente Dave Haggerty chiede maggiore chiarezza riguardo i controlli e di spiegare subito il motivo per cui  un giocatore è allontanato dal circuito per un determinato periodo di tempo.

Nuove Regole – Tempo fa la federazione proteggeva in qualche modo i tennisti scoperti positivi ai controlli antidoping ma allo stesso tempo  essi dimostravano che si trattava di una distrazione da parte dell’atleta. Preso atto di ciò l’ITF diramava una communicazione dove l’atletica  veniva dichiarato infortunato e dunque doveva stare lontano dal circuito per molto tempo, solo dopo la sentenza e la squalifica ufficiale  l’atleta  risultava pubblicamente positivo ai controlli antidoping e dunque sospeso. Da quest’anno la federazione ha deciso di utilizzare il  pugno di ferro, adottando una maggiore trasparenza per difendere la reputazione di uno sport così elegante come il tennis.

Cilic e Lepchenko – Esempi più “recenti” di queste coperture sono quelle utilizzate ai danni della tennista americana, ma di origine uzbeka,  Varvara Lepchenko e nel 2013 al croato Marin Cilic. La nativa di Tashkent è stata ferma per tutto il mese di Marzo e di Aprile a causa di un  infortunio per poi ritornare di scena al Roland Garros, settimana scorsa però il preparatore atletico Anatoly Glebov ha dichiarato ad un  giornale russo, che il motivo per cui l’americana è stata ferma riguarda problemi inerenti al Meldonium.  La stessa tennista ha rifiutato di  rispondere in conferenza stampa alle domande inerenti le dichiarazioni del russo. Anche Marin Cilic ha dato forfait al torneo di Wimbledon del  2013 a causa di un infortunio ma poi successivamente si venne a sapere che il tennista croato venne sospeso a causa di uno stimolante  proibito.

Esempio più eclatante è quello di Andre Agassi, il quale nel lontano 1997 utilizzò cristalli di metanfetamina a causa della sua
dipendenza da questa droga. Per evitare una dura sanzione dalla federazione, decise di mentire alle autorità sportive raccontando che un
suo collaboratore gli aveva versato la sostanza in un cocktail. Meno importante è anche la squalifica temporanea di Maria Sharapova, russa, trovata positiva ad un controllo antidoping svolto durante gli ultimi Australian Open, la siberiana infatti durante l’anno ha dato forfait a molti tornei, giustificando la scelta con dei problemi fisici.

Di Lino Di Bonito

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy