La classifica Atp 2016 in base alle superfici

La classifica Atp 2016 in base alle superfici

Cuevas e Klizan nella Top 10? Calcolando il rendimento di ogni tennista per superficie, è possibile!

Commenta per primo!

Il 2016, tennisticamente parlando, è stato un anno molto importante poiché ci sono stati vari cambiamenti, in particolare per quanto riguarda il ranking, ma anche per le parecchie conferme e le tante sorprese, sia in positivo che in negativo. Aspettando la nuova stagione, il sito PuntoDeBreak ha stilato una classifica che mostra il rendimento di ogni tennista in base alle superfici (cemento, terra battuta, erba, indoor). Ovviamente, la superficie sulla quale si disputano più tornei è il cemento, mentre le meno gettonate sono l’erba e l’indoor; nonostante ciò tutte e quattro hanno avuto alcuni protagonisti inediti, sempre, però, con Murray e Djokovic nelle prime due posizioni.

CEMENTO

1º Djokovic 6900

2º Murray 3750

3º Wawrinka 3420

4º Nishikori 2685

5º Monfils 2600

6º Raonic 2575

7º Dimitrov 1690

8º Cilic 1650

9º Goffin 1545

10º Kyrgios 1490

Pur non essendo riuscito a conservare il primo posto nel Ranking Atp, quest’anno, Novak Djokovic non ha lasciato scampo a nessuno sul cemento, raggiungendo la finale nei due slam disputati su questa superficie, vincendo ben tre Masters 1000 e totalizzando quasi il doppio dei punti di Andy Murray, il quale ha raggiunto una finale agli Australian Open ed ha vinto solo un Atp 1000. Hanno conseguito ottimi risultati anche il bulgaro Dimitrov, ben 7 posizioni più avanti rispetto al suo attuale diciassettesimo posto, e l’aussie Kyrgios, mentre hanno deluso molto Nadal e Thiem.

TERRA BATTUTA

1º Djokovic 3.610

2º Murray 3.160

3º Nadal 2.400

4º Thiem 1.730

5º Cuevas 1.375

6º Wawrinka 1.250

7º Nishikori 1.200

8º Goffin 985

9º Ramos 975

10º Ferrer 720

Anche in questa classifica il serbo si trova al primo posto, però, in questo caso, il divario con Murray è molto minore. I due, si sono spartiti la posta in palio disputando tra loro le finali a Madrid ed al Roland Garros, con vincitore Djokovic, e la finale a Roma che ha visto trionfare il britannico. Sono andati piuttosto male alcuni big quali Raonic e Tsonga, mentre si sono riscattati Nadal e Thiem, rispettivamente terzo e quarto in questo ranking, ed infine hanno confermato il loro essere “terraioli” Cuevas e Ramos, i quali, sulla terra rossa, hanno totalizzato più del 65 % dei punti Atp totali conquistati in tutto l’anno.

ERBA

1º Murray 2.500

2º Raonic 1.500

3º Federer 990

4º Berdych 720

5º Johnson 565

6º F. Mayer 555

7º Cilic 540

8º Müller 525

9º Thiem 475

10º Mahut 430

Da molti anni il re di questa superficie è Andy Murray e in questa stagione lo ha confermato vincendo brillantemente il Queen’s e Wimbledon; a seguire c’è il gigante canadese Raonic, giunto in finale negli stessi tornei del britannico, ma venendo sconfitto in entrambi gli atti finali. Positiva anche le stagioni di Federer e Berdych, semifinalisti a Wimbledon, Mayer, inaspettato vincitore dell’Atp 500 di Halle, ed i veterani di questi campi come Mahut, Müller e Johnson.

INDOOR

1º Murray 1.500

2º Cilic 1.100

3º Raonic 760

4º Isner 690

5º Nishikori 640

6º Gasquet 635

7º Klizan 590

8º A. Zverev 520

9º Tsonga 480

10º Troicki 375

Anche su questa superficie, il dominatore è stato Andy Murray, vincitore a Vienna ed a Parigi-Bercy; proprio l’ultimo Master 1000 dell’anno ha permesso a giocatori come Isner, finalista, e Cilic, semifinalista, ma anche vincitore a Basilea, di scalare questa classifica. Particolarmente bene lo slovacco Klizan, che a febbraio ha portato a casa il torneo di Rotterdam, ed il giovane Alexander Zverev, trionfante nell’Atp 250 di San Pietroburgo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy