I grandi colpi – Il servizio missilistico di Ivanisevic

I grandi colpi – Il servizio missilistico di Ivanisevic

Nella storia del tennis, mai nessun aveva osato così tanto con il servizio: Goran Ivanisevic possedeva una prima micidiale ma la sua geniale irrazionalità, spesso, lo conduceva a spingere anche la seconda pure in momenti delicati. Due facce della stessa medaglia, un campione unico ed eterno.

3 commenti

Nell’immaginario collettivo, soprattutto per coloro che si limitano all’aspetto esteriore, il tennis appare come uno sport razionale e lineare in cui tutto segue una precisa dinamica, senza scossoni e particolari alterazioni di equilibri. Eppure, andando a scavare più in profondità, troviamo illustri esempi di individualità fondate su un ego esorbitante ed inquieto, incapace di reggere appieno le pressioni dell’ambiente circostante. Uno dei più brillanti talenti che abbia scritto la storia di questo sport, facendosi apprezzare per l’imprevedibilità anche fuori dal campo, è stato indubbiamente Goran Ivanisevic, “cavallo pazzo”: un nome, tutto un programma. La sua figura scalpitante emerse per la prima volta nel 1990, anno in cui ottenne importanti risultati a livello major, scalzando avversari già affermati grazie ad un’arma devastante del suo repertorio, ossia il violentissimo servizio tirato al limite spesso e volentieri anche con la seconda palla. Il croato non hai mai saputo trovare una via di mezzo tra i suoi istinti e le logiche tennistiche, è sempre stato bianco o nero; tuttavia è principalmente per quest’aspetto che viene ricordato con così tanto piacere e soprattutto con un gran sorriso, memori delle sfuriate a cui aveva abituato il pubblico ed i giornalisti. Le sue partite erano uno spettacolo pazzesco in cui il copione non veniva mai rispettato. Tutto aveva inizio da quella bordata iniziale ed il finale, alla cui ricerca si arrivava con la massima rapidità possibile, non era mai prevedibile. Questo è stato Goran Ivanisevic, incontrollabile ed inquieto verso le sue stesse passioni.

Tennis. 2001 All England Lawn Tennis Championships. Wimbledon. 9th July 2001. Mens Singles Final. Croatia's Goran Ivanisevic kisses the trophy after becoming the Mens Singles Champion, despite being a wild card entry, with a win over Australia's Pat Rafte
Ivanisevic ed il sogno Wimbledon inseguito per tutta la carriera.

CARATTERISTICHE TECNICHE – Anche nell’esecuzione del movimento del servizio, Goran si distingueva in modo netto dagli altri tennisti. Un rapidissimo palleggio introduttivo, accompagnato da un lieve sollevamento del piede sinistro, dava avvio ad un fulmineo gesto che rendeva imprevedibile la traiettoria. Tutto avveniva infatti nel minor tempo possibile perché Ivanisevic aveva bisogno di non pensare, di basare ogni singolo punto sull’istinto del momento. Il lancio di palla era molto basso, poco sopra la testa; ciò rimarcava la rapidità della rotazione di braccio e spalla che avveniva in pochissimi istanti. Le gambe infatti contribuivano soprattutto alla ricerca dell’impatto migliore possibile con la palla, ma la spinta maggiore era provocata per la maggiore dalla parte superiore del corpo.

ASPETTI TATTICI – Il servizio rappresentava il colpo migliore del repertorio del croato, nonché quello principale, anzi essenziale, nelle trame tattiche del suo tennis. Detestava in modo assoluto il palleggio da fondo poiché implicava, a suo dire, troppa concentrazione, ergo tempo per pensare; e Goran non voleva meditare sull’angolo e la traiettoria, ma solo colpire il più forte possibile. Ecco perché il servizio, pur essendo il fulcro del suo gioco, spesso si tramutava in un suicidio sportivo. Nei momenti di massima tensione, come testimoniano alcuni singolari episodi della sua carriera, il meccanismo si inceppava completamente e funzionava all’inverso, sfornando doppi falli a raffica anziché aces. Che fosse prima o seconda palla, in questi casi poco importava: tutto era dominato dalla pulsione del singolo momento, senza spazio per la razionalità. La battuta assolveva la funzione del gioco offensivo tout court, senza attendere l’errore dell’avversario o dilungarsi in estenuanti scambi. Talento immenso, senza dubbio, ma scriteriato nelle scelte. Ma proprio questa peculiarità lo ha reso eterno.

UN CENNO ALL’ESTETICA – Il movimento di Goran era certamente affascinante, decisamente singolare ed atipico nel circuito. Questa rapidità di esecuzione lasciava allibito lo spettatore e, tra l’altro, varie volte interdetto l’avversario, incapace di individuare in anticipo la traiettoria della pallina. Impressionava moltissimo la forza generata con le spalle, motore principale della velocità della palla, poiché gli arti inferiori spingevano poco. Tutto molto entusiasmante e particolare, in pieno stile Ivanisevic.

Per capire di che tipologia di personaggio stiamo parlando, è sufficiente soffermarsi ad ammirare la sua esultanza folle dopo la vittoria a Wimbledon. In quei pochi attimi di gioia infinita sono rinchiusi i sogni e le paure dell’omone di Spalato, Goran “cavallo pazzo” Ivanisevic.

ivanisevic

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Salvatore Sanguigni - 5 mesi fa

    Kyrgios è abbastanza simile da questo punto di vista

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Alberto Mingione - 5 mesi fa

    Basta vedere la finale persa con Agassi nel 1992..37 aces….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Alessandro Bianchini - 5 mesi fa

    Aspetto qualcosa su Borg!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy