Mubadala World Tennis Championship: esordio amaro per Nadal. Anderson s’impone in rimonta e vola in finale

Mubadala World Tennis Championship: esordio amaro per Nadal. Anderson s’impone in rimonta e vola in finale

Il campione in carica del torneo, Kevin Anderson, sconfigge in rimonta Rafa Nadal ed approda in finale. Il sudafricano troverà il vincitore del match Djokovic-Khachanov.

di Antonio Sepe

Inaugura con una sconfitta la nuova stagione Rafa Nadal, che si arrende in tre set a Kevin Anderson nel match valevole per la semifinale del Mubadala World Tennis Championship 2018, torneo che ha visto il maiorchino trionfare ben quattro volte. Prestazione discreta da parte di Rafa, il quale non ha mai forzato il fisico, ma che dopo un set e mezzo giocati ad un buon livello, si è un po’ adagiato sugli allori ed ha ceduto il secondo set dopo essersi aggiudicato il primo. Nella terza frazione, invece, Nadal ha avuto diverse occasioni per portarsi avanti e per mettere un punto esclamativo sull’incontro, ma tutti i treni sono passati senza che il tennista di Manacor riuscisse a prenderne uno. Il merito ovviamente va anche a Kevin Anderson, che ormai sta dimostrando di potersela giocare con chiunque nel circuito ed il 2019 potrebbe essere l’ennesima conferma per un giocatore in costante ascesa. Domani il tennista sudafricano affronterà Novak Djokovic o Karen Khachanov e proverà a difendere il titolo ottenuto l’anno scorso, quando si impose in finale su Bautista Agut. Per la seconda volta in undici edizioni, non ci saranno spagnoli presenti in finale – Nadal (5), Ferrer (2), Almagro (1), Bautista Agut (1). pezzo nadal mubadala

Partenza a mille da parte di Nadal, che si è reso subito pericoloso in risposta, mettendo pressione al suo avversario, costretto ai vantaggi sin dai primi giochi. Complice una fatica praticamente nulla sui suoi turni di servizi, Nadal è riuscito a mettere a segno l’allungo vincente e, dopo 38 minuti di gioco, ha messo in cassaforte il primo parziale con il punteggio di 6 giochi a 4.

Nel secondo set, i servizi hanno dominato e non ci sono stati particolari sussulti tanto che solamente in un gioco su nove totali ci sono state palle break. Ciononostante, è stato proprio il sesto game a consegnare, di fatto, il parziale a Kevin Anderson, il quale è stato piuttosto cinico e non si è fatto scappare una così ghiotta opportunità. Dopo 33 minuti di gioco, 6-3 Anderson. Si va al terzo set. anderson-vienna-2018-monday-fist

Nel parziale decisivo, il primo a conquistarsi una palla break è Anderson, che nel terzo gioco si vede annullare una chance di break dal suo avversario. Da questo momento in poi, però, tutte le opportunità capitano sulla racchetta di Nadal, che tra il sesto e l’ottavo gioco manca ben tre palle break, complice una tenuta spaventosa al servizio da parte di Anderson, il quale a sorpresa strappa la battuta al suo avversario nel nono gioco e si incammina verso la vittoria, sancita dopo circa due ore di gioco.

Risultati:

K. Anderson b. R. Nadal 4-6 6-3 6-4

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Brunella Tamagna - 3 settimane fa

    Incredula x come ha giocato….senza parole

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Paolo Cerbai - 3 settimane fa

    Nessuna indicazione per Nadal. Oggi non ha giocato da Nadal, forse per paura della caviglia. Non ha mai tenuto uno scambio, ha cercato il vincente alla prima occasione sempre e rispondeva da vicino alla Federer per dire. Secondo me non sta bene ancora, domani giocherà forse allo stesso modo e poi a Doha avremo segnali veri credo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Tiziana Cuffari - 3 settimane fa

    Prima stesa per Rafa

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy