Deborah Chiesa, una vittoria per avviare la rinascita del movimento femminile

Deborah Chiesa, una vittoria per avviare la rinascita del movimento femminile

La tennista di Trento, schierata a sorpresa da Tathiana Garbin, mata la Spagna e conquista il pubblico italiano. È lei il futuro del tennis femminile azzurro?

di Sebastiano De Caro, @seba_de_caro

Un nome nuovo, protagonista di un’impresa inaspettata, che molti avrebbero definito impossibile. Un nome giovane, classe ’96, che solo a novembre 2017 ha messo piede in top 200.

Deborah Chiesa è la novità del tennis femminile azzzuro. Un movimento da ormai due anni e mezzo orfano di Flavia Pennetta, privo della migliore Schiavone da diversi anni e da un po’ di tempo bistrattato e accusato di non produrre ricambi all’altezza delle più titolate giocatrici italiane della storia di questo sport. È lecito chiedersi se la tennista trentina possa accollarsi un carico di aspettative così imponente, troppo presto per dirlo. È pur vero che il match di ieri, vinto con cuore e tecnica, ha evidenziato che colpi e personalità non mancano alla ventunenne per issarsi, si spera presto, in top 100 e fare un pensierino a qualcosa di ancor più ambizioso. Deborah Chiesa ha giocato con un temperamento e un carattere degni delle più navigate veterane di questa competizione. Autorevole la prova dell’azzura anche in termini tecnici, denotando un servizio incisivo ed efficace, un dritto preciso che sa essere sia un colpo interlocutorio che di chiusura e un rovescio bimane solido e penetrante, a tratti ingiocabile.

Il successo di Deborah Chiesa non è frutto del caso, nè sarà ricordato come un risultato estemporaneo in una carriera da eterna promessa. Non c’è nulla di casuale in quanto ottenuto dalla trentina nella domenica perfetta di Chieti. La crescita di rendimento è stata costante, al di là dei due successi ITF conseguiti a Santa Margherita di Pula e Zwada lo scorso anno che pure hanno contribuito al progresso della classe ’96. A inizio giugno 2017 era al n. 478 del mondo, oggi la classifica la vede 300 posti più avanti, con un’esperienza al primo Slam in carriera tra i professionisti alle spalle. Gran parte del merito di questo salto è da ascrivere soprattutto al lavoro quotidiano svolto dal suo team capitanato dai fratelli Piccari presso il Piccari Tennis Team di Anzio, con l’ex n. 33 del mondo Karin Knapp che non fa mai mancare il suo apporto in allenamento.

Il 2018 di Deborah Chiesa si apre con un’ambiziosa campagna oceanica che la vede impegnata nell’International di Auckland in cui viene eliminata al turno decisivo delle qualificazioni dalla più quotata Vickery. A Melbourne, primo Slam della carriera per l’azzurra, Deborah non riesce a superare il tabellone cadetto, eliminata dalla tedesca Lottner con match point a favore, ricavando però una buonissima dose di esperienza da cui trarre beneficio nei prossimi appuntamenti. Ottimo il percorso di qualificazioni, qualche settimana dopo, al Premier di San Pietroburgo dove, ancora al turno decisivo, viene piegata dalla giovanissima Rybakina, autentica rivelazione del torneo di casa. I più appassionati ricorderanno senza dubbio l’esordio della tennista di Trento, grazie ad una wild-card, agli Internazionali d’Italia in cui fu estromessa dall’esperta Tsurenko, dopo essere stata in vantaggio per 5-1 nel primo parziale, salvo bloccarsi lasciando campo all’ucraina.

Il tennis femminile azzurro ha trovato, forse, il bandolo della matassa, l’elemento da cui ripartire per avviare un graduale e probabilmente lento processo di crescita. Un movimento che nei prossimi mesi potrebbe affidarsi, oltre alla giovane trentina, alla verve ritrovata di Sara Errani e alla maturità, finalmente raggiunta, di Camila Giorgi.

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Sereno William - 9 mesi fa

    La Spagnola ha regalato tanto , ma Deborah è cattiva quanto basta x giocare a tennis ad alti livelli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Luciano Bernardi - 9 mesi fa

    Bravissima tanta classe ma sopratutto tantissimo CUORE.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Livio Chiametti - 9 mesi fa

    per carità, ci vuol ben altro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Loris Polverari - 9 mesi fa

    State calmi prima di dire futuro che poi spesso c’è il buio più che il futuro..comunque brava Chiesa che ha vinto una partita importante

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Claudio Orselli - 9 mesi fa

    Bravissima

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Andrea Varriano - 9 mesi fa

    La Errani l’ho vista centrata come non accadeva da.almeno 3 anni, la Chiesa ha del potenziale su cui lavorare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Massimo Monti - 9 mesi fa

    Non so se sarà il futuro l’ho vista per la prima volta …. ma mi è piaciuta abbestia!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Emanuela Filippi - 9 mesi fa

    Ma dove sono tutti quelli che dicevano che sara avrebbe perso tutte e due le partite e che partivano già sconfitte ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Elena Cignetti - 9 mesi fa

    Bravaaaaa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Pasquale Di Michele - 9 mesi fa

    Avrei voluto fare un commento negativo sul movimento del tennis femminile italiano, ma dopo quello che è successo ieri, non riesco a farlo.
    #grazieragazze

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Leonardo Pasqualini - 9 mesi fa

    Si, sono d’accordo, anche se sul tennis della giovane c’è molto da lavorare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy