Bernard Tomic e la top 10 Atp, un sogno o una lontana possibilità?

Bernard Tomic e la top 10 Atp, un sogno o una lontana possibilità?

Il talentuoso giocatore australiano è senza dubbio più famoso per le sue bravate e le dichiarazioni rilasciate fuori dal campo che per i risultati ottenuti come tennista.
Tomic ha ammesso di aver buttato via l’ultimo anno ma ancora crede di poter raggiungere importanti traguardi in carriera

di Gianluca Rossino

Uno dei personaggi più chiacchierati del tennis potrebbe davvero aver messo la testa a posto?

Solo poche settimane fa le ennesime dichiarazioni provocatorie di Bernard Tomic, uscito sconfitto nelle qualificazioni degli Australian Open contro Lorenzo Sonego, hanno evidenziato molto bene che il tennis giocato non era assolutamente la sua priorità.

Il continuo riferimento ai milioni di dollari guadagnati soprattutto grazie agli sponsors e l’incapacità di saper soffrire per portare a casa match ad alto livello lo hanno fanno crollare nel baratro di questo sport.

 

Il primo passo per superare un problema è sicuramente ammettere di averne uno e al momento l’australiano, ex top 20 Atp, ha capito che il 2017 è stato un anno completamente sprecato.
Sembra volenteroso di tornare a competere ad alti livelli e addirittura di spingersi ancora più in là di quello che ha già raggiunto in passato.
Accostare il nome Bernard Tomic alla top 10 Atp è quasi un’eresia eppure lui non ha smesso di crederci e l’età è ancora a suo vantaggio (classe 1992), fattori questi che possono aiutare ma non potranno risultare decisivi in una carriera quasi destinata ad essere sprecata da un “ex” talento di questo sport.

 

I suoi prossimi appuntamenti sul tour saranno in Marocco e successivamente le qualificazioni al master 1000 di Montecarlo. Salvo miracoli dovrà gareggiare per un posto nel main draw anche a Parigi nel tentativo di ricostruire una classifica che gli conceda più garanzie.

Il primo step per lui è rientrare nel giro di un anno tra i top 30 e poi cercare di spingersi dove nemmeno nel massimo periodo di forma era stato in grado di arrivare.

Forse non ci riuscirà, o forse si, in ogni caso l’australiano è sempre convinto che non sia necessario amare il tennis per ottenere grandi risultati.
In fondo secondo Tomic basta che “ti piaccia“; secondo voi, invece, non un vero amore ma un semplice feeling positivo può essere sufficiente?

 

Buon tennis a tutti!

 

 

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Paolo Valerioti - 7 mesi fa

    Personaggio negativo..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Massimo Mangiarotti - 7 mesi fa

    Al momento non ci sperare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Patrizio Piredda - 7 mesi fa

    Pensavo si fosse ritirato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Antonio Di Giovanni - 7 mesi fa

    Top 10 degli inutili, al massimo potrebbe pulire le scarpe di Re Federer

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Egidio Marek Fistetti - 7 mesi fa

    Un fallito

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy