Grigor Dimitrov: “So di poter giocare meglio”

Grigor Dimitrov: “So di poter giocare meglio”

Il bulgaro, che esordirà ad Indian Wells contro lo spagnolo Verdasco, ha avuto modo in conferenza stampa di analizzare il suo attuale stato di forma. Dimitrov, campione in carica delle ATP World Tour Finals, sa bene di poter esprimere un livello di gioco ben superiore a quello mostrato nei primi tornei del 2018 e nei 1000 americani potrebbe ottenere la sua rivincita

di Gianluca Rossino

“Posso essere più solido e consistente”
Grigor Dimitrov approfitta della conferenza stampa pre-torneo per parlare della sua condizione attuale e, seppur non soddisfatto appieno dall’inizio del 2018, il bulgaro è conscio del livello che può esprimere in campo e crede che per crescere ulteriormente fosse necessario cambiare qualcosa.

Intanto si prepara ad affrontare Fernando Verdasco ad Indian Wells, bravo ad imporsi in tre set sull’argentino Pella, match questo che non appare per nulla scontato. Nei 3 precedenti scontri diretti lo spagnolo ha vinto il primo e perso i successivi due ma sempre al parziale decisivo.

Il presente
Il talentuoso 26enne, ex fidanzato di Maria Sharapova, è numero 4 del mondo al momento ma le possibilità di continuare la scalata verso il vertice esistono e sono concrete.
Come ha confermato in queste ore pre-torneo si sente meglio físicamente e ha ancora margini di miglioramento.
Considerando poi che Rafa Nadal e Roger Federer sono destinati a lasciare il passo alle nuove reclute e che Djokovic e Murray sono lontani dall’altissimo livello espresso in passato, Dimitrov può davvero fare il colpaccio e portare la Bulgaria nell’olimpo del tennis mondiale.


Il futuro
Alla ricerca delle sensazioni super positive di fine 2017, il “baby Federer” deve migliorare anche nel gestire al meglio la pressione nei momenti decisivi.
L’esperienza maturata è fondamentale in questo caso e anno dopo anno sarà più semplice.
Intanto dando un’occhiata al ranking e ai risultati ottenuti lo scorso anno, appare chiaro che Dimitrov non difende tanti punti nei prossimi 3 Slam (“solo” 315) e appena 155 punti nei 4 masters 1000 di inizio stagione (Indian Wells, Miami, Madrid e Roma).
Le basi per fare bene ci sono tutte quindi ma solo il bulgaro potrà dimostrarci di essere pronto per avvicinarsi alle leggende che ancora oggi appassionano milioni di tifosi in tutto il mondo.

Vai Grigor, è il tuo momento

 

Buon tennis a tutti!

 

 

 

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Mirko Aschiero - 1 mese fa

    Vedremo… Verdasco non è certo un giocatore banale, e lui per quanto mi piaccia tecnicamente è stilisticamente non è certo un “vero top 5” del resto anche cilic…,Penso esclusi Federer e Nadal che quella odierna sia la top 5 più balorda mai vista dal momento che i veri fenomeni sono in infermeria.. (Djokovic, Murray, wawrinka) e che nishikori non è (quanto meno al momento) il vero nishikori! Vedremo cosa riserverà questo 2018

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Valter Vogliotti - 1 mese fa

    Discontinuità il suo peggior difetto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Giorgio De Togni - 1 mese fa

    Da Verdasco non vede palla

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Michele Sciuto - 1 mese fa

    Allora fallo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tiziano Lekli - 1 mese fa

      Infatti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Alessandro Ongaro - 1 mese fa

    Contro Verdasco rischi di uscire subito se non giochi meglio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Giovanna M. Sai - 1 mese fa

    Ma deciditi e giocar meglio….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy