Sempre loro: buona la prima (ultima) dei fratelli Bryan!

Sempre loro: buona la prima (ultima) dei fratelli Bryan!

Nella prima giornata del gruppo Woodbridge/Woodforde i fratelli Bryan hanno vinto l’ultima, probabile apparizione alle Finals. Vittoria anche per Kubot-Melo

Commenta per primo!

Dopo l’inizio del torneo di doppio maschile di ieri in quel di Londra, anche oggi c’è stato spettacolo ed imprevedibilità alla O2 Arena, nella prima giornata del gruppo Woodbridge/Woodforde. Ieri c’era stata subito la sorpresa con la vittoria di Harrison/ Venus contro Kontinen/ Peers, dati per favoriti dai bookmaker, e quella del duo francese Herbert/ Mahut vs Rojer/ Tecau. Due match agli antipodi, in cui, mentre i due transalpini hanno vinto, soffrendo, vincendo solo 10-8 al terzo, mostrando la solita imprevedibilità del doppio, i favoriti Kontinen/ Peers hanno perso 6-4 7-6 (8) contro le ultime teste di serie Harrison/ Venus vittoriosi con costanza e solidità al servizio. Se ieri entrambi i match avevano entusiasmato il pubblico, oggi, nel gruppo più blasonato e equilibrato, i londinesi ne hanno visto delle belle, soprattutto con il primo doppio odierno. Vittoria dunque per i sempre pericolosi fratelli Bryan, probabilmente all’ultima presenza al Master, e le teste di serie n.1 Kubot/ Melo su Dodig/ Granollers.

(5) B. Bryan/ M. Bryan d. 7-5 6-7 (3) 10-8 (4) J. Murray/ B. Soares- Nel primo match del Day 2 il doppio ha subito entusiasmato il pubblico con grande spettacolo e equilibrio, anticipando il match di singolare tra Dimitrov e Thiem, come al solito pronti a battagliare e combattere per la vittoria, dando vita ad una partita elettrizzante  e combattuta. Tornando al primo doppio di giornata, i 4 volte campioni delle Finals, con la testa di serie numero 5, hanno affrontato il padrone di casa, Jamie Murray e Bruno Soares. I 16 volte Slam hanno sin da subito mostrato grande qualità al servizio, con 3 ace e 1 doppio fallo rispetto agli avversari, che nono sono riusciti a salvare alcuna delle due palle break del primo parziale, che di fatto hanno dato il set per 7-5 agli americani. I fratelli più famosi del mondo del tennis, sono stati bravi, con l’esperienza e la freddezza che li contraddistingue, a sfruttare gli unici margini di errori degli avversari, con una manciata di punti a dividere le due coppie: mentre sono stati 28/61 i punti della coppia semifinalista 2016 a Londra, i detentori dell’ennesimo ATP Tour Award Favourite Players, hanno ha avuto la % del 54% di punti vinti, con appena 5 punti in più agli avversari. Una differenza sostanziale, che si è rinnovata nel secondo parziale, con appena un punto di distacco a fine set tra le due coppie: 39 a 38 su 77 punti totali. Ancora una volta, Murray/Soares hanno giocato male al servizio, o meglio, non letali come gli avversari: 0/1 in termini di palle break salvate per la coppia di “casa” a dispetto delle 3/4 dei Bryan. Infatti, la sottigliezza che si nota nel secondo set, giocato punto dopo punto, si è materializzata nel tie-break, vinto da Murray/Soares per 7 punti a 3. Quando sembravano in procinto di vincere, spinti dalla vittoria del secondo parziale, i fratelli Bryan sono risorti dalle ceneri, pur non mettendo a segno alcun ace, 2 invece per il duo JM/BS nel corso del super tie-break decisivo. La differenza? il 100% di punti vinti sulla seconda di servizio per i Bryan, che con 10 punti su 18 giocati, si sono portati a casa il match e la prima vittoria.

Zkc3hsNzE6wJeM9A_x8onrVcg0L9wwd5

(1) L. Kubot/ M. Melo d 7-6 (2) 6-4 (7) I. Dodig/ M. Granollers- Dopo il primo incontro di doppio e lo spettacolare singolare tra Dimitrov e Thiem, ecco la sfida tra i favoriti Kubot/ Melo, primi nel ranking e detentori di ben 6 titoli quest’anno compreso quello di Wimbledon, e Dodig/ Granollers, tra gli ultimi qualificati. Una vittoria frutto di un primo set equilibrato, con 2 palle break salvate dal polacco e il brasiliano, e una 1 dagli avversari. Dopo un set combattuto, deciso solo al tie-break, che è stato il vero spartiacque del match, vinto 7-2 dalla coppia numero 1 al mondo. 40 a 34 i punti del primo parziale, con la netta differenza creata dal game decisivo. Nel secondo set invece, il servizio ha retto meno da entrambe le coppie, con solo il 50% di palle break salvate, con i due break decisivi per i vincitori, che sono riusciti a tenere nonostante il controbreak subito. 6-4 il risultato finale, vinto nettamente con il 61 % di punti portati a casa contro il 39 % avversario. 3-1 i precedenti aggiornati in favore della coppia a pari punti con i gemelli Bryan.

2017_05_12_13_13_532

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy