ATP ROMA PREVIEW – Murray, porta spalancata per la finale; Nadal riuscirà nell’impresa?

ATP ROMA PREVIEW – Murray, porta spalancata per la finale; Nadal riuscirà nell’impresa?

Comincia a farsi nel vivo il torneo più importante dell’anno per noi italiani: oggi in scena i quarti di finale al Foro, con protagonisti tre dei top 6, due sorprese come Monaco e Pouille e due conferme sempre più costanti nel circuito come Goffin e Thiem.

Nessun dorma: il Foro si illumina di una luce particolare, quella del grande tennis. Anteprima dei quattro grandi match in scena oggi, con gli occhi puntati su Nadal-Djokovic.

OSTACOLO LAGOFF – Il primo quarto di finale sul centrale sarà quello che vedrà protagonisti David Goffin e Andy Murray. Lo scozzese, con l’uscita prematura di Tsonga, Wawrinka e Ferrer, si trova la strada spianata verso la finale, ma c’è un ultimo difficile ostacolo. Il folletto belga ieri ha sconfitto Tomas Berdych in maniera sconcertante, con un doppio 6-0, e non ha assolutamente paura di chi ha davanti. Murray ha dimostrato una grande solidità quest’anno sulla terra (semifinale a Monte Carlo, finale a Madrid), dove è stato sconfitto soltanto da Nadal e Djokovic, due avversari nettamente superiori per capacità ed esperienza su questa superficie; Goffin invece arriva da una grande stagione, in cui si è rivelato uno dei tennisti più completi e più in grado di insidiare la top 10. David contro Golia, ma Murray favorito.

FINALE ANTICIPATA? – Arrivando al punto cruciale del programma odierno, troviamo Rafael Nadal contro Novak Djokovic. Se dovessimo dire chi è più in forma dei due, non esiteremmo a indicare lo spagnolo (vittorie a Monte Carlo, Barcellona e semifinale a Madrid), ma si sa, Nole è sempre Nole anche quando tutto va male. Il serbo non sta giocando al meglio al Foro, ha sprecato più tempo del dovuto contro Stephane Robert al secondo turno ed ha letteralmente regalato un set a Thomaz Bellucci al terzo, ma la vena da numero uno del mondo viene sempre fuori. L’impressione è quella che stia utilizzando il Masters 1000 di Roma come preparazione all’incubo Roland Garros, poi se arriva una vittoria anche al Foro, tanto di guadagnato. Mentalmente, Nadal è più avanti e ce ne siamo accorti ieri dalla rimonta difficile contro Kyrgios, ma la tenuta fisica di Djokovic è impressionante. Perciò, Nole favorito ma occhio alle sorprese.

GLI ALTRI MATCH – Per quanto riguarda gli altri match, sappiamo di per certo che uno tra Pouille e Monaco andrà in semifinale. Il francesino, viste le condizioni e la forma espressa quest’anno, è favorito, ma mai dare per sconfitto Pico Monaco sulla terra. Detto questo, sono sicuramente le due rivelazioni del torneo, dal momento che hanno battuto due fra i top ten presenti in gara, ovvero David Ferrer e Stan Wawrinka, entrambi decisamente in calando nel 2015. Sul centrale è in programma anche Dominic Thiem contro Kei Nishikori: l’austriaco arriva da una trionfale vittoria contro Roger Federer, mentre il giapponese dal solito torneo giocato con grande solidità ma senza impressionare. La sensazione è che Nishikori sia favorito, ma il gioco esuberante del classe 1993 di Vienna potrebbe mettergli i bastoni fra le ruote.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy