Caso Pliskova, allarme “rosso”

Caso Pliskova, allarme “rosso”

L’incredibile errore commesso da un giudice di linea , non supportato adeguatamente dall’intervento del giudice di sedia, riapre il dibattito sulla necessità di introdurre “occhio di falco” anche su terra. Per ora, però, a pagare sarà la sola Karolina Pliskova, con una multa in arrivo e, forse, anche di più.

di Piera Camerlingo

Giornata intensa , il mercoledì agli Internazionali d’Italia 2018; giornata benedetta , finalmente , dal sole e da molti match di livello decisamente alto. Tra questi, sul versante Wta, spiccava quello tra l’ex numero 1 , attuale numero 6 del ranking, Karolina Pliskova e la greca Maria Sakkari. Match tiratissimo, con l’ellenica sugli scudi contro la ceca cui la fortuna non ha sorriso nelle più recenti apparizioni al Foro. Nelle ultime due edizioni due sono state, infatti, le uscite al primo turno. Dunque, match combattuto che giunge al terzo set, sul 5-5 e deuce. Karolina chiude un punto fondamentale con uno smash sulla diagonale di destra che cade accanto alla riga, ma ben dentro il campo. La palla viene  chiamata fuori dal giudice di linea e la chair umpire Marta Mrozinska, prontamente coinvolta, mostra tutta la sua indecisione nel confermare la chiamata. In sintesi , nessuno  degli arbitri è grado di identificare il segno corretto sulla terra e, mentre la Sakkari si astiene dall’intervenire, è la Pliskova ad offrirsi di indicare il segno. Ma non si può e, “Rules of tennis” alla mano , dopo un concitato conciliabolo con la Supervisor, si prende l’unica decisione possibile, ossia far ripetere il punto. Karolina, da lì in avanti, è come presa dai demoni e, in pochi minuti, getta via game e match sfogando, infine, la sua rabbia con un gesto inconsulto. La ceca, furibonda, spacca con la racchetta parte della base del seggiolone sul quale una basita Mrozinska attendeva il tradizionale saluto finale.

pliskova 1

Comportamento assolutamente da stigmatizzare , quello della Pliskova e forti le conseguenze per lei. Inevitabile,per la tennista ceca, sarà una salata multa  cui si aggiungono  voci di una possibile squalifica, alla vigilia del Roland Garros. Inevitabile è però , al tempo stesso, la riapertura del dibattito sulla possibilità di introdurre “occhio di falco” anche  su terra rossa. Finora  l’Itf , l’Atp e la Wta hanno sempre rigettato questa ipotesi appellandosi alla ovvia possibilità di vedere il segno lasciato dalla pallina sulla terra, ma l’episodio di ieri,  con l’ incredibile concatenazione di umanissimi errori   compiuti  dai giudici, può certamente contribuire a ribaltare questa  visione delle cose. E, a questo punto, risulterebbe persino strano il contrario. In un tennis sempre più avanzato nell’uso della tecnologia , chiedere che il margine di errore venga ridotto praticamente allo zero non sarebbe affatto un lanciarsi troppo in avanti . Nell’era della progressiva virtualizzazione dei giudici di sedia, già sperimentata alle Atp Next Gen Finals, l’introduzione di “occhio di falco” nei principali tornei su terra darebbe una ulteriore spinta al processo di  modernizzazione del tennis, assicurando così il raggiungimento del comune obiettivo primario, ovvero dare sempre   maggior serenità  a tutti gli attori in campo; giocatori e giudici.

18 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Federica Sueri - 3 mesi fa

    Credo che si debba rivedere, invece, la formazione di arbitri e giudici di sedia. In questo caso se non si prendono provvedimenti anche nei loro confronti, si rischia di perdere di credibilità. La tecnologia non è la soluzione, ma un aiuto: la figura dell’arbitro è e deve restare centrale e assumersi, se è il caso, tutte le sue responsabilità. Come del resto devono fare i/le giocatori/trici. Se no, mettiamo tutto elettronico e di giudici e arbitri non c’è più bisogno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Lorenzo Arena - 3 mesi fa

    L’occhio di falco eviterebbe tutti questi errori

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Nicoletta Francesco - 3 mesi fa

    Io non colpevolizzo più di tanto i giudici purtroppo non è così facile vedere le palle con il sole e i giocatori che si muovono. L’errore è umano. Il gesto della pliskova merita un provvedimento comunque perché L’errore dei giudici non lo giustifica

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Federica Sueri - 3 mesi fa

      Sono d’accordo. Ingiustificabile, non è questo che lo sport insegna.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Giuseppe Schepis - 3 mesi fa

    40-40 sul 5-5 del terzo set. ..non prendono stipendi ma guadagnano con le vittorie. Io dico che pliskova andrebbe risarcita

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Angiolino Savoldi - 3 mesi fa

    Radiare la pliskova?H a
    Ragione ha trovato tre teste di minchia come giudici-super ignorani

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Vittoria Deriu - 3 mesi fa

    Si devono punire i giudici non il giocatore che ha perso una partita importate a causa dell’errore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Giovanna Chiaramonte - 3 mesi fa

    Io non giustifico i giudici ma la reazione della pliskova è punibile a mio modo di vedere è stata violenta quindi ci sta anche una squalifica

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Angiolino Savoldi - 3 mesi fa

      Basta giudici arroganti e prepotenti…cosa credono di essere…e non vengono mai puniti…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Steczyszyn Agata - 3 mesi fa

    Scandaloso il giudice di linea e incompetente arbitro-una squalifica x loro!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Pier Paolo Morelli - 3 mesi fa

    Ma li vedi i giudici di linea come sono messi ? Di media hanno 3 su 5 degli occhiali che a Filini gli fanno un baffo, alcuni con delle facce che sembrano dire ma cosa cazzo ci faccio qui…e potrei continuare Pliskova hai tutto il mio rispetto, dovevi legnarle tutte e due non la sedia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Alessandra Bragion - 3 mesi fa

    Veramente assurdo ! Se viene multata la giocatrice , l’arbitro , giudice linea e supervisore dovrebbero avere come minimo una squalifica e corsi obbligatori per imparare a farlo !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Massimo Mangiarotti - 3 mesi fa

    Certo. Il falco su tutte le superfici.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Alessandro Ongaro - 3 mesi fa

    Scandaloso il giudice di linea.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Steve Togni - 3 mesi fa

    Trovo di cattivo gusto il gesto ! Ma se la pliskova merita una squalifica altrettanto merita il giudice di sedia !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alberto Ferrara - 3 mesi fa

      Io non sarei così severo con la Pliskova, lo sarei invece con la Sakkari che ha visto sicuro bene, come vedono bene TUTTI i tennisti, anche quelli di club. Scandaloso invece il team Giudice di Linea, Giudice di Sedia e Super Visor che hanno vissuto il loro momento di protagonismo, errore che non dovrebbe mai commettere un arbitro nel tennis.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Steve Togni - 3 mesi fa

      Alberto Ferrara sono d accordo ma rimane sempre tennis e una reazione cosi alla fine non e sportiva comprensibile ma non accettabile giustamente va sanzionata ma l arbitro di sedia DEVE avere una sanzione esemplare !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Alberto Ferrara - 3 mesi fa

      Steve Togni volendo fare una classifica di provvedimenti disciplinari, la pena più severa spetterebbe all’avversaria! Di tennis ad alti livelli ne ho visto parecchio e ti garantisco che più si sale di categoria e tanto più sanno se una palla è fuori o dentro!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy