Gli italiani agli Internazionali d’Italia: il bicchiere è mezzo pieno

Gli italiani agli Internazionali d’Italia: il bicchiere è mezzo pieno

Sinner, Fognini, Cecchinato e Berrettini avanti, Seppi, Errani, Sonego, Cocciaretto e Paolini fuori: i primi due giorni degli azzurri agli Internazionali d’Italia lascia ancora in corsa quattro nostri portabandiera nel torneo di casa.

di Alessandro Rodella, @AleRodella

Brillano ancora i colori azzurri nel cielo di Roma: i nostri beniamini non hanno infatti deluso le aspettative e ben in quattro sono approdati al secondo turno.

In ordine cronologico, il primo a scendere in campo è stato Matteo Berrettini, in campo contro Pouille; il romano, classe ’96 ha impressionato per solidità e mentalità vincente contro un avversario che è stato a ridosso della top ten qualche anno fa.

Immediatamente dopo, è sbarcato al Foro Jannick Sinner che contro Johnson ha dato il meglio di sé dopo un primo set di rodaggio: l’altoatesino infatti ha prima incassato un pesante 1-6 per poi ingranare e ribaltare il punteggio fino a salvare un matchpoint sul 2-5 per poi chiudere 7-5 al terzo set.

Nulla ha potuto invece Andreas Seppi, giunto a Roma senza troppe aspettative visto un periodo di forma non ancora ottimale e contro Bautista Agut ha lottato soltanto nel secondo parziale prima di cedere di schianto alla lunghezza contro lo spagnolo.

La seconda giornata si è aperta con un’altra sconfitta, quella di Lorenzo Sonego contro Khachanov: l’azzurro aveva già vinto contro il russo a Montecarlo, ma in questa rivincita il miglior posizionamento in classifica ha prevalso rispetto alla wild-card italiana.

In campo femminile invece Sara Errani ha vinto un solo gioco contro la slovacca Kuzmova: una prestazione quasi imbarazzante, ma la Sara di oggi è lontana anni luce da quella ammirata qualche stagione fa proprio su questi campi. Nulla da fare anche per Elisabetta Cocciaretto contro la più quotata Anisimova, ma l’azzurra può comunque far crescere l’esperienza in un torneo superiore alla sua classifica.

L’Italia può tornare a gioire con Marco Cecchinato che nel pomeriggio ha avuto la meglio su de Minaur: anch’esso, dopo un primo set orribile e una racchetta spaccata, cambia marcia e inanella una serie di giocate vincenti per approdare al secondo turno.

In serata raggiunge i connazionali anche Fabio Fognini che contro Tsonga si dimostra solido e liquida il francese in due set; il ligure continua nel suo magic moment e il secondo turno è ancora alla portata prima di un ipotetico ottavo contro Tsitsipas.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy