Internazionali Roma: le dichiarazioni di Novak Djokovic dopo la finale

Internazionali Roma: le dichiarazioni di Novak Djokovic dopo la finale

La delusione del n. 2 serbo dopo la sconfitta contro Alexander Zverev: “Ho giocato un match fiacco, lontano anni luce rispetto alla prestazione perfetta di ieri contro Thiem. Andre Agassi? Mi seguirà al Roland Garros, poi si vedrà. Siamo entrambi entusiasti di questa collaborazione”.

5 commenti

A Roma è nata una stella. Alexander Zverev, appena 20 anni e n. 17 del mondo, batte Novak Djokovic in due set e vince il suo primo Master 1000 in carriera. Una performance incredibile, che ha messo in ginocchio il n. 2 del mondo, versione sbiadita del killer che ieri in semifinale aveva steso Dominic Thiem giocando, a suo dire, la sua migliore partita “degli ultimi 10 mesi”. Novak nella conferenza stampa conferma anche che Andre Agassi sarà il suo nuovo coach per il Roland Garros.

“NON HO TROVATO IL MIO RITMO” – “Zverev oggi è stato bravissimo oggi – ha esordito -, è un giocatore giovane ma ha già lasciato il segno. Ha vinto uno dei maggiori tornei del mondo e l’ha meritato. Ha servito alla grande, ha giocato alla perfezione, è stato molto veloce e solidoHo dett. Dall’altra parte, la mia performance è stata parecchio deludente. Non sono riuscito a trovare il mio ritmo, a differenza di ieri sera. Le condizioni non aiutavano: non giocavo nella sessione diurna da 3 o 4 giorni. La palla rimbalzava molto veloce e c’era molto vento, a differenza di ieri e il rimbalzo era molto più lento. Non riuscivo a giocare il mio tennis e lui giustamente ne ha approfittato. Ho fatto un sacco di errori non forzati e così ho iniziato a subire break. Insomma, la partita è stata negativa sin dall’inizio. Sono deluso di com’è andata, ma devo accettarlo. Devo pensare che questa settimana ho giocato molto bene, soprattutto ieri”.

SULLA COLLABORAZIONE CON ANDRE AGASSI – “Ho parlato molto per telefono con Andre nelle ultime due settimane. Gli ho chiesto di seguirmi a Parigi durante il Roland Garros e lui ha accettato. Poi vedremo se la cosa potrà continuare anche dopo. Per il momento siamo entrambi entusiasti di iniziare questa collaborazione insieme. Per ora non abbiamo in programma di stare insieme a lungo, ci vogliamo solo conoscere un po’ a Parigi: non rimarrà nemmeno per tutto il torneo, ma solo per qualche giorno. Insomma, il futuro si vedrà. Perché ho scelto proprio lui? Per un sacco di motivi. Prima di tutto, nutro grande rispetto per lui sia come persona che come tennista. Come giocatore ha passato tutto ciò che sto passando io. Conosce il tennis benissimo e anche se non è nel tour da 15-10 anni ha seguito spesso i grandi match in tv. E poi mi piace molto conversare con lui: è molto umile, educato, gli stanno a cuore i valori della famiglia, e poi è un filantropo. Insomma, sento che ha tanto da darmi sia come tennista che come persona. Lui è stato un grande campione, ha lasciato il segno nella storia del tennis. Ha vinto tutto quello che un giocatore può vincere e poi mai nessuno ha avuto un carisma come il suo, sia nella carriera che nella vita. Per questo è così interessante e l’ho avuto insieme a me”.

 

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Carmine Ferrara - 5 mesi fa

    Dopo la prestazione con Thiem, ci si aspettava un Djokovic su quei livelli, invece il ragazzino lo ha letteralmente asfaltato. Cosa può essere successo a distanza di sole 24 ore?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Andrea Centoni - 5 mesi fa

    Sinceramente chi capisce di tennis e vuole giudicare in modo oggettivo, non può non aver osservato la profondità dei colpi di Djokovic nel match con thiem. Semplicemente. Per non parlare dei vincenti e dei gratuiti ridotti quadi a zero. Quindi la novella del thiem non pervenuto appare quanto di più lontano dall’oggettivo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Barbara Maggiora - 5 mesi fa

    Ma non è che Nole oggi per caso ha dimenticato di prendersi gli integratori che ha, forse, preso ieri contro Thiem? Eh scusate….ma oggi sermbrava il gemello sfigato!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Andrea Todisco - 5 mesi fa

    Diciamo che ieri Thiem non è sceso in campo…quindi sta prestazione perfetta mi pare proprio fuori luogo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Paolo Polo - 5 mesi fa

    Vero. Ha giocato con almeno il 50% in meno d intensità grinta attenzione. Sarà stato anche merito di zverev. Cmq quello di ieri oggi non era in campo. Questo è sicuro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy