Novak Djokovic: “Il tennis è lo sport più difficile e costoso che esista. Senza un appoggio è durissima”

Novak Djokovic: “Il tennis è lo sport più difficile e costoso che esista. Senza un appoggio è durissima”

Dopo la facile vittoria contro Basilashvili all’esordio degli Internazionali Bnl d’Italia, Djokovic ha parlato del suo stato di forma e ha parlato dell’inizio della sua carriera: “Mi sento bene, al Pietrangeli un’atmosfera fantastica. Sto migliorando, ma so che ci vorrà ancora molto per tornare ad altissimi livelli”. Dal nostro inviato.

di Michele Alinovi, @MicheleAlinovi1

Buona vittoria all’esordio per Novak Djokovic, che sul Pietrangeli ha battuto il georgiano Basilashvili con il punteggio di 6-4 6-2, con qualche problema nel primo set. Il serbo, che agli ottavi di finale sfiderà lo spagnolo Albert Ramos, ha commentato così in conferenza stampa:

“La superficie è diversa da quella del Centrale: è più lenta, ma la palla rimbalza di più. Basilashvili poi è partito molto bene, correndo dappertutto. È un giocatore solido e veloce, attaccava qualsiasi palla che poteva. Quindi ci sta che abbia faticato, anche perché non giocavo sul Pietrangeli da anni: non vedevo l’ora di rifarlo. Sono contento di aver giocato lì, di aver vinto, l’atmosfera qui è unica”.

“Questo per me è un periodo di transizione che devo accettare, devo dare il meglio in ogni match che gioco, ma anche in ogni allenamento. Solo così mi sentirò sempre più a mio agio nelle partite. Certo, match e allenamento sono diversi dal punto di vista mentale, per questo è importante alternarli. Anche se è vero che non c’è miglior allenamento di una partita. Voglio pensare giorno per giorno, spero di aggiudicarmi più incontri possibili. Apprezzo il calore della gente, voglio tornare in alto, ma so che non sarà immediato”.

Djokovic ha poi parlato del suo team e della condizione di giocatori come lui che pagano i propri coach e non vengono seguiti ‘d’ufficio’, pagati dalle Federazioni:
“Penso che ci siano dei vantaggi in questo. Molti giocatori sono supportati dalle Federazioni dei vari stati, che hanno molto potere, soprattutto in quei paesi che ospitano degli Slam. Spesso questi Paesi fanno contratti coi loro giocatori all’inizio delle loro carriere. Per altri è stato diverso, come per me. Certo, non è stato facile all’inizio per me, e soprattutto per i miei genitori [pagare un coach di tasca loro]. Per giocare a tennis a livello davvero professionale servono tanti soldi, forse più che in ogni altro sport. In Italia la Federazione aiuta molti tennisti promettenti sin da quando sono molto giovani. Non tutti però hanno avuto questa fortuna, così bisogna stringere i denti e continuare da soli. A me è successo così. Moltissimi hanno mollato, o perché non credevano di poter raggiungere un alto livello, o perché non riuscivano a sostenere tante spese. Ogni sport, alla fine, pone molte difficoltà, ma il tennis ancora di più, perché è uno sport individuale. Se non hai qualche forma d’aiuto o di sponsorizzazione è durissima”.

Infine Djokovic ha parlato del suo outfit, un completo con i colori della Francia e sponsorizzato da Lacoste, la nota azienda francese d’abbigliamento: “A me piace, ci sto bene. E poi i colori sono anche quelli della Serbia”.

20 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Franca Corradini - 1 settimana fa

    Sono già parecchie volte che lo sento lamentare per i costi del tennis, mi ha stufato, ne ha guadagnati tantissimi, poi si è preso la residenza a Montecarlo e non paga neanche le tasse. Basta Nole, hai rotto!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Carla Zavattaro - 1 settimana fa

    A certi livelli tutti gli sport sono cari!!! Forza Nole!!!Grande campione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Loretta Borel - 1 settimana fa

    Non credo che sia il più costoso a quei livelli . L’ippica dove la mettiamo ? Spostarsi per i concorsi con i cavalli ,veterinari , poi non dimentichiamo che i cavalli mangiano 3 volte al giorno , scuderie ecc.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. William Viezzer - 1 settimana fa

    In fatto di costi ne so qualcosa,tra tessere sociali,ore dei campi visita medica,iscrizioni ai tornei mi ci vogliono una montagna di soldi..risultato un modesto 4/2

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gennaro Caravecchia - 1 settimana fa

      Idem ….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Matteo Teodori - 1 settimana fa

    L’anno scorso ha fatto finale qui un lampo in una stagione non proprio eccezionale evidentemente Roma gli porta sensazioni positive

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Raffaele la Sala - 1 settimana fa

    Si ma non era l’esordio!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. David Grillo - 1 settimana fa

      Oggi vado al Foro!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Gabriele Puntoni - 1 settimana fa

    Il tennis ha bisogno di te..sei il numero 1

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Andrea Onni - 1 settimana fa

      gabri siamo spesso in disaccordo sul calcio, ma sul tennis la pensiamo uguale ahhhha, parole sante !!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Gabriele Puntoni - 1 settimana fa

      Speriamo si riprenda il più velocemente possibile..voglio rivederlo al vertice della classifica mondiale..un giocatore come djokovic non può occupare tale posizione..conto di vederlo in grandi condizioni per Parigi..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Andrea Onni - 1 settimana fa

      se non a parigi agli us open o fine anno inizio anno prossimo nole sarà di nuovo il dominatore, ne sono sicuro

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Gabriele Puntoni - 1 settimana fa

      No dominatore come gli anni passati è impossibile complice il dato anagrafico che non possiamo sottovalutare..però se non ha più fastidi al gomito può tornare a vincere slam data anche la scarsissima concorrenza che c’è adesso..non può più vincere tutti i tornei come ha fatto nel 2011 o 2015..ma regalare ancora fiammate di alto livello quello si..e il serbo deve prendere esempio da federer per il calendario,rinunciare a diversi tornei e puntare tutto sugli slam

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Andrea Onni - 1 settimana fa

      non sono d accordo, è sbagliato dire che non tornerà mai piu dominatore, è diffficile ma non impossibile, e poi ti ricordi che dopo il 2011 sid iceva eh non avremo un dominio del genere mai piu , e invece nole nel 2015 fece anche meglio , quindi mai dire mai con nole

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Gabriele Puntoni - 1 settimana fa

      Si ma nel 2015 aveva 28 anni anno ideale per fare bene se stai bene fisicamente come stava lui adesso ha 31 anni e non sono pochi..si deve gestire e puntare agli slam

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. Andrea Onni - 1 settimana fa

      mh vedremo, lui è talmente supeirore che dipende da lui , se è in forma domina sia che orger sia il milgior roger sia che ci sia il miglio nadal sul suo cammino, quindi aspettiamo e vediamo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    8. Luca Peppo - 1 settimana fa
      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Bete Cattai - 1 settimana fa

    Boa sorte Nole. Você é um guerreiro e sempre luta pelo objetivo. Vencedor!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Mattia Palumbo - 1 settimana fa

    Alberto Cervato tu ce l’hai l’appoggio?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alberto Cervato - 1 settimana fa

      In palestra sempre

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy