Wta Roma: Nelle qualificazioni fuori a testa alta Alberta Brianti e Cristiana Ferrando

Wta Roma: Nelle qualificazioni fuori a testa alta Alberta Brianti e Cristiana Ferrando

Nel primo turno del tabellone di qualificazione cadono, ma con gli onori della battaglia, Alberta Brianti e Cristiana Ferrando. L’esperta tennista emiliana cede al terzo set alla teenager Jelena Ostapenko. La Ferrando fa sognare il pubblico romano vincendo il primo parziale contro Oceane Dodin, ma poi subisce la rimonta della transalpina. Nel pomeriggio in campo Martina Trevisan e Federica Di Sarra.

FUORI FERRANDO E BRIANTI – Dopo due ore e dieci minuti di gioco Cristiana Ferrando si deve arrendere alla maggiore tecnica della bombardiera Oceane Dodin perdendo in rimonta per 3-6 6-1 6-3, ma regalando sprazzi di buon tennis al pubblico del Foro Italico. I primi tre giochi del match della Ferrando, nipote di Linda – 36esima posizione come best ranking raggiunta nel 1994 –, sono combattuti e si decidono solo ai vantaggi con la francese che brekka l’azzurra andando poi sul 3-1. Sembra indirizzato il parziale in favore della Dodin, ma Cristina Ferrando inizia a offrire agli spettatori occorsi al Campo 2 un gioco spettacolare infilando cinque game consecutivi e intascando il set iniziale. La reazione della nativa di Lille, reduce dalla vittoria al secondo turno del Mutua Madrid Open contro la “Maestra del 2016” Dominika Cibulkova, non si fa attendere e la Ferrando ne rimane annichilita. Oceane Dodin perde soli cinque punti al servizio e chiude il secondo segmento per 6-1.
Le due tenniste si scambiano il break al principio del conclusivo set, ma a decidere l’esito della contesa è il terzo game: la Ferrando, al servizio, va subito sotto 40-0, recupera ribattendo colpo su colpo la Dodin, ma alla settima chance del lunghissimo gioco la transalpina riesce a conquistare l’importante break. Sarà questo il game che deciderà la gara: Oceane Dodin chiude il set per 6-3.

Cristiana Ferrando, nata a Santa Margherita Ligure il 10 agosto 1995
Cristiana Ferrando, nata a Santa Margherita Ligure il 10 agosto 1995

Esce a testa alta anche la sempreverde Alberta Brianti dinanzi la diciannovenne lettone Jelena Ostapenko, semifinalista dell’ultimo International di Praga.
Dopo un primo set volato via con il solo spavento del break iniziale subìto, nel secondo parziale Jelena Ostapenko si trova ad affrontare la grinta di un’indomita Alberta Brianti, trentasette anni compiuti un mese fa. La teenager di Riga deve inseguire fin dal primo punto, recupera il break al settimo gioco e porta la sfida al tiebreak, dove la veterana azzurra scappa subito sul 5-0 prima di chiudere, con qualche brivido di troppo, al quarto setpoint tra l’ovazione generale degli spettatori sugli spalti del Campo 6. Nel decisivo parziale, però, è la maggiore freschezza della Ostapenko (praticamente la metà degli anni della Brianti) ad avere il sopravvento. Alberta patisce i colpi della più giovane avversaria cedendo il pass per il secondo turno delle qualificazioni.

Le speranze di aggiungere qualche altra italiana al tabellone principale delineato ieri sotto l’Arco di Costantino ora sono affidate a Martina Trevisan impegnata contro CiCi Bellis e Federica Di Sarra opposta a Risa Ozaki. Negli altri incontri ok in tre set la ex top 10 mondiale Andrea Petkovic sull’americana Boserup e Mona Barthel, regina del torneo di Praga, avanti con un secco 6-2 6-0 sull’ateniese Maria Sakkari.

Internazionali BNL d’Italia – Primo turno qualificazione
O. Dodin b. C. Ferrando 3-6 6-1 6-3
J. Ostapenko b. A. Brianti 6-2 6-7(5) 6-2
M. Barthel b. M. Sakkari 6-2 6-0
V. Lepchenko b. K. Bondarenko 6-0 6-2
N. Hibino b. J. Brady 7-6(2) 6-3
D. Vekic b. L. Arruabarrena 6-2 6-4
A. Petkovic b. J. Boserup 5-7 6-4 6-1

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy