Rafa Nadal: “Si potrebbe giocare sul rosso anche a Londra. Sulla rivalitá con Federer…”

Rafa Nadal: “Si potrebbe giocare sul rosso anche a Londra. Sulla rivalitá con Federer…”

Il 9 volte campione del Roland Garros ha concesso un’intervista a Daily Mail nella quale ha analizzato la sua stagione, il passato recente ed il presente, esprimendosi anche sulla superficie dove si giocherá il Master di fine anno e sulla rivalità storica con Roger Federer.

1 Commento

Rafa Nadal si trova giá a Londra, a 3 giorni dall’inizio delle Atp Finals, al culmine di una stagione in cui il 29enne spagnolo per la prima volta dal 2004 non ha conquistato almeno uno Slam. Rafa tuttavia arriva nella capitale inglese dopo aver ritrovato il divertimento sul campo e una condizione piú che positiva raggiungendo la finale negli Atp 500 di Basilea e Beijing.

Il 9 volte campione del Roland Garros ha concesso un’intervista a Daily Mail nella quale ha analizzato la sua stagione, il passato recente ed il presente, esprimendosi  anche sulla superficie dove si giocherá il Master di fine anno e sulla rivalità storica con Roger Federer.

Non sono sicuro se sia giusto al 100% che ci qualifichiamo per le Finals giocando sull’erba, cemento, terra e indoor, e dal 2005, anno in cui strappai il pass per la prima volta, si gioca sul cemento indoor da 11 anni”, ha affermato Nadal.

london-finale-2013-sunday-nadal-b

“Credo che non sia giusto che un tennista come me non abbia giocato sulla superficie che valorizza maggiormente il suo gioco. Ho sempre giocato il Master nelle peggiori condizioni”, ha sottolineato il maiorchino, affermando come sia possibile giocare su terra rossa anche nella O2 Arena. “Il campo coperto va bene, ma é possibile costruire diversi tipi di superficie. L’atmosfera è fantastica e sono molte felice. Mi sono divertito tutte le volte che sono venuto qui, peró si puó anche giocare sul rosso”. 

Nonostante il poco adattamento al veloce indoor inglese, Rafa ha raggiunto a Londra la finale nel 2013 e nel 2010 non riuscendo mai a sollevare la coppa dei Maestri. Sono infatti 5 anni che l’ex n.1 del mondo non  vince un titolo in Gran Bretagna, precisamente da Wimbledon 2010. E a proposito dello Slam londinese, Nadal ha detto: ” La realtá é che nel 2012 e nel 2013 le mie ginocchia non erano pronte per giocare su erba. Nel 2014 e 2015 stavo bene. Lo scorso anno ho giocato un buon torneo, ho perso un match che avrei potuto vincere. Arrivai fino agli ottavi, ad un passo dai quarti. Quella fu una grande vittoria per me”.

“Il 2015 é stato difficile in generale. Penso di aver fatto la giusta preparazione per Wimbledon ma ho giocato contro un tennista particolare al secondo turno. Ho giocato male e ho perso”, ricorda il maiorchino che si mostra ottimista sul presente. “Sento che sto giocando sempre meglio, e di essere maggiormente aggressivo perché riesco a controllare le mie emozioni. Non subire infortuni é molto importante per me per recuperare la giusta fiducia nel corpo e nei movimenti. Ora posso lavorare su ció che voglio”.

630226-NadalfedererREUTERS-1384110555-438-640x480

Infine Rafa ha ricordato la grande rivalità con Roger Federer, e le grandi sfide tra i due per i prestigiosi titoli: “Credo che non ci siamo trovati troppo. Nel senso quando io giocavo bene lui giocava male e viceeversa. Ció non ci ha permesso di giocare contro molte volte. Ma é chiaro che quando affronti Roger, é perché hai fatto strada nei piú grandi tornei. In quei giorni l’atmosfera era speciale. Quando giocavamo insieme nei tornei principali forse solo agli Us Open ci siamo trovati di fronte in finale. Penso che la mescolanza di stili renda questa rivalitá cosí speciale”. 

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. matteofabbro36_477 - 2 anni fa

    Ah beh guarda dopo questa,“Credo che non sia giusto che un tennista come me non abbia giocato sulla superficie che valorizza maggiormente il suo gioco. Ho sempre giocato il Master nelle peggiori condizioni”, scusa vuoi che ti diano anche il trofeo senza giocare già che ci sono? ma guarda te, questo vorrebbe mettere la terra rossa solo per poter giocare meglio lui, pfft ma vai a giocare in Francia, c’è la stagione in sintetico terra erba e cemento, o ti sta bene o non giocare, adesso bisogna cambiare i campi perchè lo dici tu? arriverà a dire di cambiare l’erba a wimbledon ancora un po’.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy