Roger Federer: ” Il mio amore per il tennis non è terminato”

Roger Federer: ” Il mio amore per il tennis non è terminato”

Il tennista svizzero si rivela in una intervista e racconta come ha vissuto la sua operazione al menisco che lo ha portato a riflettere anche sul futuro della sua carriera.

1 Commento

federer_2015_brisbane_16

 

Roger Federer ha sentito un ” crack” nel suo ginocchio mentre lavava i suoi gemelli. Questo fortuito ed accidentale episodio lo ha tenuto lontano dai campi di gioco per ben due mesi , causandogli la rottura del menisco. Oggi lo svizzero si sente pronto a tentare l’assalto ad uno dei due Masters 1000 che non ha ancora vinto, Montecarlo, dopo aver saltato Miami a causa di un virus intestinale.

Ho vissuto molti momenti difficili. Mi sono reso conto che il mio mondo era fragile e che ero solamente un piccolo punto nell’immensità dell’universo”, racconta Federer riferendosi alle sensazioni provate quando ha scoperto di essersi rotto il menisco. ” Dovevo credere a coloro che mi consigliavano l’operazione quale soluzione al mio problema e sperare in una pronta guarigione. Ammetto di aver aver avuto paura nei giorni precedenti all’operazione. Sono stato molto preoccupato nel momento in cui mi vidi bendato su di un letto di ospedale e quando ho mosso i primi passi. Dopo questo, tutto è andato meglio gradualmente”, aggiunge.

La giornalista Carole Bouchard gli chiede se abbia mai pensato al suo ritiro. ” Penso a questo e penso al mio futuro al di fuori dei campi di gioco. Ogni giocatore lo vive in un modo differente e certe volte non abbiamo possibilità di scelta. Sarà qualcosa di spontaneo e che mi faccia sentire a mio agio”, racconta Federer. ” Stare a casa è magnifico. Specialmente rimanere in un luogo per molto tempo, però quando inizia una stagione nel circuito, ho ancora tanta voglia di mettermi in gioco. Il tempo lo dirà, però per adesso sono felice così. Il mio amore per il tennis non è ancora terminato.”

Federer rivela che avere due coppie di gemelli non lascia tempo né a lui né a sua moglie Mirka di avere i propri spazi di tempo libero. ” Abbiamo ancora tanto da dare alle nostre due gemelline,anche se hanno già sei anni e mezzo. Con il tempo tutto sarà più semplice, anche se più crescono, più i problemi diventano maggiori”, dice ridendo.

federer-monte-carlo-2016-practice3

 

Non abbiamo ancora molti indizi su cosa farà Roger quando si ritirerà. Nemmeno lui lo sa. ” Oltre il voler stare con la mia famiglia, non so bene cosa farò in futuro. Dipende da ciò che voglio scegliere di fare posto dinanzi a varie possibilità. Ho sempre detto di non voler diventare né allenatore né commentatore, ma mai dire mai “, ammette ” Amerò per sempre il tennis e credo che il mio amore per esso non avrà mai fine. Forse aiuterò semplicemente i bambini svizzeri nel loro processo di crescita tennistica,chissà. ”

Cosa infastidisce Roger nello stare sempre nel circuito? ” Lo stare sempre a contatto con il telefono tutto il giorno. Diviene una costante ormai. Oppure lo stare attendendo in auto in aeroporto con i propri figli che urlano. Però nel 99% delle volte tutto fila per il verso giusto” commenta un Federer a cui piace ancora stare nel circuito ” Mi piace anche guidare l’auto e lo faccio anche quando gioco grandi tornei importanti come in Australia, Dubai ,Indian Wells, Miami o Cincinnati. Preferisco questo piuttosto che avere un autista che non conosco.”

Al tennista di Basilea sorprende vedere così tanti tennisti della sua età giocare così tanti tornei all’anno e mantenere posizioni elevate nel ranking. ” Se un tennista di 38 anni vuole giocare 10 tornei all’anno, questo è buono per il circuito,ma mi sorprende vedere giocatori della mia stessa generazione giocare 25 tornei all’anno. Diviene un qualcosa di stupendo, ma richiede una maggiore attenzione alla forma fisica“, spiega Federer.

fed

 

Infine , Roger ha un paio di commenti sui recenti scandali che hanno afflitto il tennis , come le partite truccate e doping, con il caso di Maria Sharapova . ” Ve ne parlo come qualcuno che è totalmente estraneo e lontano da esso . Non so nulla degli intrighi in quanto non mi hanno mai riguardato direttamente . Ci aspettavamo qualcosa di grande , ma alla fine è stato un po ‘di fumo . Il doping è un qualcosa di negativo e malvagio per noi  e Sharapova dovrà attendere il verdetto . Non mi piace parlare molto su questi argomenti , perché il caso non è molto chiaro , ma penso che sia un male per lo sport . “

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ibolya Unger - 11 mesi fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy