Sergio Giorgi: “La Fit sembra un clan”

Sergio Giorgi: “La Fit sembra un clan”

Papà Giorgi parla di Camila, del suo 2016 e del difficile rapporto con la FIT. Rapporti molto tesi , ma se ci fossero determinate condizioni…..

14 commenti

“UN ANNO BRUTTISSIMO”- A ruota libera Sergio Giorgi . Il papà -coach della marchigiana fa un bilancio della stagione ormai al termine, e lo fa in una intervista rilasciata a Sportface.it. Tanti i temi toccati; dal rendimento di Camila allo scontro frontale con la Federazione Italiana Tennis. L’anno dell’azzurra; un anno negativo. “È stato un anno bruttissimo sotto il profilo dei risultati – racconta Sergio – ma molto positivo sotto altri punti di vista. Nel 2016 Camila ha avuto molti alti e bassi, il più delle volte legati a problemi extra tennistici, ma il suo tennis rimane incredibile. Bisogna metterlo in pratica però… Io continuo a essere tranquillo, perché prima o poi la classifica sorriderà. Pensiamo ai lati positivi, non abbiamo molti punti da difendere nel 2017, siamo usciti nel 90% dei casi al primo turno. “Bisogna considerare che ci siamo salvati senza uscire dalle prime 100 posizioni del ranking, che è una soglia importante per evitare ulteriori difficoltà….Camila deve maturare ancora un po’, migliorare qualche movimento specifico, trovare la costanza e la solidità che serve e poi niente può impedirle di entrare in top-20 e successivamente anche in top-10. Il tennis da top-10 ce l’ha già ora, ma non lo mette in pratica”. Tuttavia, secondo papà Sergio, l’evoluzione tattica di “Cami” prosegue. “Camila ha sempre ricercato la rete e il gioco di volo, ma adesso lo fa molto meglio. Anche da fondo campo è migliorata tanto: la palla cammina di più, gioca più anticipato, ci sono maggiori rotazioni, è più veloce a spostarsi al centro del campo per giocare il dritto anomalo. Il servizio è ulteriormente migliorato, anche se la battuta, una volta per tutte, non è il problema di Camila. Quando viene brekkata, spesso non è a causa del servizio, sono altri i problemi, come ad esempio la sua posizione in campo. ‘Cami’ è una giocatrice potente e che gioca profondo e quindi deve imparare in maniera più costante a stare un passo più indietro, per avere più spazio per i suoi attacchi. Sono piccole cose ma che fanno una grande differenza.[…..] La differenza è la costanza, il sapere tenere alta la concentrazione per tutta la partita e per tutto il torneo. Deve riuscire a ‘stare nel match’ durante tutta la partita e per tutto l’arco del torneo. Se riuscisse mentalmente a fare questo salto di qualità, conterebbe poco il ranking di partenza del 2017. Penso ad esempio a Johanna Konta, partita da lontano e in un anno entrata in top-10 con un tennis non estremamente brillante anche se molto solido”. La soluzione? “Bisogna stare tranquilli, non andare fuori di testa quando le cose vanno male. Il 2016 è stato un anno molto importante per Camila a livello di crescita personale, a causa di tutte le difficoltà che ha avuto al di fuori del campo. Inoltre, perdere così tanto serve anche di più a volte, soprattutto a giocatrici come Camila; ti fa stare con i piedi per terra, ti fa crescere, ti fa analizzare ogni dettaglio. Ricordiamoci comunque che parliamo di una ragazza di venticinque anni, l’età è quella giusta e il tempo salire c’è, l’importante è stare tranquilli”.

Camila-Giorgi
“LA FIT SEMBRA UN PALAZZO DELLA VECCHIA UNIONE SOVIETICA”- Con la Fit le cose sembrano andare di male in peggio. Neanche l’arrivo di Tathiana Garbin alla guida della nazionale sembra promettere una svolta vera. ” Il rapporto con la Fit? Sembrano un clan, un palazzo della vecchia Unione Sovietica; sempre la stessa mentalità, sempre le stesse persone, mai un cambiamento. Io comunque sarei pronto, a determinate condizioni, a metterci una pietra sopra.” Riguardo all’arrivo della Garbin…. “È un cambiamento tecnico, ma sarà sempre tutto uguale a prima. Io non voglio parlare male di nessuno, ma sono loro a parlare male di Camila. Vi sono persone ‘anziane’ all’interno della federazione che ne hanno dette di tutti i colori, in pubblico, su mia figlia e credo che non dovrebbero permettersi di fare una cosa del genere verso una ragazza di venticinque anni. Si è detto che la Giorgi non ami la maglia azzurra, ma Camila ha giocato tutte le ultime sfide di Fed Cup chiedendo di saltarne una ed è scoppiato il finimondo. Le altre ragazze italiane hanno chiesto la stessa cosa in altre circostanze, però loro la maglia azzurra la amano sempre. Mi sembra ci sia del doppiopesismo. Se la federazione ne fa una questione di contratti allora non possono giustificarsi dicendo che le altre hanno ottenuto grandi risultati in carriera. Camila è stata crocifissa… Tornando alla Garbin, non credo proprio cambierà qualcosa. Barazzutti ha parlato male di Camila anche prima del match di Marsiglia contro la Mladenovic, incontro peraltro vinto. Non si dovrebbe parlare male di una ragazza che non parla male mai di nessuno, che non si mette contro nessuno, che non sparla di alcuna compagna, di alcun giornalista, di nessuno. Non è giusto! Allo stesso modo ha poi parlato Sergio Palmieri, che ha anche sottolineato come Camila, una volta terminati gli allenamenti, andava subito a fare la doccia. Che avrebbe dovuto fare, ballare negli spogliatoi? Sempre la stessa mentalità, sempre le stesse persone, mai un cambiamento. E la cosa peggiore sono stati gli insulti gratuiti a Camila: il problema sono io, non è lei, è palese; quindi perché devono attaccare lei? Anche la frase sul telefono azzurro è assurda, il vertice di una federazione che si permette di dire una cosa simile. Vogliono parlare male di me? Non ci sono problemi, ma lascino in pace Camila”. Dunque, per Camila si chiudono le porte della nazionale? Forse, dipende dalle circostanze. I fatti però rivelano rapporti che si sono davvero complicati. “Il 4 aprile il presidente Fit angelo Binaghi ha parlato con me al telefono, in maniera tranquilla ed educata, ma un paio di giorni dopo ha fatto una conferenza stampa parlando male di Camila e del sottoscritto. Quando ti ritrovi a che fare con persone come loro, tanto meglio starci molto lontano. Noi siamo contentissimi di starci lontano. Hanno dei valori opposti rispetto a quelli di Camila. Detto ciò, e la Fit lo sa, io sarei anche pronto a metterci una pietra sopra e chiudere questa storia da persona civile, lasciando perdere le questioni legali, anche se ovviamente non perdonerei il loro comportamento verso ‘Cami’. Ritirerei gli avvocati se lo facessero anche loro. Peraltro se ne era già parlato, tanto è vero che mia figlia era pronta a giocare la Serie B per onorare la maglia della nazionale. Al momento non è fattibile, ma, come si dice, mai dire mai”.

epa04063253 Camila Giorgi (R) of Italy talks with her team captain Corrado Barazzutti (L) during her Fed Cup singles match against Madison Keys of the US in their Fed Cup World Group first round tie between the USA and Italy at the Public Auditorium in Cleveland, Ohio, USA, 08 February 2014.  EPA/DAVID MAXWELL
“NON VEDO COME POSSANO GESTIRE IL TENNIS ITALIANO”- Sergio Giorgi si sofferma poi sulla gestione complessiva del tennis italiano da parte dell’attuale dirigenza. Una gestione, a suo parere, più politica e burocratica che sportiva. ” Non vedo come loro possano gestire così il tennis italiano. Pensano alla politica e alla burocrazia, non al movimento. Hanno avuto la possibilità con quattro fenomeni come Schiavone, Pennetta, Vinci ed Errani di costruire un movimento, ora hanno avuto una seconda possibilità di ripartire da Camila, ma se la sono bruciata così. Non la ritengo una mossa intelligente. In Italia ci sono tanti ragazzi e tante ragazze che giocano benissimo, ma la gestione non aiuta e penso che faranno fatica a tirare fuori un giocatore da Tirrenia. Detto questo, è bene ricordare come sia molto difficile, per chiunque, portare un giocatore o una giocatrice nella Top-50”. Tuttavia , Camila non cambierà mai nazionalità. “La federazione non è l’Italia. Ci si può sentire italiani senza dover per forza rappresentare la FIT”.
LA FAMIGLIA INNANZITUTTO- La stagione è ormai al termine. Prossimo impegno per Camila è il Wta di Mosca . Poi , un pò di vacanza; lontano dal tennis e separati. “Si,  vacanze separate, ci mancherebbe. Noi siamo così anche tutti i giorni. Una volta finiti i match o gli allenamenti non si parla più di tennis, a casa parliamo di tante cose ma basta tennis, altrimenti sarebbe troppo. È bello stare in famiglia senza pensare sempre al tennis, la famiglia è la cosa più importante”. Giusto così.

14 commenti

14 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Archana Luna - 2 mesi fa

    Ha ragione in tutto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Federica Pollini - 2 mesi fa

    Possibile che non riesca a capire che deve cambiare allenatore e liberarsi del padre padrone?!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Flavio Castignani - 2 mesi fa

    La FIT sarà anche un clan….ma fino adesso ti andava bene ,visto che ti pagava le spese.Cmq tua figlia è una mediocre….rimarrà sempre dietro le quinte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Alfonso Morrone - 2 mesi fa

    Lui è strano, un po’ anche la figlia, ma sulla FIT ha pienamente ragione!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Andrea De Luca - 2 mesi fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Eros Boisson - 2 mesi fa

    Ha ragione papà Giorgi purtroppo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Paolo Polo - 2 mesi fa

    Un talento sprecato nei rari casi che in partita gli ha funzionato tutto. Ha fatto vedere belle cose gran tempo sulla palla e gran velocità dI braccio. La Errani e la vinci si sognano parecchie cosette in primis il servizio. Quando entra. Cmq ormai sono anche parole sprecate. Dal prossimo anno inizieranno i tornei passando dalle qualifiche. Nel 2018 ritornerà cin i features. ITF. Poi ricominceranno a trovare qualche fesso che caccia qualche euro per fare i tornei. Insomma corsi e ricorsi storici

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Fabrizio Cesari - 2 mesi fa

    SEI TU UN CLAN NEL INSEGNARE A TUA FIGLIA CHE NON VINCE MAI UN CAZZOOO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Antonio de Vito - 2 mesi fa

    Manca la forza mentale, che fa la differenza a certi livelli. Probabile che abbia troppa pressione addosso, in parte dovuta ad un padre coach, troppo ingombrante.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Alessandro Azzini - 2 mesi fa

    Per amore dei figli bisogna anche sapere quando è il momento di farsi da parte. Ormai è tardi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Gilda Rogora - 2 mesi fa

    Dovrebbe avere intelligenza tattica, cosa che le manca.vada a imparare dalle nostre italiane che hanno vinto tornei importanti pur non avendo la sua potenza

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Jacques Doumont - 2 mesi fa

    C’mon Camila Giorgi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Diego Cecconi - 2 mesi fa

    Sotto un certo punto di vista potrebbe avere anche ragione ma forse “quello che ha tra le mani” lui non è proprio questo tesoretto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Flavio De Martino - 2 mesi fa

    Tranqui Sergio ormai non ne vale più la pena

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy