Toni Nadal: “Se non fossi stato suo zio, mi avrebbe già sostituito”

Toni Nadal: “Se non fossi stato suo zio, mi avrebbe già sostituito”

Toni Nadal, con la sua solita schiettezza e sincerità, ha ammesso che probabilmente, se non fosse stato lo zio di Nadal, Rafa lo avrebbe già sostituito. Un’affermazione che probabilmente non giunge a caso, e che testimonia una presa di coscienza assoluta. Chissà che Nadal non ci faccia un pensierino…

4 commenti

Se può esistere una parola che possa descrivere appieno Toni Nadal, quella è senza dubbio la sincerità. Nelle osservazioni rilasciate al giornale El Mundo, l’allenatore e zio di Rafael Nadal ha ammesso una realtà che molte persone sono state in grado di pensare già tempo fa. “Ho avuto la fortuna di essere suo zio. Questo mi ha aiutato molto nel rapporto con Rafa, perché se non fossi stato lo zio, probabilmente già mi avrebbe sostituito”.

Dichiarazioni dure per l’uomo che ha portato Rafa in cima alla classifica in tre occasioni e che lo ha visto diventare per ben 14 volte campione in un torneo del Grand Slam. Anche se non si è mai voluto prendere i meriti di queste vittorie, è sicuro tuttavia che, dopo un periodo buio come quello che sta attraversando Nadal, lo spagnolo lo avrebbe già licenziato se si fosse reso conto che la relazione era arrivata al culmine.

“Non ho portato io Rafa in cima al mondo, ma lui stesso. Nel caso del tennis, è il giocatore che fa un buon allenatore, non viceversa”, ha continuato l’allenatore proveniente dalle Baleari, che ha parlato ai microfoni delle emittenti argentine.

“Mi ricordo ancora le partire contro (Guillermo) Coria a Montecarlo, quando Rafael aveva appena 16 anni. Ad oggi, Rafael è diventato un giocatore che non osa più come in passato, e tende a non attaccare in avanti; da un po’ di tempo Rafael ha cominciato a colpire la palla un po’ più tardi del dovuto ed ha di conseguenza cominciato a perdere campo. Forse, mi piacerebbe che attaccasse come Federer e fosse più propositivo.”

“La volontà è la prima cosa che gli ho inculcato. Senza forza di volontà è difficile raggiungere buoni traguardi. Credo che la cosa più importante nella vita sia il dominio della volontà (…) Sono stato un allenatore che ha sempre mostrato più attenzione per l’aspetto caratteriale piuttosto che per quello tecnico”, aggiunge Toni a favore di suo nipote, rispetto al quale rivela di essere molto orgoglioso per il lavoro svolto durante gli anni e per i miglioramenti evidenti durante la carriera.

“Capisco come nel tennis sia un passaggio fondamentale acquisire consapevolezza dei propri mezzi, e mettere in luce gli aspetti particolari ed i punti di forza di un giocatore. Non è una cosa da tutti, ma Rafael ci è riuscito.”

toni-nadal

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Fabrizio Cesari - 11 mesi fa

    NON C’ENTRA UN CAZZOOÒOOOOOOOOOOOOÒOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO LO ZIO LUI HA ANCHE ALTRI PREPARATORI E MAESTRI DEL PASSATO SPAGNOLI!!
    E CHE DOPO L INFORTUNIO E L OPERAZIONE AL LINGUINE NON SI È SICURAMENTE RIPRESO..
    VEDREMO PRIMA O POI IL VINCENTE RAFA A! !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Massimo Miranda - 11 mesi fa

    Credo che avrebbe anche potuto picchiarlo, se gli ha fatto prendere “qualcosa”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Paco Cirulli - 11 mesi fa

    Ps ora è’ davvero penoso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Paco Cirulli - 11 mesi fa

    Se non lo fa non tornerà più nadal

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy