La Pulce: Becker e il Federer-sfruttamento

La Pulce: Becker e il Federer-sfruttamento

L’ex campione e attuale allenatore di Novak Djokovic Boris Becker ha una serie di dichiarazioni che sul momento ci hanno lasciato molto perplessi. All’inizio ci sembravano farneticazioni inutili e fuori luogo ma poi, d’improvviso, abbiamo avuto l’illuminazione.

Prima di condividerla con voi, però, partiamo dal principio. Becker ha dichiarato al Telegraph cheFederer non è assolutamente così carino come sembra. La ragione per cui è uno dei tennisti più pagati di tutti i tempi sta nel fatto che lui piace a tutti. Ma pensiamoci bene, non si può piacere a tutti, lui praticamente vende la sua immagine di uomo e tennista perfetto ma non sarebbe così universalmente amato se si conoscesse ciò che pensa davvero”.
Interviste-Tennis-img26020_678
A questo punto, nella nostra mente sono iniziati a sorgere una serie di quesiti del tipo: caro Boris come fai a sapere cosa pensa davvero Federer? Ti sei dato anche alla lettura del pensiero, adesso? O ancora, che senso ha dichiarare determinate cose dal nulla? Semplicemente, chi te l’ha chiesto?

Inizialmente, lo ammettiamo, abbiamo pensato agli esiti di un post-sbronza del sabato sera andato a male, ma questo pensiero ci è durato ben poco.

Dopo poche ore, infatti Becker ha aggiunto: Ho il massimo rispetto per Roger come giocatore, uomo e leggenda del nostro sport. In realtà credo che siamo amici. Se volete sapere quello che ho detto su di lui e molti altri giocatori attuali e passati comprate il mio libro“, riferendosi alla sua autobiografia di imminente pubblicazione. BINGOOOOO! E tana per Boris.

Altro che sbronza, manie di protagonismo o frasi senza un perché: il perché c’è e come, e risponde al nome di: Dio denaro. Quale modo migliore per pubblicizzare il proprio libro se non quello di lanciare un amo di nome Roger Federer? Eh, vecchio volpone!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy