Cosa si nasconde dietro il num. 17, riportato sulla maglia di Fabio Fognini?

Cosa si nasconde dietro il num. 17, riportato sulla maglia di Fabio Fognini?

Il tennista ligure, durante i tornei di Monte Carlo e Monaco, ha indossato una maglia col numero 17 stampato sulla schiena, il cui significato non è riconducibile a ragioni puramente sportive. Intervistato, ha dichiarato quali sono i suoi obiettivi futuri: il miglior best ranking possibile e il sogno, mai abbandonato, di abbracciare la top ten.

di Giuliana Cau

Fabio Fognini durante gli ultimi tornei di Monte-Carlo e Monaco ha indossato una maglietta con il numero 17, che ha destato non poche curiosità tra i cultori di Tennis. L’atleta italiano è anche un grande appassionato di calcio e tifoso dell’Inter, ma questo non è il motivo per cui ha scelto di imprimere sulla nuova divisa il numero 17, usata, inoltre, in occasione del match contro il connazionale e compagno di Davis Marco Cecchinato, perso al terzo set proprio due giorni fa in Baviera. Fogna ha vestito, e certamente vestirà ancora, quella maglietta in onore del figlio Federico nato il 19 maggio 2017, 11 mesi dopo il matrimonio con Flavia Pennetta. Il tennista di Arma di Taggia ha chiesto al suo sponsor Hydrogen di stampare il numero sulla t-shirt personalizzata, per ricordare a tutti che presto il primogenito compirà un anno.

Il numero 17 stampato sulla maglia di Fognini
Il numero 17 stampato sulla maglia di Fognini

Intervistato da Repubblica, Fognini parla dell’andamento della stagione su terra battuta, la sua superficie preferita, e ovviamente non si professa soddisfatto dei risultati fin’ora ottenuti. “I fatti dicono che io, quando gioco in nazionale, mi sono sempre sbriciolato in mille pezzi. Ecco, se fossi stato così anche nei tornei del circuito avrei potuto conquistare risultati diversi”. Le chances per migliorare quel famoso best ranking di numero 13, datato marzo 2014 e oggi lontano sette posizioni, ci sono ancora, dato che il ligure deve difendere pochissimi punti in riferimento ai risultati dello scorso anno. Lui stesso ne è consapevole: “Ora sono messo meglio rispetto al passato, ho la velocità, la forza e sono migliorato sul veloce, anche se la partita della vita me la giocherei sempre sulla terra rossa. E poi vedo che la forbice è diminuita, i Fab Four non ci sono più, c’è un ricambio nel nostro circuito. Vedo la porta un pochino aperta e ho un languorino che mi piacerebbe sfruttare. La top ten è un sogno che non ho mai abbandonato”. Fino ad oggi il tennista non è riuscito ad emergere nei tornei appena disputati, perdendo al secondo turno di Monte-Carlo da Struff e da Marco Cecchinato, fresco vincitore dell’ATP di Budapest, al primo turno del Monaco Open, dopo un match molto combattuto. Diventare padre mi ha cambiato. Federico mi fa digerire le sconfitte diversamente, se lui è con me mi pesano meno”. La famiglia, dunque, sta aiutando Fabio a sentirsi più forte e a recuperare più velocemente la calma e le motivazioni. Fognini sa che, sempre più spesso, si parla di lui in riferimento alle sfuriate in campo (che il tennista non tende a giustificare) piuttosto che ai reali meriti conseguiti durante le partite. E allora, se Fabio Fognini potesse scegliere come essere raccontato e un giorno ricordato, cosa vorrebbe che si dicesse di lui? “In Italia siamo tutti molto tifosi e spesso abbiamo difficoltà ad accettare le sconfitte. Si passa facilmente dall’amore sconfinato all’odio smisurato. In futuro vorrei essere ricordato come un tipo passionale, che viveva le cose intensamente cercando di farle al meglio, che amava il suo lavoro e se lo faceva male s’incavolava”.

I prossimi appuntamenti in cui è atteso il numero uno del Tennis italiano, attuale 20 del ranking, sono i Masters 1000 di Madrid e Roma, tornei dai quali lo scorso anno uscì presto ma che lo videro fornire ottime prestazioni. Nella capitale spagnola perse da Rafa Nadal al secondo turno, facendolo faticare non poco prima di portare a casa la partita, vinta di misura al terzo set; mentre a Roma fu estromesso al terzo turno da Sascha Zverev, futuro vincitore del torneo, ma solo dopo aver ottenuto lo scalpo sul campione in carica Andy Murray, giocando un match definito dai più un “capolavoro” e che speriamo a breve possa replicare.

9 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Maria Diomede - 3 settimane fa

    Il Fabio nazionale o lo ami o lo odi…io lo amo incondizionatamente.Tennista di gran talento, con un buon braccio, con un tennis,quando in giornata, davvero brillante.Quest’anno dopo un buon inizio non è stato sempre così fulgido sulla sua superficie preferita .Forse come ha dichiarato inizia ad apprezzare il cemento …vedremo ora come si comporterà a Madrid.A Roma l anno scorso ci ha fatto sognare dopo aver battuto Murray.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Massimo Mangiarotti - 3 settimane fa

    Te lo auguro come italiano . Ma caro Fogna non hai i numeri per la top Ten . Sorry.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Massimiliano Mancini - 3 settimane fa

    Tutto dipenderà dal Roland Garros, dovesse fare li un buon risultato potrebbe farcela. A Roma di solito sente molto la competizione mentre Madrid e’ terra di spagnoli o di spagnolo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Nicola Vaselli - 3 settimane fa

    Ti faccio uno spot gratis: se volete sapere il significato del numero 17 leggete l’articolo :) In quanto a Fognini: Monte Carlo e Monaco non sono andati granché bene (non ho capito perché ha saltato Barcellona…). Speriamo che a Madrid e a Roma ci possa essere un’ inversione di tendenza altrimenti la sua stagione su terra rossa si potrà definire fallimentare nonostante i propositi della vigilia molto bellicosi. Quanti anni di tennis di alta qualità ha ancora a disposizione Fabio ? Bella domanda 😀

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Domenica Sala - 3 settimane fa

    con la testa che hai non entrerai mai

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Isidoro Dia - 3 settimane fa

    Se li cerca

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Gaspare Milazzo - 3 settimane fa

    il 17 gli ha portato sfiga contro Cecchinato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Marinella Di Felice - 3 settimane fa

    sinceramente non mi piacciono tutte queste scritte plastificate enormi…..non c entrano niente con il tennis..ne sono eleganti. ..mia opinione ….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Franca Corradini - 3 settimane fa

      Infatti, sono d accordo con te.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy