Errani: “Non so se avrò la forza di giocare ancora”

Errani: “Non so se avrò la forza di giocare ancora”

Sara Errani è stata condannata dal TAS di Losanna a scontare altri 8 mesi di squalifica per la vicenda del letrazolo e non potrà dunque tornare in campo fino al prossimo febbraio. Ma il pesante sfogo che la bolognese ha lanciato su twitter lascia purtroppo molti dubbi sul suo reale futuro nel tennis.

di Riccardo Costarelli, @rickycostarelli

Sono davvero nauseata da questa vicenda. Non credo sia mai successa una cosa del genere, gestita in questo modo a mio giudizio vergognoso. Sono sette mesi che vivo pensando ed aspettando la sentenza definitiva. Per otto volte mi hanno comunicato una data limite di uscita per poi rinviarla. Otto volte! Senza mai darmi la possibilità di vivere e di giocare con la serenità necessaria per questo sport. Questo aumento di squalifica di otto mesi lo trovo una vergogna.

Non ho mai assunto nessuna sostanza dopante in tutta la mia vita, amo troppo questo sport per fare una cosa del genere. Ho sempre cercato di essere un buon esempio, sia dentro che fuori dal campo. Ho vestito e cercato di onorare sempre la maglia azzurra dando tutta me stessa in qualsiasi momento, anche quando lasciare sarebbe stata la cosa più logica e più semplice. Ho dato la mia vita a questo sport e non penso di meritarmi tutto questo.

Mi sento impotente davanti a un’ingiustizia così grande.

Il TAS ha confermato, per la seconda volta che si è trattato di un’assunzione involontaria, e per di più di una sostanza che non migliora le prestazioni atletico-sportive. Dopo aver già scontato sette mesi tra risultati tolti e periodo di inattività, ed essere ripartita da un ranking di 280, mi aggiungono ora, che ho rialzato sportivamente la testa, altri otto mesi di squalifica. Tutto questo è assurdo!

Trovo, in tutta questa vicenda, una profonda ingiustizia e la voglio gridare a testa alta, perché so di non aver più niente da rimproverarmi. Non so se avrò la forza e la voglia di rigiocare a tennis dopo tutto questo.

Questo il messaggio lanciato da Sara Errani sulla sua pagina Twitter. Uno sfogo pesante, una lettera a cuore aperto dettata dalla profonda frustrazione e dal senso di impotenza provati di fronte ad una sentenza che calpesta la dignità di chi sente di aver sempre dato tutto verso il proprio sport.

Sara dovrà dunque stare lontana dai campi da tennis altri 8 mesi, vale a dire fino all’8 febbraio 2019. Questa è stata la sentenza del Tribunale arbitrale dello sport (Tas) che, dopo il ricorso dell’Agenzia italiana antidoping (Nado), ha modificato la pena inflitta lo scorso agosto, a causa della positività al letrazolo, portando la squalifica da 2 a 10 mesi.

24 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Marco Porta - 2 mesi fa

    Ce ne faremo una ragione!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Cristina Pozzoli - 2 mesi fa

    Si è sparato a zero su Mascha… Errani merita lo stesso trattamento…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Cristina Pozzoli - 2 mesi fa

    Speriamo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Davide Ferrari - 2 mesi fa

    Non sono un suo estimatore.. mi spiace però finisca così la sua carriera..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Mino Sciolto - 2 mesi fa

    A mio avviso le hanno dato altri 8 mesi di squalifica per imparare il servizio! Il suo lancio di palla finiva tutte le volte in tribuna turbando la sensibilità di chi aveva pagato il biglietto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Stefano Pedro - 2 mesi fa

      Veramente,non si vede neppure nei circoli….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Sandra Cedrati - 2 mesi fa
      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Nilda Itri - 2 mesi fa

    Scusate può piacere o non può piacere Sara Errani, ma perché offendete una sportiva che ha dedicato la sua vita al tennis? Sacrifici tanto allenamento e tante soddisfazioni ha dato a l’ Italia, vi siete già dimenticati? Non sarà forte come tante giocatrici, ma questo non vi permette di offenderla, a me piace e quando una sportiva come Sara ci mette cuore, non può non essere apprezzata, siate educati e rispettosi per una che mette sempre tutta se stessa nel tennis, e poi informativi bene sul letrozolo, non ne aumenta le capacità, anzi il contrario, ne limita le prestazioni.Sempre con te Sara

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paola Pedrelli Drudi - 2 mesi fa

      Pienamente d’accordo con te….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Nilda Itri - 2 mesi fa

      Grazie

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Fabio Zappacenere - 2 mesi fa

      Nilda Itri ben detto!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Nilda Itri - 2 mesi fa

      Fabio Zappacenere grazie

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Anir Anera - 2 mesi fa

    Sono portata a credere alla buona fede della Errani. Mi domando se non ci sia la possibilità di un appello. Nessuna “giustizia” si può avvalere di un percorso che non garantisca un ricorso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Loretta Borel - 2 mesi fa

    Lletrazolo o Letrozolo? Io prendo il letrozolo ! È’ praticamente chemio in pillole ! La devo prendere per 5 anni e ne sono passati 2 . Fa effetto di una droga ? Non mi pare proprio !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Sui risultati raggiunti in carriera dalla Errani rispetto.
    Il problema è lo squallido teatrino del tortellino avvelenato…è scaduta tantissimo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Andrea Mennilli - 2 mesi fa

    Errani dispiace della squalifica, vicenda poco chiara, comunque come vada, sei una buona giocatrice sia in singolo che in doppio, i periodi brutti passano, basta avere la voglia di continuare. Forza Sara.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Federico Dondelli - 2 mesi fa

    Ritirati è meglio, sei uno schifo di giocatrice e ancora di più come persona.
    Come tennista vali meno di zero

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Alessandro Panella - 2 mesi fa

    Basta che ti mangi i tortellini di mamma e la forza ti torna..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Michele Magis - 2 mesi fa

      Come abbia fatto un pasticcone di farmaci antitumorale a finire nei tortellini……mah…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Alessandro Panella - 2 mesi fa

      Capirei ancora ancora che la massaia ci metta il viagra per lo stanco marito. Ma l’anti tumorale no eh!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Brunella Tamagna - 2 mesi fa

      Dovetevergognarvi x quello che state dicendo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Alessandro Panella - 2 mesi fa

      Nessuna vergogna chi sbaglia è giusto che paghi. O credi alla storia dei tortellini contaminati?
      Ti avverto, anche Babbo natale non esiste.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Michele Magis - 2 mesi fa

      Vergognoso è arrampicarsi sugli specchi per difendere l’indifendibile: ha fatto un errore, è giusto che paghi e poi potrà tornare a giocare ( nel frattempo potrebbe allenare il servizio….)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Marinella Toni - 2 mesi fa

    Perché solo lei …

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy