Federer ammette: “A 37 anni il ranking non è più una priorità”

Federer ammette: “A 37 anni il ranking non è più una priorità”

Il tennista svizzero, reduce dalla conferenza di presentazione della terza edizione della Laver Cup, torna sul tema ranking, dichiarando di preferire di gran lunga restare fuori dalla top 10, piuttosto che essere il numero tre e non vincere Slam.

di Sebastiano De Caro, @seba_de_caro

Roger Federer torna a toccare l’argomento ranking. Il tennista svizzero, scivolato al numero sei della classifica mondiale dopo gli Australian Open, in occasione della conferenza stampa di presentazione della terza edizione della Laver Cup a Ginevra, ha ammesso di non guardare troppo alla sua posizione nel ranking, fattore che, all’età di 37 anni, non può considerarsi prioritario.

Dopo aver scoperto le carte circa i prossimi appuntamenti che lo vedranno protagonista (Dubai, Indian Wells, Miami), il venti volte campione Slam punta innanzitutto a conservare un buono stato di salute, ritenendo ormai secondario l’obiettivo ranking: “Dall’alto dei miei 37 anni devo ammettere che la classifica non è più una priorità. L’obiettivo principale ora è stare bene fisicamente. Ho bisogno della consapevolezza di poter battere i più forti nei grandi tornei, è questo che mi procura soddisfazione e voglia di andare avanti. Non importa se il ranking diventa più basso, non può essere un problema. Finchè sono convinto di poter vincere un altro Slam, continuerò a giocare. In fondo preferisco essere il numero 17 del mondo, piuttosto che trovarmi tra i migliori tre senza portare a casa nessun titolo importante“.

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Alessandro Boesso - 6 giorni fa

    Se vinci uno slam sei dentro i 10…a meno che tu non giochi solo quel torneo… Inoltre, avere buona classifica aiuta ad andare avanti nei tornei.. E a 37 anni è importante ancora di più

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Diego Indennimeo - 6 giorni fa

    insomma… nel 2016 era scivolato numero 17 ma per infortunio. ora se cala di ranking, vuol dire che non vince più. Però in linea di massima potrebbe giocare male tutti i tornei e piazzare un ultimo colpo in uno slam, potrebbe essere. In tal caso ci metterei la firma

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Emanuele Lodi - 6 giorni fa

    Si Roger,però è un discorso a c… nel senso che se vinci slam prendi la bellezza di 2000 punti quindi in quel caso sarebbe “molto difficile” restarne fuori.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Francesca Sarzetto - 6 giorni fa

    Voria anca vedar…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy