Gunter Bresnik: “Dominic per vincere deve diminuire il numero degli errori gratuiti”

Gunter Bresnik: “Dominic per vincere deve diminuire il numero degli errori gratuiti”

Il coach del tennista austriaco ritiene che il proprio pupillo non abbia giocato una brutta partita, domenica scorsa a Parigi, ma che per battere Nadal l’unica soluzione sia incrementare il numero dei vincenti e ridurre quello dei gratuiti.

di Giuliana Cau

Gunter Bresnik, l’allenatore di Dominic Thiem, riflettendo sulla partita giocata dal proprio assistito domenica scorsa sul Philippe Chatrier, ritiene che il giovane non abbia giocato così tanto male contro il numero uno del mondo Rafael Nadal, ma che semplicemente avrebbe dovuto fare qualcosa di più per mettere in difficoltà lo spagnolo. Il trentaduenne di Manacor ha inflitto un sonoro 64, 63, 62 al più giovane contendente, punteggio molto più severo di quanto il campo non reciti, dato che moltissimi games si sono conclusi ai vantaggi e hanno superato i 6 minuti di gioco. Il nativo di Wiener Neustadt ha avuto la possibilità di diventare il primo giocatore a battere Nadal in finale sulla terra rossa parigina, ma come accaduto in precedenza ad altri nomi illustri rispondenti a quelli di Federer, Soederling, Djokovic, Ferrer e Wawrinka, l’impresa è sfumata per via dell’ineccepibile superiorità dell’iberico in un contesto argilloso come quello francese. Thiem ha anche perso diversi punti nei quali sembrava che potesse farcela a prevalere; ma la resistenza tecnico-mentale di Nadal si è fatta indubbiamente sentire nei momenti clou, consentendogli di combattere duramente e di incassare anche quei quindici che sembravano persi. Inossidabile sulla diagonale di rovescio e molto concreto in risposta e in recupero, il Toro di Maiorca non ha mai dato la minima sensazione, al pubblico e al suo avversario, che potesse perdere la partita e l’austriaco conseguentemente, trovandosi costretto a forzare, ha commesso molti errori.

Thiem e Nadal -finale RG 2018
Thiem e Nadal -finale RG 2018

Nonostante ciò, Dominic resta l’unico tennista ad aver battuto Rafa sulla terra battuta quest’anno e lo scorso, ma ad onor del vero ciò è avvenuto sempre in occasione dei quarti di finale e in partite al meglio dei tre set: la prima volta a Roma, la seconda a Madrid, con una situazione completamente diversa. Nel primo caso Nadal proveniva da tre tornei consecutivi vinti sul clay e in Italia era arrivato scarico e un tantino rilassato; nel secondo aveva trovato un avversario in formissima e molto più a suo agio di lui sulla terra madrilena, situata ad un’altura maggiore e quindi favorevole ai rimbalzi meno alti che facilitano l’esecuzione dei colpi aggressivi, rispetto a quelli di puro contrattacco. Al Roland Garros, 3/5, è molto più complesso battere il maiorchino, perché concentrazione e resistenza devono mantenersi costanti e soprattutto il feeling che Nadal sente con quel campo lo tramuta in un giocatore pressoché imbattibile, al meglio della condizione. Bresnik però avrebbe una soluzione per contrastare l’egemonia dell’undici-volte campione dei French Open, abbastanza rischiosa ma secondo lui l’unica percorribile, per non dover fare a botte col muro da fondo campo che l’iberico erge ogni volta che gioca: “Dominic non ha giocato poi così male, tutt’altro. Ha messo a segno più vincenti di Rafa (34/26), ma al contempo ha commesso molti più unforced (Thiem era già a quota 5 errori gratuiti contro 0, dopo appena i primi due giochi del primo set). Contro Nadal non te lo puoi permettere, quindi bisogna aumentare il numero di vincenti e diminuire quello degli errori“.

Insomma, per usare le parole di zio Toni Nadal, il gioco spregiudicato delle nuove generazioni contro la strategia delle vecchie. Infatti la storia recita che Rafa a 24 anni era già a quota nove slam, mentre il povero Dominic resta ancora a pancia vuota. Chi vivrà, vedrà.

http://www.tenniscircus.com/around-the-net/toni-nadal-le-nuove-leve-non-hanno-strategie-sanno-vincere-ma-non-dominare/

34 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Andrea Giacchi - 4 mesi fa

    È arrivato il genio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Eva Pagnani - 4 mesi fa

    Meglio aspettare che si ritiri dalle gare Nadal, è più sicuro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mätteo Cörsini - 4 mesi fa

    #gac

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Gabriele Puntoni - 4 mesi fa

    Thiem non diventerà mai un fenomeno anche se quando becca la giornata giusta è un bel vedere giocare il talento austriaco

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Gabriele Puntoni - 4 mesi fa

    Thiem non diventerà mai un fenomeno anche se quando becca la giornata giusta è un bel vedere giocare il talento austriaco

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Andrea Todisco - 4 mesi fa

    Trombare con Kiki… è l unica Dominic!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Giuseppe Sammaritano - 4 mesi fa

    Deve cambiare allenatore.
    Deve usare di più il cervello e non picchiare ogni palla come un ossesso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Pasquale Salerno - 4 mesi fa

    Dominic come Sasha, per vincere devono metter su almeno 10 kg di muscoli su gambe braccia e spalle.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Minelli Marco - 4 mesi fa

      Più che i muscoli mancano in sensibilità e tecnica sia rispetto a Nadal che avfederer inarrivabili

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Pasquale Salerno - 4 mesi fa

      Si certo, ma devono fare il salto di qualità anche dal punto di vista fisico.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Marco Bonfanti - 4 mesi fa

    Nadal sul rosso è invincibile
    Non esiste tattica x batterlo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Brunella Tamagna - 4 mesi fa

    Ma che perla di saggezza

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Andrea Varriano - 4 mesi fa

    Ha scoperto l’acqua calda…..geniale

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Vincenzo Marone - 4 mesi fa

    L’H2O calda!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Maurizio Gregoris - 4 mesi fa

    Magari se comincia a giocare dentro il campo e non 3 metri fuori

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Gimmi Gilardi - 4 mesi fa

    Ma va? No l avrei mai detto, e magari anche non giocare dal parcheggio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Minelli Marco - 4 mesi fa

      Questo non c’entra il fatto è che di la c è Nadal in fondo anche lui gioca dal parcheggio oggi sulla terra si deve giocare così ed è l unica cosa che ha capito thiem

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Gimmi Gilardi - 4 mesi fa

      perdonami ma.. chi l ha detto che si DEVE giocare così. Tu? Nadal non va preso come esempio, é unico nel suo genere e quando aumenta il ritmo i piedi in campo li mette eccome.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Paolo Valerioti - 4 mesi fa

    Come fa Thiem a tenere ancora questo guru come coach boh !!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Matteo Di Federico - 4 mesi fa

    Se anche si avvicinasse un po’ di più al campo; ogni punto lo gioca dal parcheggio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Minelli Marco - 4 mesi fa

      Anche Nadal sulla terra e quella la tecnica

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Andrea Amati - 4 mesi fa

    Grazie al

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Romeo Chierici - 4 mesi fa

    Nadal sulla terra è invincibile. Lo potrai battere quando si ritirerà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Maurizio Mosconi - 4 mesi fa

    Più che altro è strano che ancora ti dia fiducia, hai scoperto l’acqua calda! Meno errori e più vincenti, funziona benissimo la ricetta

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Marco Piscitelli - 4 mesi fa

    E ci voleva lui per arrivarci? Boh a sto punto lo vado ad allenare io Thiem Matteo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giancarlo Jep Runza - 4 mesi fa
      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Giancarlo Jep Runza - 4 mesi fa

      In effetti, così siamo bravi tutti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Matteo Carnimeo - 4 mesi fa

      Ahahahha beh direi che ha scoperto il segreto…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Andrea Domenici - 4 mesi fa

    Boh, c’erano momenti in cui lo ha buttato 3 metri fuori dal campo e magari una palla corta o un avanzamento a rete… Chi lo sa…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Michele Monfasani - 4 mesi fa

    Giocare a tennis sarebbe una soluzione…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Maria Pia Martin - 4 mesi fa

    L’unica soluzione è dargli una martellata sul ginocchio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Mark Otto - 4 mesi fa

    Battere Nadal sulla terra rossa giocando alla sua stessa maniera…ottima tattica domenica scorsa, Gunter !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. Pino Silvestre - 4 mesi fa

    Deve aspettare che smettano Nadal e Federer

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. Mario Battista - 4 mesi fa

    Ma va?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy