Kuerten: “Argento di Del Potro come il mio Roland Garros del 1997”

Kuerten: “Argento di Del Potro come il mio Roland Garros del 1997”

L’ex numero 1 al mondo è tornato a parlare delle Olimpiadi, paragonando la medaglia d’argento ottenuta da Del Potro al suo primo titolo al Roland Garros, definendolo un successo inaspettato, vista la classifica e le condizioni fisiche non proprio al meglio.

Commenta per primo!

Il Roland Garros del 1997 è stato sicuramente un punto di svolta per la carriera di Kuerten, partendo da numero 66 del mondo è riuscito a sconfiggere fra tutti anche Sergi Bruguera e Thomas Muster, due specialisti di questa superficie. Un successo che può essere sicuramente paragonato all’argento ottenuto da Del Potro a Rio, nel quale è riuscito ad eliminare due colossi del circuito come Djokovic e Nadal. Questa medaglia potrebbe significare l’inizio di una nuova carriera per il gigante di Tandil

“QUALCOSA DI INASPETTATO” – In merito al secondo posto ottenuto dall’argento in quest’Olimpiade, anche l’ex tennista brasiliano ha voluto dire la sua, : “Ciò che ha fatto Delpo è stato impressionante. Nessuno lo ha realizzato per davvero nemmeno lui. Forse si può paragonare al mio titolo al Roland Garros 1997 (si trattò del primo titolo di Guga a Parigi, a 20 anni, da numero 66 del mondo. ndr). Qualcosa di molto inaspettato. Alla fine gli infortuni e le grandi difficoltà su di me hanno avuto la meglio. Le cose si facevano complicate col passare delle partite”, menzionando anche gli infortuni che hanno condizionato la carriera del nativo di Florianopolis.

“UN GRANDE CAMPIONE” – Successivamente ha parlato anche della carriera dell’argentino e della sua assenza nel circuito: “La sua assenza nel circuito si è fatta sentire – ha continuato su Del Potro – E i giocatori lo rispettano perchè è un grande campione e una persona fantastica. Spero possa continuare a crescere e mi auguro che questa settimana possa servirgli come fonte di ispirazione e di grande motivazione per continuare a lottare. Gli ultimi 3 anni per lui sono stati molto duri, ha faticato tanto, e [ciò che sta accadendo ora] è un premio pienamente meritato.”

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy