La stranezza del ranking ATP

La stranezza del ranking ATP

Diventare numero uno dal divano? Con il sistema di calcolo del ranking ATP anche questa opzione è possibile. Come era capitato a Nadal diventare numero uno saltando Miami e Indian Wells, la stessa cosa è toccata a Federer rinunciando a tutta la stagione sul rosso.

di Alessandro Rodella, @AleRodella

Il ranking dà, il ranking toglie: come Nadal era diventato numero uno del mondo standosene comodo a casa e vedendo perdere Federer al primo turno a Miami, anche lo svizzero ora tornerà al comando della classifica saltando tutta la stagione sul rosso complice la sconfitta del maiorchino a Madrid contro Thiem.

Questi cambi di posizione senza giocare non sono poi così impossibili e come abbiamo visto alimentano spesso polemiche: è giusto che un tennista guadagni posizioni per la sconfitta di un avversario? L’attuale ranking ATP tiene conto dei risultati raccolti nelle ultime 52 settimane, con l’obbligo di inserire quelli ottenuti negli eventi più importanti, per un totale di 18 tornei. Si tratta soprattutto di un sistema per garantire ad ogni torneo la partecipazione dei migliori tennisti che sono costretti a non rinunciare a troppi tornei disputati l’anno precedente per non perdere una grossa quantità di punti.

Per esempio, il Djokovic cannibale del 2011 ha totalizzato una marea di punti che però l’anno successivo ha dovuto difendere: se anzichè vincere due tornei vinti l’anno prima, si fosse fermato in finale avrebbe perso importanti punti e magari qualche posizione in classifica se gli avversari si fossero di molto migliorati rispetto all’anno prima.

Molti esperti stanno studiando sistemi differenti di calcolo e da qualche anno è nato l’Universal Tennis Rating (UTR), molto in voga soprattutto a livello giovanile. Questo metodo valuta i giocatori in una scala che va da 1 (principiante assoluto) a 16,5 prendendo in considerazione gli ultimi trenta match giocati nei dodici mesi, con il trend aggiornato ogni tre mesi. Non conta inoltre soltanto vincere o perdere: un sofisticato algoritmo premierà anche i giochi vinti in base alla differenza di valutazione tra i due contendenti.

Per ora l’ATP continua con il suo sistema di calcolo, ma noi siamo sicuri che unendo questi sistemi e con qualche novità la classifica mondiale potrebbe rispecchiare valori il più reali possibili premiando veramente il livello di gioco e non solo il grado di partecipazione a determinati tornei.

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Massimiliano Fusco - 7 mesi fa

    Magari basterebbe anche dare un premio a chi conferma la propria continuità rivincendo il torneo, ad esempio assegnando 250 in più (per un 1000) se volete lo vinci consecutivamente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marco Fraboni - 7 mesi fa

      Alla fine contano i trofei…o no?!?! Federer, Nadal, Djokovic, comunque, sono di diritto nella storia di questo sport.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Massimiliano Fusco - 7 mesi fa

      assolutamente si. Credo che per loro almeno l’idea del numero 1 è giusto statistico, credo che abbiamo ampiamente dimostrato (sopratutto il Re) che non gli serve il primo posto in ATP per sapere di essere N1

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Matteo Teodori - 7 mesi fa

    Il sistema premia la costanza di rendimento se in ogni torneo arrivi sempre ai quarti-semi sicuro sarai in cima alla classifica vedi berdych che pur non essendo un fenomeno non avendo vinto nulla o quasi è stato top ten per 9 anni di fila

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Fulvio Silvestri - 7 mesi fa

    Se il concetto di vincita del torneo è il “Titolo” non può esserci altra forma di classificazione. I “Titoli” o li confermi o li perdi, esattamente come in politica.
    Dato poi che per vincere un titolo non è possibile farlo per fortuna (salvo rarissimissime eccezioni) dati tutti gli incontri da vincere di livello, il concetto del “Titolo” secondo me è più che giusto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Alessandro Nania - 7 mesi fa

    Se esiste uno sport davvero sempre meritocratico quello é il tennis ed il meccanico di aggiornamento del ranking é perfetto e semplice così.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Matteo Teodori - 7 mesi fa

      É crudele ma allo stesso tempo corretto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Riccardo Mocci - 7 mesi fa

    Io non trovo il sistema attuale cosi assurdo, è giusto che chi non conferma i punti dell’anno precedente li perda e dunque se ne avvantaggino gli altri in classifica

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Steve Togni - 7 mesi fa

    Sistema funziona!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Tiziano Bastoni - 7 mesi fa

    Il sistema ATP è comunque il migliore….quello descritto nell’articolo è troppo arzigogolato…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Giuseppe Pugliese - 7 mesi fa

    Meccanismo illogico…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy