Lorenzo Musetti inserito nella top 100 degli under 30 più influenti d’Italia

Lorenzo Musetti inserito nella top 100 degli under 30 più influenti d’Italia

L’edizione italiana della prestigiosa rivista Forbes ha incluso la giovane promessa del tennis azzurro tra i 100 under 30 più influenti del Paese. E intanto il 17enne di Carrara si gode i primi successi nel circuito Challenger: “Grande soddisfazione vincere a questi livelli”.

di Sebastiano De Caro, @seba_de_caro

Lorenzo Musetti non è più un nome nuovo per il movimento tennistico azzurro. Il 17enne di Carrara ha inaugurato la sua stagione col botto, vincendo il primo titolo Slam Junior a Melbourne. Dopo un esordio Challenger (con sconfitta) comunque positivo a Bergamo, l’azzurro ha beneficiato di un’altra wild card a Sophia Antipolis, stavolta superando il primo turno, conseguendo di fatto la prima gioia nel circuito professionistico. Le soddisfazioni, però, non finiscono qui, perché il giovane talento nostrano è stato inserito dalla rivista Forbes, in edizione italiana, nella top 100 degli under 30 più influenti d’Italia, al fianco di sportivi del calibro di Egonu e Zaniolo. Con la presenza nella speciale lista stilata dalla prestigiosa rivista, il classe 2002 conferma la sua grande popolarità acquisita dopo il successo in terra australiana ad inizio anno.

Il tennista toscano, impegnato questa settimana nel Challenger di Barletta, dove ha colto una buona vittoria al primo ostacolo ai danni di Elias, ringrazia la Federazione per il supporto offerto e fissa i prossimi obiettivi: “Questa è una grande occasione, farò di tutto per giocare più partite possibili. Vincere un match a questi livelli è una grande soddisfazione, in questi incontri si capisce la differenza tra un giocatore pro e uno che arriva dai tornei junior. L’obiettivo che vorrei raggiungere nei prossimi mesi è proprio quello di ottenere una buona costanza di rendimento in tornei del genere. Sono felice che la Federazione ci conceda delle wild card per farci fare esperienza. Noi dobbiamo sfruttare queste opportunità, ma serve un po’ di pazienza. Spero di chiudere l’anno con una buona classifica Atp, ma sarà necessario giocare tante partite“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy