Maria Sharapova: “Non ho voluto nascondere la veritá sul test, non sono stata avvertita 5 volte”

Maria Sharapova: “Non ho voluto nascondere la veritá sul test, non sono stata avvertita 5 volte”

Maria Sharapova, tramite il proprio account facebook, scrive un altro lungo messaggio rivolto ai fans. La russa continua a difendersi e pronuncia una frase che fa riflettere: “Non fingo di essere infortunata per nascondere la veritá sul risultato del mio test”.

8 commenti

Maria Sharapova, in attesa della decisione definitiva sul suo conto, affida i propri pensieri a delle lettere rivolte ai tantissimi fans tramite l’account ufficiale di facebook. La russa per difendersi ci tiene a chiarire diverse questioni, a sua detta riportate in modo errato dai media. Una lettera importante di cui riportiamo la traduzione:

“Voglio entrare in contatto con voi per condividere alcune informazioni, discutere sulle ultime notizie, e per farvi sapere che alcune cose sono state riportate in modo sbagliato dai media. Mi avete mostrato un enorme sostegno e vi sono molto grata per questo. Ma sono anche consapevole che alcuni- non tutti, ma alcuni, a causa delle distorsioni dei media non conoscono con precisione i fatti.

Un report ha affermato che ho ricevuto cinque avvisi circa l’illegalitá della medicina che stavo prendendo. Non é vero, non é mai successo. Si tratta di una distorsione delle reali “comunicazioni” che sono state fornite o semplicemente inserite in una pagina Web. Non ho scuse per non essere a conoscenza del divieto. Vi ho giá detto dell’email che ho ricevuto il 22 dicembre 2015, il cui oggetto era ” Le principali modifiche al programma anti-doping 2016″. Avrei dovuto metterci piú attenzione. Ma le altre comunicazioni? Erano sepolte in lettere, siti Web o fascicoli.

Il 18 dicembre mi é stata recapitata una mail con oggetto ” News per le giocatrici”. Una lettera su un Sito Web contenente tonnellate di informazioni su viaggi, prossimi tornei, classifiche, statistiche, avvisi in bacheca, auguri di buon compleanno, e si, informazioni sull’anti-doping. In questa mail, se un giocatore avesse voluto trovare informazioni circa i nuovi farmaci aggiunti alla lista, avrebbe dovuto aprire la mail “Player News”, leggere attraverso collegamenti esterni, trovare il link “Player Zone”, immettere nome utente e password, leggere una schermata home con diversi link riferiti a vari argomenti, trovare quello desiderato, fare click su di esso e quindi leggere una pagina con altre decine di link riguardanti molteplici questioni di doping generiche. Quindi avrebbe dovuto cliccare sul link giusto, aprirlo, andare a pagina 2 e lí avrebbe poi trovato un nome diverso per il medicinale che stavo prendendo.

In altre parole al fine di essere consapevoli di questo avviso, si doveva aprire una mail con un oggetto che non ha nulla a che fare con l’anti-doping, andare sulla pagina Web, immettere nome utente e password, cercare, cliccare, cercare, cliccare, scorrere e leggere. Per la maggior parte delle persona sarebbe stato troppo difficile da trovare.

C’era anche una specie di depliant distribuito nei vari tornei ad inizio 2016, dopo che erano entrate in vigore le nuove norme. Questo documento conteneva migliaia di parole, per di piú molto tecniche, scritte piccole. Dovevo studiarle? Si, ma se vedete questo documento  sapete cosa indendo. Ancora una volta non ci sono scuse, ma é sbagliato dire che ero stata avvertita 5 volte.

Ecco le foto, pubblicate dalla stessa russa, del depliant in questione:

FB_IMG_1457770453407

FB_IMG_1457770458480

Ho anche letto un titolo che diceva: ‘4-6 settimane di normale trattamento per il medicinale nel caso di Maria Sharapova’. Titolo che é stato riportato da diverse testate che non riescono a raccontare ai lettori tutta la storia. La storia cita il produttore della mia medicina che ha spiegato: ‘Il trattamento puó essere ripetuto due o tre volte l’anno’. Solo i medici possono seguire e valutare le condizioni di salute del paziente e se quest’ultimo deve fare uso di Meldonium per diverso tempo.

É esattamente quello che ho fatto. Non ho preso la medicina ogni giorno. Ho ascoltato il mio medico sia sui tempi che sul dosaggio. Sono orgogliosa di come ho agito in questa situazione. Sono stata onesta subito. Non pretendo di essere infortunata per nascondere la veritá sui miei test. Attendo con ansia la decisione dell’Itf che sta ricevendo le mie cartelle cliniche dettagliate. Spero che mi sará permesso di giocare di nuovo. Voglio che voi, miei fans, conosciate la veritá ed i fatti”.

Maria

8 commenti

8 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Aynur Sivrican - 1 anno fa

    she ıs lıar she has a lot of Money and everthıng why ıs that.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Marisa Stronati - 1 anno fa

    Il riferimento è noto a tutti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Paolo Colaneri - 1 anno fa

    ….. e non avevi un famoso medico spagnolo …..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Carmine Cantile - 1 anno fa

    Chissà a chi si riferisce? Avete qualche idea?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Massimiliano Peressin - 1 anno fa

    A certi livelli io non metterei la mano sul fuoco per nessuno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Grace Kate - 1 anno fa

    Farebbe meglio a non aggiungere altro e a tacere! La legge non ammette ignoranza. E poi certi farmaci che migliorano l’ossigenazione dei tessuti hanno fatto benissimo a bandirli.
    Poi parliamoci chiaro antipatica come è diventa loquace tutto d’un tratto?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giulio Abbate - 1 anno fa

      Si tratta di coda di paglia cara amica….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Maurizio Mosconi - 1 anno fa

    Inutile chiudere la stalla ora, i buoi sono tutti scappati cara Sharapova

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy