Marian Vajda: “Non pensavo che Djokovic battesse Nadal”

Marian Vajda: “Non pensavo che Djokovic battesse Nadal”

L’arma segreta di Novak Djokovic sembra chiamarsi Marian Vajda. Lo storico coach, tornato al fianco del serbo dopo l’infortunio e il lungo periodo di smarrimento, forse più mentale che fisico, è riuscito nell’impresa che sembrava impossibile di riportare Nole ai suoi livelli. Ma, come lo stesso Marian ha confessato ai giornalisti, è stato proprio lui il primo a sorprendersi per la inaspettata vittoria di Wimbledon.

di Riccardo Costarelli, @rickycostarelli

Dietro alla rinascita di Djokovic c’è sicuramente il nome di Marian Vajda. L’allenatore dell’attuale numero 10 del mondo, rientrato nella team dopo la dipartita di Andre Agassi e Radek Stepanek, sebbene fosse entusiasta di ricominciare a lavorare con Novak, non era sicuro che il serbo potesse riprendere a giocare al suo miglior livello.

Nole ha passato dei brutti momenti, in cui dubitava di se stesso. Alla fine pensavo che ci avrebbe messo molto di più a tornare, magari 3-4-5 mesi, magari per gli US Open. Quando ti fermi per sei mesi devi solo allenarti, allenarti e allenarti finché non rompi la racchetta, le corde e tutto il resto e torna la routine. A quel punto il corpo si ricorda. Io gli ho solo riportato la routine, la calma, la positività e la sicurezza in ciò che faceva. Ma da quando ho ripreso a lavorare con lui, non c’è stato giorno in cui anche io non fossi dubbioso. Perché non si può tornare indietro e devi portare avanti il nuovo Novak. Avevo sempre pensieri critici, negativi, cosa che non è nella mia persona. Quello che è accaduto a Wimbledon, non riesco ancora a capire perché sia ​​successo”, ha detto Vajda ai giornalisti dopo la vittoria.

Non mi aspettavo di vincere Wimbledon, questa è la più grande sorpresa da quando lavoro con Nole”, ha ammesso Marian, che ha affiancato Djokovic per oltre un decennio. “In tutti gli anni in cui ci siamo allenati insieme, mi aspettavo che potesse essere numero 1, che vincesse Slam, ma questo è stato totalmente inatteso. Il Queens lo ha aiutato molto, dandogli una certa confidenza, ma lui dubitava di come sarebbe stato a Wimbledon. Credo che il più grande miglioramento avuto qui sia stato sul servizio, gli schemi sono stati fantastici e anche in ribattuta ha fatto enormi progressi. Non era riuscito a trovare le risposte a Parigi e in altri match, ma lo ha fatto giusto in tempo per questo torneo. Durante la semifinale non credevo davvero che avrebbe battuto Rafa, perché lo spagnolo era mentalmente più in forma, aveva appena vinto uno Slam e stava arrivando in semifinale molto meglio di Nole. Ma nel quinto set, a livello mentale, è accaduto qualcosa di straordinario. Era da un po’ di tempo che Djokovic non giocava contro avversari come Nadal e non so come abbia fatto, ma ha semplicemente lasciato andare i colpi, ha avuto più coraggio di farlo e lo ha reso semplice”.

Djokovic e Vajda dovrebbero dunque continuare a lavorare insieme per il resto dell’anno. “Abbiamo parlato dopo il match. Sembra che (Vajda) stia pianificando di continuare a lavorare con me, il che è una grande notizia“, ha confermato lo stesso Nole in conferenza stampa.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Tommaso Giaquinto - 3 mesi fa

    Non puoi lasciare nole

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy