Murray: “Sono riuscito ad essere molto più aggressivo”

Murray: “Sono riuscito ad essere molto più aggressivo”

Nella notte italiana, lo scozzese si è imposto in tre set su Kyle Edmund col punteggio di 7-6(4) 1-6 6-4, superando così il secondo turno dell’ATP di Washington. Dopo l’incontro, Murray si è detto molto felice della sua prestazione, sottolineando i progressi mostrati rispetto al match di esordio contro McDonald.

di Riccardo Costarelli, @rickycostarelli

I primi match che Andy Murray ha dovuto affrontare sul cemento dell’ATP500 di Washington non sono certo stati una passeggiata, specie se si considera che il britannico è ancora in fase di rientro. Due partite combattute ma con molte differenza tra loro. Dopo essere stato costretto sulla difensiva da McDonald per tutto l’incontro, cercando per lo più di ritrovare sensazioni positive, Murray con Edmund è riuscito a fare un passo avanti ed implementare il suo gioco, tornando ad essere più sicuro ed incisivo.

Se guardiamo a come ho giocato, questa partita è stata molto migliore rispetto a quella di primo turno. L’altro giorno ho giocato praticamente tutto il match in difesa, rimanendo molto dietro la linea di fondo e questo non è il modo in cui voglio giocare per andare avanti nei prossimi turni”, ha spiegato il tennista di Dunblane in una dichiarazione raccolta dal sito ufficiale dell’ATP.

Dal loro ultimo match di qualche settimana fa, sull’erba di Eastbourne, il giovane britannico ne era uscito vincitore. Per questo motivo Andy ed il suo team hanno preparato la partita con ancora più attenzione. “Ho parlato molto con il mio allenatore e lui voleva che fossi più aggressivo rispetto al primo turno. Contro Kyle, senza doverci fissare sul risultato, siamo stati in grado di comandare più punti rispetto all’altro giorno”, ha aggiunto l’ex numero uno del ranking ATP.

Ho cercato di usare di più il mio dritto, di stare più dentro al campo e sono riuscito ad essere più aggressivo. L’ho fatto anche in alcuni momenti importanti del terzo set, perciò questa situazione mi riempie di gioia e di forza per poter andare avanti”, ha concluso Murray.

Con già quasi 5 ore di tennis nelle gambe, Andy è atteso al terzo turno dal rumeno Marius Copil, che ha eliminato la testa di serie numero 14 del tabellone, Jeremy Chardy, per 6-4 6-4.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy