Nadal e la relazione complicata con le Atp Finals

Nadal e la relazione complicata con le Atp Finals

Lo spagnolo, due volte finalista a Londra, dovrà nuovamente rimandare la caccia ad un titolo che si conferma stregato. Per l’ex numero uno del mondo si tratta del sesto forfait su tredici qualificazioni al prestigioso appuntamento di fine stagione.

di Sebastiano De Caro, @seba_de_caro

Rafael Nadal e le Atp Finals, un amore mai sbocciato. Pesa sempre di più nella testa del campione maiorchino lo zero nella casella vittorie del prestigioso appuntamento di fine stagione. Dietro al complicato rapporto che vede protagonisti lo spagnolo e le Finals risiedono due motivi. Il primo di natura squisitamente tecnica. La superficie rapida e la location indoor non favoriscono certamente l’attitudine dell’ex numero uno del mondo, capace di tessere geometrie letali per gli avversari sfruttando l’imprevedibiltà delle rotazioni sapientemente impresse ai colpi. Il secondo motivo è fisico. Non è una novità che il corpo di Nadal si presenti piuttosto stressato al rush finale dell’anno, ragion per cui è stato spesso costretto a rimandare la caccia all’unico titolo rilevante che ancora manca allo straordinario palmarès del 32enne di Manacor.

Due finali perse (nel 2008 con Federer e nel 2013 con Djokovic) in 8 partecipazioni non possono rappresentare un nobile traguardo per un giocatore che più volte ha sollecitato i vertici Atp affinchè il torneo si disputasse su terra almeno una volta ogni tre anni. Solo in una circostanza in carriera Nadal è riuscito per tre anni consecutivi (dal 2009 al 2011) a presenziare all’appuntamento di fine stagione. Su tredici qualificazioni alle Finals l’attuale n. 2 del ranking in sei occasioni è stato costretto ad alzare bandiera bianca, a dimostrazione di una condizione fisica mai del tutto soddisfacente a questo punto dell’anno.

Nel 2019 il campione maiorchino spegnerà 33 candeline e l’obiettivo di aggiungere alla già ricca bacheca l’unico grande trofeo mancante sarà vivo più che mai.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Flavio Ferrari de Sury - 2 settimane fa

    Tanto non le avrebbe mai vinte, meglio così per lui che si può riposare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Nicola Vaselli - 2 settimane fa

    Nadal e le ATP Finals: veramente un rapporto complicato (il titolo non poteva essere più giusto). Le motivazioni per cui ancora Rafa non si sia laureato Maestro sono giustamente spiegate nell’articolo. E’ un’ingiustiza, ma così va il mondo…Due parole sulla sua richiesta di far disputare le Finals su terra rossa: non si può per due ragioni. 1) è antieconomico preparare un campo in terra rossa indoor per una città o club che ospitasse l’evento. Lo si fa con sforzo patriottico per la finale di Coppa Davis, ma non in altri casi. 2) essendo le Finals il torneo di chiusura (lo dice il nome stesso…) della stagione devono necessariamente essere disputate sulla superficie su cui si giocano i tornei precedenti per ovvie ragioni di preparazione dei tennisti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy