Tennis sempre più tecnologico!

Tennis sempre più tecnologico!

Entro la fine dell’anno, l’intenzione è quella di inserire i sensori GPS nelle racchette e nei vestiti, al fine di fornire anche i dati sulla condizione fisica dei giocatori.

Commenta per primo!

Le statistiche delle partite, fornite dalla WTA attraverso un tablet, stanno diventando sempre più importanti nel mondo del tennis. Insieme a questi, informazioni dettagliate sulle prestazioni dei giocatori, la traiettoria del servizio, la collocazione precisa in campo nella risposta al servizio e il punto di impatto dei giocatori con la palla sono a disposizione degli allenatori (trenta allenatori stanno attualmente utilizzando questa innovazione tecnologica). Tutto ciò è stato reso possibile attraverso la piattaforma SAP HANA, la stessa utilizzata dalla McLaren in Formula 1. Il confronto delle statistiche di entrambi i giocatori sarà aggiornato ogni 15 secondi.
Inoltre, entro la fine dell’anno, l’intenzione è quella di inserire i sensori GPS nelle racchette e anche nei vestiti, al fine di fornire i dati sulla condizione fisica dei giocatori.

“Questo sistema dovrebbe aiutare i giocatori di tennis a ridurre gli infortuni e ad avere una carriera più lunga” ha affermato Jenni Lewis. Tuttavia, intervistata dalla EFE, ha ammesso come alcuni giocatori potrebbero non essere contenti di questa innovazione in quanto questi sensori andebbero a infastidirli e a condizionare il movimento della racchetta, cambiando le condizioni di impatto con la palla.141026_p10_SAP1
Ha però detto che il problema potrebbe essere risolto in breve tempo sfruttando gli abiti sportivi come sede di impianto dei sensori, per garantire il massimo confort ai giocatori. Contrariamente a quello che è successo con il calcio, la possibilità di avere sensori nella palla non è nei piani di SAP: “E’ bello vedere come la tecnologia ci può aiutare a migliorare qualsiasi sport”, ha aggiunto Lewis. “Ora siamo in grado di aiutare i giocatori non solo a colpire la palla nel migliore dei modi, ma anche a prepararsi al meglio”.

Il passo successivo è quello di coinvolgere maggiormente i tifosi con alcuni di questi dati in tempo rale. “Bisogna vedere fino a dove la tecnologia ci porterà, perché per noi è una grande occasione. Stiamo iniziando un viaggio incredibile per gli anni a venire”, Lewis ha infine dichiarato.

Nel tennis la tecnologia, da subito introdotta, ha sicuramente portato grandi vantaggi ai giocatori e dato loro maggiore serenità con l’introduzione dell’ Occhio di falco.
Ma solitamente essa nello sport ha come fine quello di assicurare il rispetto delle regole di gioco, supportando il lavoro dell’arbitro. Invece in questo caso ci troviamo di fronte a un caso di supporto al giocatore, che essendo fornito in tempo reale, rischia di mettere in secondo piano la naturalezza e l’inventiva, trasformando questo sport in un complesso di automatismi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy