Toni Nadal rivela: “Dal 2005 Rafa è costretto a convivere con dolori e anti-infiammatori”

Toni Nadal rivela: “Dal 2005 Rafa è costretto a convivere con dolori e anti-infiammatori”

L’ex allenatore e zio di Rafael Nadal, in occasione di un congresso su business e sport, ha parlato dei continui fastidi che affliggono l’attuale n. 2 del mondo da più di dieci anni.

di Sebastiano De Caro, @seba_de_caro

Toni Nadal, zio ed ex coach di Rafael Nadal, in occasione di un evento relativo a temi di business e sport di scena a Murcia, ha fatto il punto sugli infortuni patiti dall’attuale n. 2 del mondo nell’arco della sua carriera svelando alcuni retroscena.

Tutto ebbe inizio dopo il primo successo a Parigi“, esordisce il 57enne di Manacor parlando della frattura allo scafoide del piede destro occorsa a Nadal in seguito al primo Roland Garros vinto. “Lo specialista da cui andammo ci disse che la carriera di Rafa era praticamente terminata. Non riuscivamo a finire sessioni di allenamento, tante volte era costretto a prendere anti-infiammatori perchè il dolore diventava sempre più intenso. Dal 2005 ormai è abituato a convivere con continui fastidi e farmaci in grado di lenire i dolori. Molte volte mi ha confessato che gli sarebbe piaciuto vincere meno a cambio di soffrire meno doloreFortunatamente ha sempre avuto un carattere perseverante e forte che gli ha permesso di comprendere le difficoltà migliorando sotto l’aspetto tecnico e mentale“.

L’ex coach di Nadal si è poi soffermato sul ritorno alle competizioni del nipote con uno sguardo alla stagione su terra rossa ormai alle porte: “Ogni anno è sempre più difficile riconfermarsi, ma penso che il favorito numero uno sia ancora Rafael. Ci sono giocatori come Zverev e Chung che potrebbero diventare molto pericolosi, perciò credo che il rivale principale sia il giocatore che è più in forma. Il ritorno alle gare potrebbe avvenire in Davis contro la Germania ad aprile. Il suo obiettivo è giocarla, saranno da verificare le sue condizioni, ma se starà bene sicuramente rientrerà“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy