Olimpiadi di Rio: Pelé rinuncia, sarà Gustavo Kuerten l’ultimo tedoforo?

Olimpiadi di Rio: Pelé rinuncia, sarà Gustavo Kuerten l’ultimo tedoforo?

Pelé: «In questo momento non ho le condizioni fisiche, solo Dio è più importante della mia salute». L’ex tennista ‘Guga’ Kuerten, ex n. 1 del mondo e vincitore di tre Roland Garros è il primo candidato ad accedere il braciere olimpico nella cerimonia inaugurale di stasera al Maracanà di Rio de Janeiro: sarebbe la prima volta per un tennista.

1 Commento

Non sarà Pelé l’ultimo tedoforo, ossia l’ultima persona che porterà la fiamma olimpica e che accenderà il tripode in occasione della imminente cerimonia d’apertura delle Olimpiadi di Rio de Janeiro (in onda questa sera a partire dalle 23.50 italiane su Rai2). Edson Arantes do Nascimento, il più illustre ex sportivo brasiliano e probabilmente il più grande calciatore di sempre, ha infatti comunicato la sua impossibilità di essere il protagonista di questa cerimonia storica nel leggendario stadio Maracanà. Al suo posto, il favorito ad accendere il braciere olimpico è un’altra leggenda dello sport sudamericano: l’ex tennista n. 1 del mondo Gustavo Kuerten, vincitore di tre Roland Garros nel 1997, nel 2000 e nel 2001. Altri due nomi meno probabili sono quelli di Torben Grael, campione della Vela brasiliana con 5 medaglie olimpiche, e Aida dos Santos, quarto posto nel salto in alto a Tokyo 1964, sopravvissuto a una vita decisamente turbolenta.

PELÉ: «NON CE LA FACCIO» – «In questo momento non ho le condizioni fisiche per partecipare all’apertura dell’Olimpiade – ha dichiarato in una nota ufficiale “Il Re”, che da tempo ha problemi di salute – Proprio non ce la faccio. La decisione è solo mia. Cari amici, solo Dio è più importante della mia salute e come brasiliano chiedo a Dio che benedica tutti».

KUERTEN: «IL BRASILE È A PEZZI» – Gustavo Kuerten è senza dubbio il tennista più amato di sempre in Brasile. All’epoca delle sue vittorie e del raggiungimento della prima posizione mondiale, il 4 dicembre 2000, aveva contribuito a diffondere la passione per il tennis in tutto il Paese, rendendolo uno sport popolare; da tempo si faceva il suo nome come primo sostituto di Pelé come ultimo tedoforo ai Giochi di Rio. Pochi giorni fa, ‘Guga’ aveva affermato che i Giochi Olimpici possano essere di grande aiuto per risollevare il morale del popolo brasiliano in questo periodo difficile per il Paese: «Non ho mai visto i brasiliani così confusi, depressi e alla fine infelici come in questi ultimi tempi. Purtroppo gli esempi quotidiani mostrano un Brasile al collasso. La gente è a pezzi, incupita, triste. E ha ragione ad esserlo. Io però credo nel potere dello sport di trasformare le persone: per questo mi auguro che le Olimpiadi portino speranza e diano una scossa al nostro popolo per superare questo periodo molto complesso. Il Brasile e’ un paese che lotta, che non molla mai, spero che torni il nostro spirito d’unione», ha concluso Kuerten, quartofinalista alle Olimpiadi di Sydney nel 2000.

 

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. IMO anything about sports equipment is fantastic

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy