Olimpiadi, ecco i primi malumori

Olimpiadi, ecco i primi malumori

Ad appena un giorno dall’inizio delle Olimpiadi, già in ambito tennistico si sono manifestati i primi problemi e malumori. Dalla polmonite di Sock alle critiche di Radwanska e Ramos.

Commenta per primo!

La giornata di ieri è stata caratterizzata principalmente dalle illustri sconfitte dei top player. Una fra tutte è stata quella della polacca Agnieszka Radwanska, eliminata per mano della cinese Saisai Zheng. Non sono mancate le critiche, a fine match, nei confronti delle compagnie aeree. La notizia sorprendente è stata quella dell’americano Jack Sock, il quale ha dichiarato di avere una polmonite, diagnosticatagli dal dottore pochi giorni prima dall’inizio delle Olimpiadi.

LE CRITICHE DI RAMOS – “È un peccato che il torneo di tennis cominci così presto, giusto il giorno dopo la cerimonia. Non ci sono potuto andare e sono stato molto male perché non so se giocherò di nuovo le Olimpiadi. Credo sia un grande errore da parte dell’organizzazione programmare le partite così presto quando ci sono 9 giorni e si può giocare con luce artificiale.” –  queste le parole del tennista spagnolo, in merito alla programmazione olimpica.

LA POLMONITE DI SOCK – Il tennista americano subito dopo la sconfitta patita per mano del giapponese, Taro Daniel, ha dichiarato : “Ho avuto raffreddore e ho sentito qualcosa nei miei polmoni, pensavo la situazione sarebbe migliorata e invece niente. Il dottore mi ha detto che avevo la polmonite, ho comunque provato a giocare e non è facile perchè tutti questi ragazzi sono molto bravi. Volevo giocare le Olimpiadi, forse dopo questa prenderò le precauzioni necessarie. Sono arrivato senza esperienza, spero che con degli antibiotici passi.”

RITARDO DEI VOLI –  “Non mi sono allenata come avrei voluto, ci sono voluti tre giorni per arrivare a Rio tra aeroporti ecc, non è la miglior preparazione. Non ho avuto abbastanza tempo.” – così la polacca ha commentato la sconfitta, facendo ricadere le principali colpe sui problemi avuti in aeroporto.

NISHIKORI – E’ bello iniziare in questo modo – ha detto Kei – Non è facile per me e neanche per lui, la prima partita. C’è stato anche tanto vento e delle condizioni non facili, ma ho giocato paziente ed in alcuni punti molto aggressivo, quindi ho giocato un buon tennis oggi. Il tennista giapponese ha detto la sua riguardo anche riguardo quel famoso punto : “Di solito rinuncio al punto, ma stavolta ho pensato, se non lascio la racchetta ho speranze di vincere il punto. Ho provato a mantenerla e per fortuna ho vinto il punto. Non mi è mai successo prima’

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy