Classifica ATP: tutti gli scenari possibili

Classifica ATP: tutti gli scenari possibili

Con la vittoria di Federer a Wimbledon, la classifica ATP si è accorciata con i primi quattro racchiusi in soli 1400 punti. Analizzando tutte le possibilità fino a fine anno, i favoriti per concludere la stagione in vetta sono Nadal e Federer.

I Fab Four non sono mai stati così vicini: con la vittoria di Federer a Wimbledon e le eliminazioni precoci di Djokovic, Nadal e Murray i quattro giocatori sono racchiusi in pochissimi punti e, ad arrivare a fino anno, può succedere ancora di tutto.

ANDY MURRAY 7750
RAFAEL NADAL 7465
ROGER FEDERER 6545
NOVAK DJOKOVIC 6325

ANDY MURRAY –  Lo scozzese ha conservato la vetta del ranking ATP, ma il suo stato di forma visto a Wimbledon ha lasciato parecchi dubbi tanto da far sospettare una pausa di qualche settimana. Una pausa che però potrebbe far precipitare in classifica Andy che l’anno scorso è stato protagonista di un super finale di stagione e che quindi dovrà difendere parecchi punti, 4960 per la precisione. Murray infatti deve difendere in ordine la finale dell’ATP World Tour Masters 1000 di Cincinnati, i quarti di finale dello US Open e i successi degli ATP 500 di Pechino e Vienna, degli ATP World Tour Masters 1000 di Shanghai e Parigi Bercy e il trionfo alle ATP Finals.

RAFAEL NADAL – Lo spagnolo a Wimbledon è uscito di scena per mano di Gilles Muller dopo un match epico di cinque set mancando così l’occasione di tornare numero uno del mondo vista poi l’eliminazione di Murray nel turno successivo. Rafa però dal canto suo può dormire sonni più tranquilli dello scozzese ed è già pronto al sorpasso in classifica dovendo difendere solamente 405 punti fino a fine anno, maturati in un finale di stagione 2016 molto deludente. Il cammino di Nadal infatti non ha visto nessun successo e, anzi, sono arrivati soltanto un terzo turno nell’ATP World Tour Masters 1000 di Cincinnati, gli ottavi di finale allo US Open, i quarti dell’ATP 500 di Pechino e il secondo turno all’ATP World Tour Masters 1000 di Shanghai.

ROGER FEDERER – Lo svizzero è l’uomo del momento e con il trionfo all’All England Lawn Tennis and Croquet Club è tornato sul podio del ranking dopo oltre un anno guadagnando due posizione ai danni di Wawrinka e Djokovic. Se ad inizio anno pensare a un ritorno di Federer al vertice della classifica ATP era semplicemente utopistico, ora le possibilità sono molto più concrete visto che Roger lo scorso anno ha di fatto chiuso la stagione a Wimbledon e non dovrà quindi difendere nessun punto. Gli basteranno sostanzialmente raggiungere qualche buon piazzamento e magari “gufare” Nadal (il suo avversario più temibile nella rincorsa al numero uno) per avverare un sogno quasi impossibile: a 36 anni raggiungere nuovamente la vetta.

NOVAK DJOKOVIC – Il problema all’avambraccio palesato nei quarti di finale contro Berdych ha allarmato l’ambiente intorno al serbo, già non troppo sereno da qualche mese a questa parte. Djokovic ha poi ammesso in conferenza stampa che potrebbe prendersi una lunga pausa per recuperare a pieno la miglior condizione fisica e mentale, ma questa scelta potrebbe costargli tanti punti in classifica: 3340. Nella scorsa annata Nole infatti ha vinto l’ATP World Tour Masters 1000 di Toronto, ha raggiunto la finale allo US Open e alle ATP Finals e ha collezionato una semifinale a Shanghai e un quarto a Parigi Bercy.

Nadal-Vs-Murray-Djokovic-Vs-Federer-Thrillers-in-French-Open-2011

Dalla finale di Wimbledon alle ATP Finals passeranno 126 giorni conditi da tanto, tantissimo tennis con uno slam, quattro ATP World Tour Masters 1000 e l’atto conclusivo a Londra ancora da disputare per sancire, mai come quest’anno, chi sarà il numero uno del mondo.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Anakin Roby Agnelli - 2 mesi fa

    Se penso a tutti quelli che ha messo in fila Roger…..Agassi,Roddick,
    Nadal,Djokovic e Murray

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Fabio Aloisi - 2 mesi fa

    Questa foto è fantastica!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy