Il Comitato Olimpico spagnolo vuole Nadal come portabandiera a Rio

Il Comitato Olimpico spagnolo vuole Nadal come portabandiera a Rio

Il presidente del COE, Alejandro Blanco Bravo, vorrebbe vedere il campione di tennis come portabandiera alle prossime Olimpiadi brasiliane, in reazione alle brutte e infondate accuse di doping ricevute da Nadal

1 Commento

Spetterà ad un gruppo di delegati della Federazione Spagnola scegliere il portabandiera, ma mercoledì il presidente del Comitato Olimpico ha affermato che Rafael Nadal meriterebbe di essere scelto per quello che ha fatto per lo sport spagnolo.

L’ex numero uno del mondo sarebbe dovuto già essere portabandiera alle Olimpiadi di Londra nel 2012, ma per infortunio fu costretto a saltare e venne rimpiazzato dal giocatore NBA Pau Gasol. Blanco ha anche detto che la Spagna sta diventando meno rispettata per colpa di tutte le accuse di doping rivolte ad atleti iberici e ha invitato il governo ad adattarsi alle nuove regole imposte dall’Agenzia Mondiale Anti-Doping.

Parlando ad un evento sportivo a Madrid, Blanco ha detto che avere Nadal come portabandiera sarebbe importante dopo le accuse di doping rivolte a lui dall’ex ministro francese della salute e dello sport Roselyne Bachelot, sicuro che l’infortunio avuto da Rafa nel 2012 fosse per colpa di “un probabile test anti-doping positivo“.

Lo sport spagnolo gli deve molto“, ha detto Blanco. “A Pechino, era l’atleta più seguito dai media internazionali e più rispettato dagli altri atleti. Rafa Nadal ha portato lo sport spagnolo ad un altro livello. Credo che debba essere lui il portabandiera, specialmente dopo come è stato trattato in questi mesi. Merita di sentire che allo sport spagnolo importa ancora molto di lui“.

14 volte campione Slam, medaglia d’oro alle Olimpiadi del 2008: Nadal è stato uno dei più grandi idoli sportivi della Spagna negli ultimi anni. E’ stato difeso a spada tratta dal governo locale e da molti altri atleti conterranei dopo le accuse gratuite di Bachelot. “Nadal è un punto di riferimento“, continua Blanco. “Era stato scelto come portabandiera a Londra, dovrebbe essere scelto ancora per Rio“.

Parlando delle nuove regole della WADA, Blanco ha detto che è inaccettabile che la Spagna non sia in grado di adattarsi alle nuove richeste per l’anti-doping. Secondo lui, il poco impegno del governo sta urtando l’immagine degli atleti all’estero. “Ogni nazione si è adattata al nuovo codice, non c’è motivo per cui non possiamo farlo anche noi. Non possiamo diventare un esempio negativo quando in verità siamo estremamente forti nello sport“.

Le leggi anti-doping della Spagnia sono anche leggi e uno stallo politico ha fermato il paese dall’attuazione dei cambiamenti richiesti dalla WADA. Blanco ha anche affermato che gli atleti spagnoli hanno il diritto di decidere di non andare a Rio a causa del virus Zika, ma non pensa che esso possa condizionare le partite in modo importante. “Gli atleti sapranno benissimo quale sarà la situazione“.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Luca Lucignano - 10 mesi fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy