Alex Corretja compie 42 anni: tanti auguri a Mister Fair play

Alex Corretja compie 42 anni: tanti auguri a Mister Fair play

Tanti auguri a Alex Corretja che oggi spegne 42 candeline. Memorabili le sue battaglie contro Moya durante tutta la sua carriera.

1 Commento

Il suo, per molti, è stato tra i rovesci migliori del circuito. Grinta, gambe e determinazione, uniti al talento indiscutibile, gli hanno permesso di imporsi sulla scena del tennis mondiale e di salire fino al secondo posto del ranking.

Era la metà degli anni Novanta, un periodo straordinario per il tennis maschile. C’era la classe di Pete Sampras, l’esuberanza di Andre Agassi, Kafelnikov, il talento di Rios, la “locomotiva” Muster. E poi c’era “l’armata spagnola”. C’era Carlos Moya, Berasategui, Ferrer e gli altri.
Poi c’era lui: Alex Corretja, nel febbraio del 1999 numero due della classifica mondiale, nel 2000 trionfatore in Coppa Davis con quella stessa armata spagnola che ha segnato un decennio di tennis. Pochi anni prima dell’esplosione di Nadal.

ALEX CORRETJA OF SPAIN DURING FRENCH TENNIS OPEN

Corretja è nato 42 anni fa, a Barcellona. Nel suo Palmarès diciassette titoli vinti: il primo, a vent’anni, sulla terra di Buenos Aires. Poi un Master, nel 1998, battendo in finale il connazionale Moya (al termine di una maratona di cinque set su una superficie veloce, per due che hanno sempre prediletto la terra). Senza contare due finale sfumate al Roland Garros: una proprio contro il maiorchino Moya (1998), l’altra contro il brasiliano Gustavo Kuerten (2001).

Proprio nell’edizione 1998 dello Slam parigino, Correjta ha stabilito due record: il match più lungo della storia del torneo, al terzo turno contro l’argentino Gumy (5  ore e 31 minuti di match), e l’incontro probabilmente più corretto di tutti i tempi, proprio la finale contro Moya: in più occasioni il giocatore di Barcellona si è sostituito all’arbitro per correggere le decisioni su punti dubbi e restituirli all’avversario. Un esempio, appunto, di correttezza e lealtà sportiva, a cui, non ha seguito, però, il successo che avrebbe probabilmente meritato per scrivere la degna parola fine a questa bella pagina di sport.

daivs2000
Alex Corretja era un “terraiolo”, si diceva, capace di imporsi anche sulle superfici veloci, in occasione del Master nel novembre 1998 – si giocò ad Hannover – e a Dubai nove mesi prima. Per grande corsa, grandi rotazioni e nervi d’acciaio, che lo hanno portato a chiudere la carriera professionistica a 30 anni e a sedere, qualche anno più tardi, anche sulla panchina su quella squadra di Davis che portò al trionfo per la prima volta. Un esempio di tecnica e personalità, uno sportivo in tutti i sensi. Auguri “Mister Fair play”.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Margherita Carta - 2 anni fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy