Carlos Ramos: l’arbitro portoghese Slam dal pugno di ferro

Carlos Ramos: l’arbitro portoghese Slam dal pugno di ferro

Passato agli onori della cronaca per il fattaccio che ha coinvolto Serena Williams, ecco un ritratto di Carlos Ramos, unico arbitro della storia ad aver arbitrato tutte e 4 finali Slam

di Mattia Esposito

Carlos Ramos, l’uomo portoghese delle finali: sì, avete letto bene, non stiamo parlando di Cristiano Ronaldo e la sua abitudine nel segnare negli atti conclusivi, ma dell’arbitro di tennis, suo connazionale. Nato a Lisbona nel 1971, l’autorevole giudice di sedia è passato agli onori della cronaca per il fattaccio con Serena Williams, ma la sua notorietà di arbitro dal pugno duro è antecedente: ecco un viaggio nella vita e la carriera del celebre giudice.

RAMOS, GOLD RAMOS! L’UOMO SLAM- In attività dal lontano 1991, quindi quando aveva appena 20 anni, Carlos Ramos è uno dei pochi a potersi fregiare del riconoscimento dell’ITF, International Tennis Federation, Gold, massimo premio per un arbitro.
Il giudice di sedia portoghese è, soprattutto, l’unico ad aver avuto il privilegio di arbitrare tutte e 4 le finali del Grand Slam, almeno una volta, per quanto concerne il singolare maschile: la prima, fu quella del 2005 agli Australian Open nella sfida tra Marat Safin e Leyton Hewitt, con il russo vincitore, dunque, nel 2007, il secondo incontro erboso tra Roger Federer e Rafael Nadal, con l’elvetico vittorioso. L’anno dopo, eccone un’altra a Melbourne, tra Novak Djokovic e Jo-Wilfred Tsonga, per il primo sigillo serbo, quindi il remake del Fedal a Parigi: l’ultima, in ambito degli uomini, è quella negli States tra Djokovic e Nadal del 2011. Completato il Grande Slam, tra le finali maschili, Ramos completa anche il Career Golden Slam: finale Coppa Davis 2011 tra Spagna e Argentina e alloro olimpico londinese 2012 tra The GOAT e Andy Murray.
Ma le soddisfazioni non hanno a che fare solo con il genere maschile: infatti, nell’anno della prima finale Slam, ottenne anche quella parigina in ambito Wta, tra Justine Henin, vincitrice, e Mary Pierce. Ma è il 2008 l’anno migliore: oltre alle due finali maschili, ottenne anche quella di Wimbledon tra le sorelle Williams, vinta dalla sorella maggiore Venus. L’ultima, proprio prima di quella di sabato a Flushing Meadows tra Naomi Osaka e Serena: oltre a match di Fed Cup e finali di tornei prestigiosi già arbitrati, mancano la finale di Melbourne e della competizione per nazioni tra donne, oltre alla medaglia olimpica. Ottenute queste direzioni, si ritirerà?

L’ARBITRO DAL PUGNO DURO- Carlos Ramos è sempre stato descritto come un arbitro che si fa rispettare, che non transige sulle regole, sia che sia un giocatore normale che un fuoriclasse, pronto ad infrangere quanto dev’essere tenuto in conto. L’ultimo caso è quello che ha visto protagonista il portoghese con Serena Williams nella finale US Open persa 6-2 6-4 contro la giapponese Naomi Osaka: Ramos, dopo aver dato due warnings alla Williams (per coaching e per racquet abuse), le assegna un penalty game da regolamento al terzo warning per un “verbal abuse” in quanto Serena lo accusa di essere un ladro, “thief” in inglese. In preda ad una crisi di nervi, risponde al giudice: “Non ho mai rubato in vita mia, sono una mamma, ho una bambina e tu mi derubi. Ogni volta è la stessa storia. Lo fai perché sono una donna? Ti devi scusare con me!“. Il match si trasforma in un vero e proprio dramma, tanto da oscurare l’impresa sportiva della giovane giapponese, primo tennista uomo o donna a vincere uno Slam del suo paese. La 23 volte campionessa Major è stata multata con 17000$ ma soprattutto si è vista infangare il nome di una Regina, essendo in torto come fatto notare anche dal coach Patrick Mouratoglu: Ramos ha semplice messo in atto le regole, come tutti dovrebbero fare, sempre.
Il 47enne lusitano non è la prima volta che ha screzi con dei tennisti: nel 2016, a Parigi, Nick Kyrgios offese un raccattapalle, dunque fu punito, ma l’australiano continuò a protestare; successivamente, arrivò una punizione anche per l’avversario Marco Cecchinato.
Nello stesso anno, la vittima fu Andy Murray, che definì Ramos “stupid umpiring”; lo scozzese fu vittima l’anno dopo al Roland Garros per aver perso tempo, ma pur essendo cosciente, criticò la scelta. Allo stesso torneo la vittima fu il detentore del titolo Novak Djokovic: reo di aver commesso più violazioni, fu penalizzato, non contento Nole lo insultò in serbo e colpì quasi il raccattapalle, venendo punito per condotta antisportiva. Signori e signore: un portoghese in nome della Legge.

44 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Vincenzo Marone - 2 settimane fa

    Ha fatto bene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Bruno Battiato - 2 settimane fa

    Non è così avete tutti capito male !!!! La William ha perfettamente ragione !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Danilo Malerba - 2 settimane fa

    Bravo Carlos Ramos! La Williams avrebbe perso comunque e allora ha fatto la sceneggiata da vittima! Mai visto una vincitrice di Slam fischiata!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Anna Lia Bernardi - 2 settimane fa

      Proprio così! Stava perdendo e non ci voleva stare….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Marta Ahneová - 2 settimane fa

    pan Ramos si dělal svou práci svědomitě a dobře. Williams měla být disciplinární komisí potrestána více. Měla dostat distanc aspoň na 2 turnajích a zaplatit větší pokutu

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Antonio Spanò - 2 settimane fa

    Bravo, un arbitro che mi piace!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Luky Marone - 2 settimane fa

    ora però deve dimostrare di saper fare lo stesso con Natal o Federer

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Daniel Cagol - 2 settimane fa

      Luky Marone prima però loro devono fare quello che ha fatto la Williams

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Antonina Lanzarone - 2 settimane fa

    Pugno di ferro con le donne….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Steve Togni - 2 settimane fa

    Io ricordo il momento dove Fognini si era preso a parole direttamente con Rafa per un coatching a parole non a segnali è L arbitro non ha fatto NIENTE !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gabriella Puglia - 2 settimane fa

      Non deve essere da esempio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Steve Togni - 2 settimane fa

      per me va che si punisca … ma deve essere sempre uguale il
      Metro di misura altrimenti possono disturbare i warning se non si considerano corretti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Sergio Aguiari - 2 settimane fa

      Ti sei risposto da solo, Rafa è il numero uno, Fognini un demente. Ecco perché.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Steve Togni - 2 settimane fa

      Sergio Aguiari hhh certo se questo è il tuo senso di giustizia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Sergio Aguiari - 2 settimane fa

      Steve Togni lo è.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Steve Togni - 2 settimane fa

    Autorevole proprio no !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Davide Ferrari - 2 settimane fa

    Se al posto di Serena c’erano Nadal Federer o Nole.. Non so se si sarebbe comportato allo stesso modo.. Nadal parla in continuazione conn suo zio.. E nessuno ha mai detto niente… Per ma questo Ramos.. È un cagone…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Emanuela Filippi - 2 settimane fa

    Tanti altri trovandosi di fronte serena williams si sarebbero lasciati sopraffare . Bravo ramos

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Capotosti Luciano - 2 settimane fa

    Serena bambina capricciosa e viziata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Shirley Babicz - 2 settimane fa

      Disgusting behaviour, spoiled the grand slam for opponent .. She should be banned

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Marco Siliprandi - 2 settimane fa

    bravissimo, un esempio per il settore arbitrale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Cristina Failla - 2 settimane fa

      Da non seguire….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Rosario Occhipinti - 2 settimane fa

    Un arbitro non deve decidere come se fosse in corso una partita della Play Station, la Williams ha sbagliato a perdere la testa e su questo non ci sono dubbi. Ma un arbitro deve essere anche un po’ capace di valutare il momento e le condizioni in cui vanno prese certe decisioni. Bastava redarguire verbalmente con veemenza sia la Williams che Mouratoglou. Premesso che la regola che vieta il coaching è una follia che va modificata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Liliana Dumitrescu - 2 settimane fa

      che vuol dire , le regole vanno rispettate solo di chi e più debole? … alla Halep gli e capitata la stesa cosa a AO , Cahill ha fato un segno e lei e stata avvertita e multata ,non ha mai fatto tutto quel circo mettendo in ballo la figlia , razzismo sessismo e cavoli vari!!! …ma dai..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Cristina Giorgini - 2 settimane fa

      Rosario Occhipinti d’accordo con te riguardo al coaching , ma visto che è una regola ancora in essere va rispettata e Ramos non ha fatto altro che applicarla , magari se in precedenza la Williams non avesse spaccato x 2 volte la racchetta sarebbe stato più magnanimo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Steve Togni - 2 settimane fa

      Il coatching potrebbe non averlo ricevuto ( consideriamo che Serena non ha mai chiesto un coatching ) anche se fosse stato un richiamo è il susseguirsi della polemica andava gestita meglio dall arbitro e non da Serena che probabilmente si è sentita sui ore in ingiustizia sul
      Primo warning il resto è L
      Effetto collaterale iniziato proprio da quel momento

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Rosario Occhipinti - 2 settimane fa

      Nessuno ha detto che doveva far passare tutto in cavalleria, ma un “la prossima volta perdi il game”, sul 4-3 di una finale Slam, non sarebbe stato uno scandalo. Fosse stato anche pincopallino avrei detto la stessa cosa… Non sto difendendo la Williams per carità

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Elisabetta Bornati - 2 settimane fa

      Ma quale momento? Ma quali condizioni? C’è un regolamento e non dev’essere soggettivo, e dopo che lo ha chiamato “ladro”
      le è andata di lusso, un Fognini qualunque sarebbe stato punito più pesantemente, tanto per capire, il regolamento prevede anche la squalifica immediata, è stato più che comprensivo Ramos!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Terence Pippo - 2 settimane fa

      Open d Australia 2017 nel match di 4 turno tra Anna friedsman e la radwaska la friedsman si stira l adduttore nonostante tutto vuole finire il match sul 15_40 lla friedsman si becca il penalty ponit per aver aver perso troppo tempo al servizio riguardatevi il video e poi commentate a me personalmente un giudice di sedia così mi fa schifo sensibilità zero buon senso sottozero altroché queste sciochezze qua

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. Gabriella Puglia - 2 settimane fa

      Vergogna, le regole vanno rispettate senza se e senza ma…..
      da tutti!!!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    8. Rosario Occhipinti - 2 settimane fa

      La discrezionalità dell’arbitro esiste… Ed è sempre stata utilizzata con buon senso.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    9. Ruggero Crinelli - 2 settimane fa

      La buzzicona , come sa chi gioca a tennis, ha cercato di far perdere ritmo e concentrazione alla piu giovane avversaria.arrogante e spocchiosa.arbitro con le palle

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    10. Rosario Occhipinti - 2 settimane fa

      Forse vi è sfuggito il fatto che sto parlando a livello generale prendendp solo spunto dal singolo episodio… A me non me ne può fregar di meno della Williams, poteva essere la Halep, la Svitolina, la Stephens o chiunque. Avrei detto le stesse cose

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    11. Shirley Babicz - 2 settimane fa

      It is what it it. Rules need to be followed, she is not exempted from rules. She should be banned.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Anna Lia Bernardi - 2 settimane fa

    Ha fatto bene ! Giusto !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Anna Lia Bernardi - 2 settimane fa
      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Loretta Borel - 2 settimane fa

    Ha fatto benissimo !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Adriano Rossi - 2 settimane fa

    Un Arbitro…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Cristina Giorgini - 2 settimane fa

    Le regole vanno rispettate ….anche se ti chiami Williams, anzi a maggior ragione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Patrizia Zotti - 2 settimane fa

      Aggiungo per tutti devono essere rispettate non solo per williams…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Cristina Giorgini - 2 settimane fa

      Certo x tutti , infatti ricordo lo stesso Ramos punire x condotta antisportiva sia Djokovic Murray Kyrgios……

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Giselda Meneghetti - 2 settimane fa

      Patrizia Zotti e tutti ! Deve valere anche x i maschietti , sono molti che infrangono le regole !!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Patrizia Zotti - 2 settimane fa

      Giselda Meneghetti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Steve Togni - 2 settimane fa

      Due pesi due misure ! Layani e Ramos di sicuro non praticano lo stesso sport

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy