Corentin Moutet, il diamante grezzo ha iniziato a brillare

Corentin Moutet, il diamante grezzo ha iniziato a brillare

Corentin Moutet, classe 1999, ha conquistato domenica scorsa il Challenger di Brest, il primo della sua carriera. Grazie a questo successo il giovane francese si candida di prepotenza ad un futuro posto nell’èlite del tennis, le potenziali ci sono tutte, bisogna vedere se testa e fisico reggeranno abbastanza.

Commenta per primo!

Corentin Moutet, un tennista di cui si sentirà parlare a lungo, per le sue incredibili potenzialità e la sua intelligenza tattica a soli 18 anni. I suoi colpi mancini riescono a far la differenza in campo e nel corso del Challenger di Brest ha dimostrato di potersela giocare praticamente con tutti, gli unici difetti che potrebbero limitarlo sono una fragilità fisica ed anche un carattere molto ribelle, tutti deficit da poter migliorare nel corso degli anni.

I RISULTATI – Considerato un predestinato fin dalla giovane età, Corentin Moutet sta scalando velocemente le classifiche ATP, imponendosi già da subito contro giocatori ben più esperti. Ma le abilità del francese si erano già messe in mostra alcuni anni prima, quando a soli 15 anni ebbe una WildCard per le qualificazioni del torneo di Metz, in quel occasione riuscì a superare il primo turno, cedendo poi nel secondo turno al connazionale Herbert. Inoltre debutta nelle qualificazioni del Roland Garros a soli 16 anni, grazie ad un invito ottenuto dalla federazione, perdendo contro il tedesco Berrer, con questo si percepisce subito le grandi speranze che nutre la FFT nei confronti del mancino di Neuilly, il quale non sta deludendo le aspettative. Dopo vari titoli a livello Futures l’exploit è arrivato la scorsa settimana nel Challenger di Brest dove ha sconfitto in finale il nextgen greco Stefanos Tsitsipas, conquistando il suo primo titolo sul cemento ed entrando per la prima volta in top 200.

PREGI E DIFETTI – Nonostante il gran talento e la grande intelligenza tattica, in grado di mettere a segno dei colpi da vero fuoriclasse, il francese ha anche alcune difetti, che potrebbero bloccare la sua scalata verso l’élite del tennis. Come tutti i grandi talenti, anche lui ha un carattere non facile da domare, infatti nel corso della sua giovanissima carriera ha già abbandonato un bel po’ di allenatori: come lo stesso Nicolas Escudé, il quale proprio a Brest ha consegnato una wildcard al transalpino, dandogli di fatto la possibilità di trionfare in patria. Inoltre a Traralgon è rimasto senza coach fino alla fine del torneo, infatti Thierry Tulasne ha deciso di interrompere la collaborazione in seguito ad un battibecco con il suo allievo, nonostante ciò il 18enne è riuscito comunque ad imporsi ed ha dichiarato:”È stato strano quest’anno giocare e vincere a Traralgon senza maestro e senza pubblico,quello che è stato il mio primo titolo under 18 di alto livello. A farmi i complimenti a fine match c’erano solamente i miei genitori.”

I COMMENTI – Alcuni avversari che ha affrontato nel circuito ha aggiunto alcune considerazioni riguardo il personaggio di Corentin Moutet. Il primo è stato Gianluca Naso, il quale ha sconfitto il francese nella finale dell’ITF di Santa Margherita di Pula nel 2015: “Ricordo benissimo quel match, perché Moutet mi aveva impressionato per il suo talento. Ogni sette-otto colpi tirava fuori una smorzata, sempre eseguita molto bene tecnicamente e tatticamente. Il suo servizio mancino a uscire, seppur non potente, era davvero incisivo, mentre da fondo campo sapeva esprimersi al meglio con il rovescio bimane. Atteggiamento? Un ragazzo arrogante e fastidioso, ma di grande personalità.” Nel veloce indoor di Cherbourg ha raggiunto i quarti di finale, partendo dalle qualificazioni, nel corso del torneo ha battuto l’italiano Arnaboldi, affermando dopo la sconfitta: “Credo che Moutet possa diventare davvero forte. Ha parecchia facilità di gioco in tutti i colpi e tante soluzioni supportate da un’ottima lettura tattica.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy