Feliciano Lopez: “Questa sfida è il mio sogno”

Feliciano Lopez: “Questa sfida è il mio sogno”

L’età è solo un numero. Può sembrare un cliché, ma spesso corrisponde alla realtà. E il tennis ne è la conferma. Roger Federer e Serena Williams, tra tutti, continuano a vincere nonostante siano entrambi molto oltre la soglia dei trenta. Oltre a questi due immensi campioni, c’è uno spagnolo che negli anni è riuscito ad emergere, e che ora rimane molto competitivo, pur avendo (quasi) 36 anni. Stiamo parlando di Feliciano Lopez, che stanotte affronterà Roger Federer.

27 commenti

Feliciano Lopez Diaz-Guerra nasce il 20 settembre 1981, a Toledo. Inizia a giocare a tennis fin da bambino, e, a 17 anni, fa il suo esordio nel circuito ATP. Si divide per un paio d’anni tra il circuito maggiore, dove riesce a stento ad ottenere qualche vittoria, e il circuito Challenger e ITF. Nel 2002 arriva per la prima volta in una semifinale ATP, nel torneo di Buenos Aires e si spinge fino al quarto turno a Wimbledon. Stabilmente nelle prime sessanta posizioni del ranking mondiale, Feliciano inizia ad ingranare la marcia giusta, vincendo sempre più match, battendo giocatori del calibro di Marat Safin. L’anno successivo lo spagnolo approda al quarto turno a Parigi, e raggiungere le semifinali a Kitzbühel e Stoccarda. Da numero 28 del mondo, Lopez inizia a farsi valere tra i più forti della classifica. Il suo gioco pimpante, animato dal suo gancio mancino, manda in difficoltà chiunque si scontri con lui.

Il primo titolo arriva poco tempo dopo, a Vienna, a cui seguono i quarti di finale a Wimbledon. Gli anni successivi sono per l’iberico una triste calma piatta. La classifica stabile alla trentesima posizione, viene accompagnata dai quarti turni nei tornei dello Slam e da qualche finale ATP (Dubai, Gstaad, New Haven). Feliciano, però, non sembra entusiasmare più di tanto gli appassionati, che si aspettavano qualcosa in più da parte del giovane di Toledo. Il predominio di giocatori come Federer, la rivalità con i connazionali Nadal e Ferrer, fanno di Lopez un giocatore secondario, incapace di spiccare il volo in modo deciso. I tempi cambiano, e così i giocatori. Feliciano si ritrova nella terra di nessuno, con la certezza di una buona classifica, ma allo stesso tempo, poco soddisfatto. Poi qualcosa cambia, all’improvviso. Dopo aver chiuso la porta che dava sui vent’anni, ed aver aperto quella dei trenta, lo spagnolo sembra iniziare un’altra carriera. In doppio, con il connazionale Ferrer, riesce ad ottenere un quarto posto alle Olimpiadi di Londra 2012. Quel risultato, però, per quanto possa essere stato inaspettato, non arrivò a caso. Feliciano, infatti, si differenzia da tutti i suoi colleghi spagnoli, perché lui, alla classica terra rossa, preferisce l’erba. Il suo gioco rapido, fatto di spostamenti e discese a rete, trova rifugio nei campi inglesi. Proprio sull’erba britannica, ad Eastbourne, lo spagnolo vince per la prima volta nel 2013 battendo Gilles Simon, e, l’anno dopo, Richard Gasguet. La consapevolezza dell’età che avanza e la voglia di dimostrare qualcosa, a se stesso e agli altri, motivano Feliciano Lopez, che continua a giocare al alti livelli.

Feliciano Lopez agli Australia Open
Feliciano Lopez agli Australia Open

Nel marzo del 2015, appunto, tocca il suo best ranking, issandosi al numero 12 della classifica. Nei tornei dello Slam, il playboy del circuito ATP, non riesce a spingersi oltre i quarti di finale, ma è in doppio che arriva il grande risultato. Al Roland Garros 2016, insieme a Marc Lopez, vince il suo primo titolo Slam, battendo i fratelli Bryan in una tiratissima finale. Finalmente, dopo anni di sacrifici che parevano essere stati inutili, Feliciano può sfoderare il suo bellissimo sorriso e alzare la coppa sotto il cielo di Parigi. Lui però non si ferma; dopo il gran risultato arriva la vittoria a Gstaad e, quest’anno, sull’erba del Queens, dopo aver sfiorato il titolo già nel 2014 (perdendo una spettacolare finale contro Grigor Dimitrov). Lopez sembra vivere un sogno che si chiama “seconda giovinezza tennistica”. La tarda età gli ha portato, differentemente da quanto hanno fatto gli anni addietro, maturità e tranquillità. Questi due ingredienti, uniti ad un talento di base non da poco, continuano ad aiutarlo a vivere il suo sogno. E Feliciano, ora come non mai, sembra essere fiero e contento della sua vita tennistica. Per quanto riguarda quella privata, beh, non è certo uno stinco di santo il nostro bell’iberico. Dopo appena undici mesi di matrimonio con la bellissima Alba Carillo, i due si sono separati, e la causa si dice essere stata l’infedeltà dello spagnolo. In un anno, basandosi su quanto dicono i tabloid spagnoli, Feliciano pare abbia tradito l’ex moglie con una centinaia di donne diverse. Il Casanova del tennis, però, ha sempre messo a tacere queste voci, preferendo il tennis al gossip. E come biasimarlo…?

Numero 35 del ranking ATP, Feliciano si trova ora nella Grande Mela, a disputare il suo sedicesimo US Open. L’avversario col quale dovrà sfidarsi al terzo turno ha poco a che vedere in quanto a titoli, ma è molto vicino allo spagnolo sotto il punto di vista dell’età: Roger Federer. “Sono emozionato” dice Feliciano ad un giornalista spagnolo. “Giocare contro Roger è sempre stato un onore per me, ma farlo ora, ha un gusto diverso”. Un match, quello tra lo svizzero e lo spagnolo, che dice tanto su come le età si siano allungate nel tennis. Fino a qualche tempo fa ci si ritirava sulla soglia dei trent’anni, mentre ora sembra essere l’inizio dei giochi. L’importanza di questa partita, per Lopez, è tanta. E per una volta, forse, non scenderà in campo con tutti i pronostici contro. I problemi di Federer avuti nei due match precedenti, infatti, potrebbero animare ancora di più la passione dello spagnolo, che venderà sicuramente cara la pelle. “Questa partita è speciale. Non so ancora per quanto io e Roger riusciremo a giocare. Potrebbe essere la mia ultima volta contro di lui, ho una grande opportunità”. Con questo spirito la testa di serie numero 31 si prepara al match di domani. Le sue parole sono tutte vere. Chissà per quanto tempo ancora giocatori come loro riempiranno gli stadi in tutto il mondo. Per ora non possiamo saperlo, quindi godiamoci questi momenti come se fossero gli ultimi. Questa è la filosofia di vita di Feliciano Lopez, da qualche anno a questa parte. Lui è la testimonianza vivente che volere è potere, e che neanche quel numeretto, dicesi età, possa metterci i bastoni tra le ruote.

27 commenti

27 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Maria Luisa Urgias Mdn - 3 settimane fa

    Io tifo per te caro Feliciano

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Riccardo Garbarino - 3 settimane fa

    Super Lopez, go!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Marco Tagliavia - 3 settimane fa

    Vai Roger!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Carmine Ferrara - 3 settimane fa

    Se Roger dovesse giocare come nei primi due turni, vale a dire senza rovescio, con il servizio ben sotto la forza che normalmente ha, con il dritto ballerino e con scarsa mobilità sulle gambe, penso che Lopez uscirà vittorioso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Danny Padu - 3 settimane fa

      Vincerà in tre set anche giocando in quel modo lo vedrai!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Camolli Marco - 3 settimane fa

    Vai Feliciano !!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Andy Sans - 3 settimane fa

    Grande Feli!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Toto D'ambrosio - 3 settimane fa

    Posso sapere a che ora gioca il maestro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Trimonti Maurizio - 3 settimane fa

      l’1 di notte

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Toto D'ambrosio - 3 settimane fa

      Noooo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Toto D'ambrosio - 3 settimane fa

      Non era intorno alle 21 22

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Toto D'ambrosio - 3 settimane fa

      Io credo che a quell’ora gioca Nadal

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Alessandro Boesso - 3 settimane fa

      Rf giocherà in orario serale, quindi dopo l’1 di notte..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Liviana Zanovello - 3 settimane fa

    Andrea a che ora gioca Roger?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Liviana Zanovello mamma penso fra le otto e le nove ma poi ti dico ok?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Liviana Zanovello - 3 settimane fa

      sei sicuro andrea? Massimo mi ha detto verso l’una di notte

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Diego Indennimeo - 3 settimane fa

      dopo l’una di notte

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Liviana Zanovello - 3 settimane fa

      Diego Indennimeo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Trimonti Maurizio - 3 settimane fa

      1 di notte

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Liviana Zanovello - 3 settimane fa

      Grazie

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. Liviana Zanovello - 3 settimane fa

      E Nadal? Già che siete così gentili?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    8. Liviana Zanovello io avevo capito Federer a metà serata e Nadal in nottata….poi ci guardo meglio mamma

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Manzella Piero Manzella - 3 settimane fa

    Se Roger gioca senza rovescio e con colpi in generale depotenziati del 30/40% allora, purtroppo, ci sarà poco da vedere. Servirà un miracolo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Orazio Cangelosi - 3 settimane fa

      Credo che tu abbia ragione. Cosí combinato è un miracolo che sia arrivato al terzi turno.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Chiara Demichelis - 3 settimane fa

    ti prego lopez scansati

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Andrea Busetto - 3 settimane fa

    Forza roger

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Finalmente si vedrà del gran SERVE&VOLLEY…finalmente si vedrà del tennis

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy